CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

giovedì 10 agosto 2017

Nasce ISDE SALENTO Medici in campo per tutelare Ambiente e Salute dei Cittadini

Medici in prima linea come "sentinelle" dello stato di salute del territorio e dell'ambiente del Salento: questo è l'ISDE (International Society of doctors for the environment, Medici per l'ambiente)  che ha ora anche una sezione salentina, la prima Inter provinciale a livello nazionale comprendente Lecce e Brindisi, nata in un momento cruciale che vede registrarsi campanelli d'allarme importanti dopo l'esplosione del caso Ilva e la prova del nesso di causa effetto tra l'attività della centrