Cerca nel blog

sabato 18 febbraio 2017

Il primo anno del gruppo Ausl Cultura su Videoregione

Il primo anno del gruppo Ausl Romagna alla trasmissione Salute Informa. 

La puntata andra' in onda su Videoregione, canale 12 o 172, il 26 febbraio e il 1 marzo alle 21, il 27 febbraio alle 645 e alle 1845 e il 2 marzo alle 645 e alle 1845

mercoledì 15 febbraio 2017

Da un farmaco antipsicotico nuove speranze contro il tumore al pancreas

Il carcinoma del dotto pancreatico è il più comune tumore che colpisce questa ghiandola. Le sue percentuali di guarigione sono minime, non solo a causa delle difficoltà di una diagnosi precoce, ma anche per l'assenza di un trattamento farmacologico specifico. Nuove speranze giungono da uno studio pubblicato su Scientific Reports dall'Istituto di nanotecnologia del Cnr, sede di Rende (Cs), in collaborazione con un team di ricercatori francesi e spagnoli. Una molecola utilizzata da tempo per curare gli stati d'ansia si è rivelata utile ad interferire nell'attività di una proteina a struttura disordinata, coinvolta nei processi di sviluppo del tumore al pancreas

Il cancro al pancreas è uno dei tumori più letali e i farmaci finora a disposizione per combatterlo sono solo i generici trattamenti chemioterapici. Il coinvolgimento in questa patologia della proteina Nupr1, appartenente alla classe speciale delle 'proteine intrinsecamente disordinate', è stato dimostrato fin dagli anni '90 da un'équipe dell'Istituto nazionale della sanità di Marsiglia. L'obiettivo di individuare una molecola in grado di inibire questa proteina è stato ora raggiunto grazie a uno studio condotto dall'Istituto di nanotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Nanotec) di Rende (Cs), in collaborazione con l'Università della Calabria e varie unità di ricerca spagnole, tra cui le università di Elche e di Saragozza, il Centro di malattie epatodigestive di Madrid e il Cancer Center di Marsiglia.
"La ricerca è cominciata con lo screening di oltre mille farmaci già approvati per varie indicazioni terapeutiche", spiega Bruno Rizzuti del Cnr-Nanotec di Rende. "L'uso combinato di tecniche sperimentali e di simulazioni al calcolatore ha permesso di identificare alcuni di questi farmaci in grado di interagire con la proteina Nupr1. Esperimenti 'in vitro' hanno poi dimostrato che i composti selezionati sono capaci di diminuire la vitalità delle cellule tumorali, di ridurne le capacità di migrazione e di sopprimere completamente la possibilità di formazione di colonie. Il composto più efficace – una molecola nota come trifluoperazina, finora utilizzata solo per la sua azione antipsicotica – è stato sperimentato 'in vivo' su cellule del tumore del pancreas umano trapiantate su modelli murini, e si è dimostrato in grado di arrestare completamente lo sviluppo della malattia. La molecola in questione ha avvalorato un'efficacia antitumorale superiore perfino ai più potenti trattamenti chemioterapici finora disponibili. Inoltre, lo studio prova che questa nuova molecola non costituirebbe solo un'alternativa ai farmaci già noti, ma può essere combinata con questi per aumentare l'effetto terapeutico complessivo".
Al di là delle possibili ricadute mediche future, e in attesa che si avvii la sperimentazione per l'uso di questo farmaco sull'uomo, questo lavoro segna un passo importante nella ricerca sulle 'proteine con struttura disordinata'. "Secondo uno dei dogmi della biologia classica", aggiunge il ricercatore del Cnr-Nanotec, "la conformazione di una proteina dovrebbe essere unica e ben definita per consentire a ciascuna di queste 'macchine molecolari' di svolgere una precisa funzione. Le 'proteine disordinate' rovesciano la validità di questo principio e, grazie alla loro struttura flessibile, sono in grado di svolgere molteplici funzioni di comunicazione e regolazione cellulare. Tuttavia, quest'assenza di elementi strutturali ben definiti appariva in passato un ostacolo invalicabile per procedere al design razionale di farmaci selettivi per contrastarne l'azione. La dimostrazione della possibilità di individuare molecole attive in grado di inibire le 'proteine disordinate' è un importante passo in avanti che cambia completamente lo scenario nella lotta a numerose patologie e apre la possibilità di moltiplicare il numero di bersagli molecolari che si possono colpire attraverso l'uso mirato di farmaci".

Roma, 15 febbraio 2017



La scheda
Chi: Istituto di nanotecnologia (Cnr-Nanotec) - Licryl (Laboratorio Cristalli Liquidi) Uos di Rende (Cs)- Cemif.Cal (Centro di eccellenza per lo studio dei materiali innovativi funzionali)- Dipartimento di fisica - Università della Calabria; Instituto de Biología Molecular y Celular - Alicante, Spain; Instituto de Biocomputación y Física de Sistemas Complejos (Bifi), Universidad de Zaragoza - Spain; Centre de Recherche en Cancérologie de Marseille (Crcm), France; Instituto Aragonés de Ciencias de la Salud (Iacs) - Zaragoza, Spain; Instituto de Investigaciones Sanitarias (Iis) - Zaragoza, Spain; Centro de Investigación Biomédica en Red en el Área Temática de Enfermedades Hepáticas y Digestivas (Ceberehd), Spain; Servicio de Aparato Digestivo, Hospital Clínico Universitario 'Lozano Blesa' - Zaragoza, Spain; Department of Medicine, University of Zaragoza, Spain.

Che Cosa: una molecola già utilizzata da tempo per curare gli stati d'ansia offre nuove speranze contro il tumore al pancreas. Studio pubblicato su Scientific Reports 'Identification of a Drug Targeting an Intrinsically Disordered Protein Involved in Pancreatic Adenocarcinoma' José L. Neira, Jennifer Bintz, María Arruebo, Bruno Rizzuti, Thomas Bonacci, Sonia Vega, Angel Lanas, Adrián Velázquez-Campoy, Juan L. Iovanna & Olga Abián.  Year: 2017; Issue: 7; Article number: 39732; doi: 10.1038/srep39732 http://www.nature.com/articles/srep39732


--
www.CorrieredelWeb.it

18 febbraio Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger

La cena di gala di ASA Italia per sostenere i progetti dell'associazione

Il 18 febbraio è la giornata dedicata a livello mondiale alla Sindrome di Asperger, un disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento. Spesso associata a nomi di personaggi famosi come Einstein, Mozart e Steve Jobs, la Sindrome nasconde in realtà un vissuto molto difficoltoso e "invisibile", perché la fatica degli Aspie a mettere in atto comportamenti che appartengono alla normalità del vivere quotidiano non viene immediatamente percepita generando incomprensioni e isolamento, che possono sfociare in episodi di bullismo a scuola e di mobbing nel mondo del lavoro.

ASA Italia – Associazione Sindrome di Asperger dedica alla Sindrome una cena di Gala il prossimo 18 febbraio a Milano presso la Società Umanitaria, che ospita la sede dell'Associazione. Il ricavato andrà a finanziare le attività svolte dall'Associazione per migliorare la qualità della vita degli Aspie, prima fra tutte l'esperienza di Casa Riccardo a Vailate, un luogo speciale dove ASA organizza weekend su misura per adolescenti e giovani adulti con Sindrome di Asperger e autismo ad alto funzionamento con la presenza di educatori specializzati, offrendo loro la possibilità unica di condividere esperienze di vita in comune e sperimentare con i coetanei il piacere di raggiungere l'autonomia nello svolgimento delle attività della vita quotidiana al di fuori del proprio nucleo familiare.

"La nostra Associazione si impegna con passione per l'informazione e la formazione sulla sindrome di Asperger, gli unici reali strumenti che possono fare la differenza per migliorare la qualità della vita degli Aspie – afferma Milena Polidoro, presidente di ASA Italia. Vogliamo offrire servizi concreti, che sappiano mettere in relazione tutte le competenze per poter dare adeguato supporto a chi vive un disturbo dello spettro autistico".

La cena raccoglierà fondi per i progetti dell'Associazione, principalmente focalizzati sulla formazione di personale qualificato. Ultima iniziativa in ordine di tempo è stata l'apertura di uno Sportello d'Ascolto, con l'obiettivo di accogliere e comprendere il bisogno degli utenti aiutandoli a decidere quale potrebbe essere il percorso migliore da seguire.

Durante la cena verranno premiate alcune personalità che più di tutte in quest'anno hanno speso energie e risorse per progetti legati alla Sindrome di Asperger, allo scopo di far conoscere questa realtà e offrire aiuto concreto agli Aspie e alle loro famiglie.


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 14 febbraio 2017

SCLEROSI MULTIPLA: UNO SPAZIO PER I FAMILIARI


SCLEROSI MULTIPLA: UNO SPAZIO PER I FAMILIARI


2 incontri dedicati a chi si prende cura (familiari, assistenti familiari, badanti, ecc...)

 

 

• Sabato 25 febbraio 2017 dalle 09,30 alle 15,30

• Sabato 18 marzo 2017 dalle 09,30 alle 15,30

 

 

Presso la Sezione AISM di Roma sita in via Cavour 179/A

E' richiesta agli iscritti la partecipazione ad entrambi gli incontri

 

"Aver cura di Sé nei percorsi di assistenza alle persone con Sclerosi Multipla"

 

La Sclerosi Multipla coinvolge l'intera rete familiare ed amicale. L'impatto della malattia, le reazioni emotive, i bisogni, la definizione di progetti inevitabilmente impattano sulla vita di chi è accanto e si prende cura della persona con SM. Non sempre, però, questi vissuti e bisogni trovano spazio per esprimersi, né trovano risposte adeguate.

La Sezione AISM di Roma, con il contributo delle Psicologhe di Sezione esperte in SM, realizzerà 2 incontri dedicati esclusivamente ai familiari ed agli assistenti  di persone con SM, con l'obiettivo di agevolare il confronto, informare e fornire strumenti per affrontare la Sclerosi Multipla giorno dopo giorno. La partecipazione agli incontri è gratuita, previa iscrizione, tramite i recapiti della Sezione.



--
www.CorrieredelWeb.it

Benessere: lo yoga e la sclerosi multipla


Lo Yoga ci insegna a curare ciò che non si può sopportare
e sopportare ciò che non può essere curato
 
(B.K.S. Iyengar).


Praticato per secoli sia come medicina che come percorso spirituale, lo yoga (che vuol dire "legare insieme") non è semplicemente un esercizio fisico, ma un vero e proprio sistema di vita, una pratica che può aiutare a vivere una vita più sana e felice.
Lo yoga può anche migliorare la qualità della vita delle persone con SM. Come? Se vuoi saperne di più leggi il nostro approfondimento su Yoga e SM pubblicato sul sito AISM.

Yoga e SM: scopri di più
Questo è il primo di una serie di focus che proporremo nel corso dell'anno su temi legati al benessere: come pilates, tai chi, nordic walking, acquagym e feldenkrais.

Buona lettura!
"L'opera umana più bella è di essere utile al prossimo." [Sofocle]
Metti anche tu un mattone per costruire un mondo libero dalla SM.
Dona ora





--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 13 febbraio 2017

Ministro Lorenzin conferma posizione su trattamenti chemioterapici per via locoregionale

Con riferimento alle dichiarazioni rese dall’Assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, in ordine alla risposta fornita dal Ministro della salute, On. Beatrice Lorenzin, nel corso della seduta di Question Time svoltasi alla Camera dei Deputati lo scorso 8 febbraio, all’interrogazione degli On.li Zolezzi ed altri del M5S, si precisa quanto segue.

Contrariamente a quanto affermato dall’Assessore Gallera, il Ministro Lorenzin non ha “scelto un question time della Camera per comunicare importanti informazioni che riguardano una nostra struttura ospedaliera” ma ha, invece, risposto, come era suo obbligo istituzionale nei confronti del Parlamento, ad una interrogazione a risposta immediata presentata dal M5S, il cui quesito non era, peraltro, riferito alla Struttura complessa di oncologia dell’ASST “Carlo Poma” di Mantova ma era volto a chiedere al Ministro della salute se ritenesse “utile promuovere, anche avvalendosi dell’Istituto superiore di sanità, studi sulla somministrazione di farmaci oncologici per via locoregionale”.

Ed è proprio a tale domanda che il Ministro ha dato risposta, riferendo al Parlamento gli elementi tecnico-scientifici forniti in proposito dall’Istituto Superiore di Sanità e dall’Agenzia Italiana del Farmaco e concludendo, sulla base dei predetti elementi informativi, “che non sussistono evidenze scientifiche forti che giustifichino l’avvio di studi clinici sui trattamenti chemioterapici per via locoregionale”.

Ad ulteriore riprova del fatto che la risposta fornita all’interrogazione parlamentare non sia stata, per così dire, strumentalmente utilizzata dal Ministro “per comunicare importanti informazioni che riguardano una nostra struttura ospedaliera”, come gravemente affermato dall’Assessore Gallera, si evidenzia che il Ministro Lorenzin, in apertura del suo intervento alla Camera, ha evidenziato, preliminarmente, “che come ricordato dagli Onorevoli interroganti, la Procura della Repubblica di Mantova ha avviato un’inchiesta penale sui fatti verificatisi presso la struttura complessa di oncologia “Carlo Poma” di Mantova”; un richiamo che era volto a sottolineare che il Ministro non intendeva entrare nel merito delle vicende verificatesi nella predetta struttura ospedaliera, per doveroso rispetto nei confronti della magistratura inquirente che sta conducendo delle indagini in proposito.
 
Quanto, infine, alla circostanza, riportata dall’Assessore Gallera, che quanto dichiarato dal Ministro Lorenzin nella seduta del Question Time sarebbe in aperta contraddizione con le conclusioni dell’ispezione disposta dal Ministero della salute nei confronti della Struttura complessa di oncologia dell’ASST “Carlo Poma” di Mantova, si rileva che gli ispettori ministeriali, nella propria relazione, hanno espressamente evidenziato “che le osservazioni e le valutazioni contenute nel presente resoconto, elaborate a seguito dei citati colloqui con i vertici aziendali e con i professionisti interessati, nonché in base all’analisi della documentazione disponibile sono unicamente dirette ad analizzare le problematiche di natura organizzativa ed assistenziale”. 

Tutto ciò dimostra l’assenza di qualsivoglia elemento di contraddizione e conferma che il Ministro Lorenzin ha fornito in Parlamento delle valutazioni, di carattere eminentemente tecnico scientifico, in relazione alla metodica della somministrazione di farmaci oncologici per via locoregionale e non ha, invece, ‘approfittato’ della sede parlamentare per fare valutazioni che riguardano le vicende occorse presso la Struttura complessa di oncologia dell’ASST “Carlo Poma” di Mantova, vicende che, lo si ribadisce, sono oggetto di indagini penali.

Leggende metropolitane. Meglio lo zucccheo grezzo o quello raffinato?

A dieta è meglio lo zucchero bruno o quello bianco?

Roma, 13 Febbraio 2017. Sorseggiando un caffe' al bar mi imbatto spesso in affermazioni sullo zucchero bruno, quello di canna grezzo, contenuto nelle apposite bustine.

"Scelgo quello bruno perche' ingrassa di meno",
si sente dire ma sono leggende metropolitane.

Lo zucchero bruno, di canna grezza, e' formato sostanzialmente di saccarosio, come quello bianco da barbabietola, in piu' ha qualche residuo di melassa che gli da' quel colore ma, viste le quantita' esigue contenute nelle bustine, e' del tutto ininfluente relativamente alla composizione in saccarosio e quindi alle qualita' nutrizionali.

Di conseguenza, possiamo tranquillamente usare l'uno o l'altra tipologia di zucchero.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


giovedì 9 febbraio 2017

ISS, Lorenzin: “Grande soddisfazione per ok emendamento su stabilizzazione precari”

Istituto Superiore di Sanità, Lorenzin: "Grande soddisfazione per ok emendamento su stabilizzazione precari"

 

"Apprendo con grande soddisfazione che è stato approvato l'emendamento per la stabilizzazione dei precari dell'Istituto Superiore di Sanità". 

È quanto afferma il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin in relazione al via libera della Commissione Affari costituzionali del Senato all'emendamento per la stabilizzazione dei lavoratori precari dell'Istituto nell'ambito del decreto Milleproproghe. 

"I ricercatori e il personale precario dell'Istituto – sottolinea il Ministro - in questi anni hanno contribuito in modo essenziale ad assicurare lo svolgimento delle fondamentali funzioni dell'Iss ed è per questa ragione che ci siamo impegnati nel trovare una soluzione al disagio vissuto dai lavoratori cui finalmente vengono date risposte".

L'emendamento approvato prevede che nel triennio 2017-2019, nel rispetto della programmazione triennale del fabbisogno, l'Istituto superiore di sanità potrà bandire, in deroga alle procedure di mobilità, procedure concorsuali per assunzioni a tempo indeterminato di 230 persone.

 




--
www.CorrieredelWeb.it

“SHU” SALUTE ED EFFICIENZA ENERGETICA IN CASA.

Armoniosamente integrato all'ambiente, elimina la muffa e l'umidità grazie al sistema di circolazione dell'aria a doppio flusso continuo.   

Migliora l'efficienza energetica con un recupero di calore dell'86%, certificato TÜV e un consumo inferiore a 40 centesimi al mese.    


Schio (VI), 9 febbraio 2017 – SHU è un sistema di Ventilazione Meccanica Controllata a parete in grado di rinnovare costantemente l'aria interna degli ambienti, filtrandola ed eliminando muffa e umidità grazie all'innovativo sistema a doppio flusso continuo.   

Ottime prestazioni anche in fatto di risparmio energetico, con un'efficienza di recupero termico dell'86%, certificato TÜV, e un consumo ridotto a meno di 5 watt. 

Grazie al ricambio continuo d'aria si evita la formazione di muffe, pericolose per la salute, e si respira sempre aria nuova e purificata grazie ai filtri F7.   

SHU è facile e veloce da installare in qualsiasi abitazione, perché non richiede opere murarie invasive. Agile e flessibile, è proposto in un raffinato design per essere in armonia con lo stile architettonico di qualsiasi spazio ed è personalizzabile in qualsiasi colorazione.   

SHU è un vero sistema intelligente, perfetto sia per nuovi edifici che per interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione.  

"SHU" è frutto della ricerca e tecnologia ALPAC, azienda vicentina specializzata nella progettazione di sistemi di ventilazione meccanica controllata in grado di contribuire alla qualità dell'aria interna in ogni ambiente, tutelando la salute e il benessere di chi vi abita.


--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 8 febbraio 2017

International Congress on Wax Modelling (Londra settembre 2017)



CEROPLASTICS
INTERNATIONAL CONGRESS ON WAX MODELLING
Modelling the Flesh
London 1-2-3 September 2017

L’1, 2, 3 settembre 2017, al Gordon Museum of Pathology del Kings College di Londra si celebrerà il primo congresso Internazionale sulla Ceroplastica, degli ultimi quarant’anni (il primo venne fatto al Museo della Specola dell’Università degli Studi di Firenze nel 1975 e un altro, minore, nel 1978 a Londra).
In collaborazione con il Gordon Museum, Madame Tussauds e con l’appoggio del Wax Chandlers (Corporazione dei Ceraioli), il Comitato scienti co del Ceroplastics - International Congress on Wax Modelling organizza tre giornate di studio dedicate alla storia, alla conservazione, al restauro, alla tecnica di quest’arte, tornata recentemente molto in auge.
Interverranno relatori della Specola e dell’Opi cio delle Pietre Dure di Firenze, di Madame Tussauds, del Gordon Museum, del Victoria & Albert Museum, della Westminster Abbey di Londra, del Josephinum e del Kunsthistorisches Museum di Vienna e del Museo Olavide di Madrid.
Un evento di notevole interesse nell’ambiente internazionale scientifico.
PRIMO CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CEROPLASTICA
1- 2 - 3 SETTEMBRE 2017
GORDON MUSEUM OF PATHOLOGY – KINGS COLLEGE LONDRA
http://www.waxmodellinglondon2017.com
Tra i relatori che parteciperanno al congresso:
- Francesco M. Galassi, paleopatologo, Institute of Evolutionary Medicine, Università di Zurigo. Inserito dalla prestigiosa rivista americana Forbes, nella lista dei 30 scienziati più in uenti in Europa under 30, per i suoi studi paleopatologici e storico medici. http://www.forbes.com/pro le/francesco-maria-galassi/ http://www.forbes.com/30-under-30-europe-2017/science-healthcare/#4881e5931f7b
- Francis Wells, Cardiochirurgo, Papworth Hospital Cambridge.Il Prof. Wells ha sviluppato una tecnica innovativa per la riparazione delle valvole cardiache , dopo essersi ispirato ai disegni anatomici di Leonardo da Vinci. Utilizzando questo metodo, ha eseguito con successo più di duemila riparazioni della valvola mitrale. I suoi studi sui disegni leonardeschi, oltre ai signi cativi risultati medici, sono molto apprezzati tra gli esperti di storia dell’arte.
- Sharon Hecker, Curatrice e Storica dell’Arte, esperta in Medardo Rosso, ha pubblicato:A Moment’s Monument: Medardo Rosso and the International Origins of Modern Sculpture University of California Press, 2017. www.ucpress.edu/book.php?isbn=9780520294486E curato recentemente l’esposizione: Medardo Rosso: Experiments in Light and Form Pulitzer Arts Foundation, November 11, 2016 - May 13, 2017. Saint Louis, Missouri, USA. http://pulitzerarts.org/exhibition/medardo-rosso
- Roberta Ballestriero, Presidente del CongressoLicenziata all’Accademia di Belle Arti di Venezia con una tesi di Storia, relatrice la Prof.ssa Gloria Vallese. Dopo un Dottorato Europeo per l’Università Complutense di Madrid (per cui ha vinto il ‘Premio Exraordinario de Doctorado’ per la miglior tesi) si è trasferita in UK dove insegna storia dell’arte dal 2004. Attualmente lavora come Associated Lecturer per il Masters of Art and Science al Central Saint Martins College, University of the Arts di Londra http://www. artsciencecsm.comDal 2013 è “Art Historian in residence” al Gordon Museum of Pathology del Kings College dov’è custodita la collezione di cere anatomiche, patologiche e dermatologiche dell’artista inglese Joseph Towne.Negli ultimi 20 anni ha continuato le ricerche sulla ceroplastica pubblicando su libri e riviste scienti che (l’ultimo articolo, di cui ha parlato anche Discovery News, riguarda la causa di morte di Madame Tussauds http://www.seeker.com/madame-tussauds-mysterious-cause-of- death-has-just-been-revealed-2131854492.html).
EVENTI COLLATERALI AL CONGRESSO- “Modelling the Flesh”: un’esposizione di opere d’arte in cera, di tre artiste contemporanee https://www.waxmodellinglondon2017.com/art-exhibition
- Dimostrazione della tecnica di ceroplastica anatomica del 1700 a cura dell’artista inglese Eleanor Crook: https://www.waxmodellinglondon2017.com/demonstration
- Workshop di ceroplastica anatomica, ricostruzione forense a cura dell’artista belga Pascale Pollier: https://www.waxmodellinglondon2017.com/workshop
- “Call for Papers” aperto a storici, conservatori, restauratori, artisti, storici dell’arte etc. Scadenza per presentare un abstract è il 31 marzo 2017. https://www.waxmodellinglondon2017.com/call-for-papers
Ceroplastics - International Congress on Wax Modelling - 1,2,3 September 2017
Modelling the Flesh
Info contatti : www.waxmodellinglondon2017.com
info@waxmodellinglondon2017.com
www.facebook.com/waxmodellinglondon2017
President: Roberta Ballestriero (London)Vice Presidents: Bill Edwards (London), Eleanor Crook (London) Organising Committee: Francis Wells (Cambridge), Francesco Maria Galassi (Zurich), Pascale Pollier (London), Louise Baker (London)Webmaster, Photography: Owen Burke (London)

L'esperienza del Sistema Integrato di Assistenza al Trauma grave dell' Ausl Romagna esposta in Svezia al Simposio Mondiale.Presentata la tecnica REBOA per il trattamento del paziente con trauma grave.

Si è tenuto in questi giorni ad Orebro, città universitaria che dista circa 200 chilometri dalla capitale svedese Stoccolma, il Simposio mondiale di Endovascular hybrid Trauma and Bleeding Management. 

L’importante evento ha visto la partecipazione di rappresentati dei più importanti Trauma Centers del mondo, in un ricco confronto in merito alle complesse tecniche di Resuscitative Endovascular Balloon Occlusion of the aorta (REBOA), ancora pionieristiche nell’ambito traumatologico. 

L’AUSL della Romagna era rappresentata dal Sistema Integrato di Assistenza al Trauma grave (SIAT), coordinato dal Dr. Vanni Agnoletti in qualità di Direttore della Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Bufalini di Cesena, identificato dai primi anni 2000 quale centro traumi della Romagna.

Lo scopo del SIAT è quello di fornire al paziente con trauma maggiore la cura più appropriata nel più breve tempo possibile. Questo significa che già in fase pre-ospedaliera deve essere identificato il trauma maggiore affinchè il trasporto converga nella sede di cura definitiva nel più breve tempo possibile.

Un trauma maggiore è un evento che determina lesioni singole o multiple di entità tale da costituire un pericolo per la vita del paziente.

L'Emilia Romagna puo' vantare, da ottobre 2006, persino un Registro regionale dei traumi gravi, cui contribuisce anche il trauma Center di Cesena, un flusso informativo nel quale confluiscono dati sui pazienti traumatizzati, sui percorsi assistenziali attivati e sugli esiti delle cure.

Al convegno mondiale, il Dr. Emiliano Gamberini, collaboratore delegato dal Dr. Agnoletti, ha avuto l’opportunità di presentare per l’Italia gli incoraggianti risultati ottenuti dal “Romagna” Trauma Center di Cesena, con l’applicazione della tecnica REBOA, applicata in modo innovativo nel trattamento del paziente vittima di trauma grave con shock emorragico. "E’ stato possibile raggiungere tali risultati - spiegano i medici romagnoli - solo grazie all' efficace partecipazione di tutti i professionisti coinvolti (118, Pronto Soccorso, Chirurgia d’Urgenza, Radiologia diagnostica ed interventistica, Centro trasfusionale, Ortopedia, ecc.) in una interazione che non può che essere multidisciplinare per essere efficace. "

“E’ stato veramente emozionante poter scambiare la propria esperienza con colleghi provenienti da tutto il mondo” - prosegue il Dott. Gamberini - La strada intrapresa è quella giusta :continueremo a lavorare sapendo che siamo parte di una rete internazionale e che il nostro lavoro è riconosciuto e stimato anche fuori dai confini nazionali”.

giovedì 2 febbraio 2017

SALUTE: COLDIRETTI, ALLARME PESTICIDI AUMENTA 22 VOLTE IN CIBI EXTRAUE

I prodotti alimentari italiani sono quasi ventidue volte più sicuri di quelli extracomunitari per quanto riguarda il contenuto in residui chimici. È quanto afferma la Coldiretti in riferimento all'allarme di Legambiente sui pesticidi, sulla base dell'ultima relazione dell'Autorità per la sicurezza alimentare (Efsa) dalla quale si evidenzia che il 6,5% per i campioni provenienti da paesi extracomunitari, conteneva residui superiori ai limiti di legge, soprattutto per la presenza di tracce di pesticidi non approvati nell'Ue. Al contrario secondo il "National summary reports on pesticide residue" pubblicato dall'Efsa appena lo 0,3% dei prodotti Made in Italy, - sottolinea la Coldiretti - contiene residui chimici oltre il limite mentre la percentuale sale all'1,6 per cento per i prodotti di origine comunitaria. L'invasione di prodotti alimentari provenienti dall'estero aumenta dunque il rischio per i consumatori come dimostra "la classifica dei cibi più pericolosi" elaborata dalla Coldiretti sulla base del Rapporto del Ministero della Salute sui sistema di allerta europeo che per quanto riguarda i pesticidi vede in testa per pericolosità le spezie dall'India come il peperoncino fichi secchi e peperoni, dalla Turchia ma anche la frutta e verdura dall'Egitto come olive e fragole e i broccoli ed i funghi dalla Cina. Paesi – precisa la Coldiretti - dai quali arrivano spesso cibi diventati di gran moda  in Italia come ad esempio la curcuma originaria dell'India o le bacche di goji, i fagioli azuchi e lo zenzero che sono in gran parte di provenienza cinese. Al contrario l'agricoltura italiana - conclude la Coldiretti - è la più green d'Europa con 288 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp) e 415 vini Doc/Docg, il divieto all'utilizzo degli Ogm e il maggior numero di  operativi biologici circa 60mila con quasi 1,5 milioni di ettari coltivati o in conversione.

--
www.CorrieredelWeb.it

In tavola il pane della salute - Università di Pisa capofila progetto MIUR

Un progetto per portare in tavola il pane della salute

L'Università di Pisa capofila del progetto triennale finanziato dal MIUR per studiare prodotti da forno con elevate proprietà nutraceutiche

Sviluppare un sistema modello per produrre diversi tipi di pane ad elevato valore salutistico per la catena alimentare italiana. E' questo l'obiettivo del progetto di ricerca "Processing for healthy cereal foods", appena finanziato dal Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e di cui l'Università di Pisa è capofila. 

L'idea del progetto è di selezionare cereali integrali, lieviti e batteri lattici per ottenere pani con elevate proprietà nutraceutiche, capaci ad esempio di incidere positivamente sull'indice glicemico e sulle attività antiossidanti e antiinfiammatorie. 

"Nel corso del progetto valuteremo queste proprietà mediante test in vitro e pre-clinici, per identificare le più efficienti combinazioni tra farine, microrganismi e processi produttivi ai fini del miglioramento della salute umana. In particolare saranno analizzate le farine ottenute da 5 diversi cereali, fermentate con lieviti e batteri lattici selezionati da un pool di oltre 350 ceppi" spiega la professoressa Manuela Giovannetti, microbiologa presso il dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell'Università di Pisa e direttore del Centro di Ricerca Nutrafood, che coordina il progetto nazionale.

Le proprietà funzionali dei grani integrali possono essere migliorate, oltre che attraverso processi tecnologici, utilizzando la fermentazione naturale con lieviti e batteri lattici, capaci di degradare fattori antinutrizionali, migliorare la qualità delle fibre e aumentare la biodisponibilità di fitochimici.

Finanziato con circa 380mila euro, il progetto "Processing for healthy cereal foods" durerà tre anni e oltre all'Ateneo pisano i partner sono le università di Torino, Milano, Firenze, Bari, Politecnico delle Marche e l'Istituto di Scienze dell'Alimentazione del CNR.

"La creazione di una rete di "expertise" rappresenterà il punto di riferimento nazionale per lo sviluppo e la produzione di pani ad alto valore salutistico" afferma la Prof.ssa Giovannetti, che coordinerà anche le azioni per la costituzione di una banca del germoplasma di lieviti e batteri lattici selezionati per le loro specifiche funzionalità nutraceutiche. 



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 1 febbraio 2017

Sclerosi multipla. Invalidità civile: tutti gli importi 2017 | Ricerca e terapie | Le storie del blog



Ripercorriamo qui sotto alcune delle notizie più rilevanti pubblicate nell'ultimo mese. 
Buona lettura!

 

Diritti

Invalidità civile 2017 INPS: importi e limiti di reddito per assegni e pensioni
L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale ha emanato la Circolare con cui indica i nuovi importi e limiti di reddito per aver diritto ad assegni e pensioni.

 

Terapie

Sicurezza ed efficacia di Amiselimod. I risultati di uno studio fase II
Una ricerca multicentrica internazionale ha dimostrato che il farmaco, simile al fingolimod, è sicuro ed efficace. Rispetto al predecessore presenta meno effetti collaterali sulla frequenza cardiaca. Si attende la fase III della sperimentazione
 

Terapie per la SM: la testimonianza

Infusioni, equilibrio e traguardi. Un anno con Alemtuzumab
Dopo un anno dal primo ciclo di infusioni con alemtuzumab, ecco il racconto della seconda seduta.
 

Ricerca

Forme progressive: gli effetti della biotina per la disabilità nella sclerosi multipla
I risultati suggeriscono che alte dosi della vitamina potrebbero invertire l'aumento della disabilità. Ma i numeri sono troppo piccoli per dare risposte definitive. L'articolo pubblicato sulla rivista Multiple Sclerosis
 

Diventa ambasciatore

Non c'è AISM nel tuo Comune? Entra in azione!
AISM ha bisogno del tuo aiuto per portare avanti l'importante e delicata battaglia per un mondo libero dalla sclerosi multipla. Poche ore del tuo tempo, ogni anno, sono preziose per presentare a tanti potenziali sostenitori l'impegno dell'Associazione
 

I sintomi vigliacchi della SM

Perché proprio la destra? SM e funzionalità della mano
Alcuni sintomi sono proprio "vigliacchi", e in grado di minare l'autostima. Ma a volte, per non lasciarsi sopraffare basta davvero poco.
 

In viaggio

Viaggio in America: un'esperienza totalmente accessibile
Un viaggio negli Stati Uniti tra barriere architettoniche, musei, salite, grattacieli. Il racconto di Alessia
 

Leggi le altre news sul sito www.aism.it

"Si sopravvive di ciò che si riceve, ma si vive di ciò che si dona." [Carl Gustav Jung]
Metti anche tu un mattone per costruire un mondo libero dalla SM.
Dona ora






--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI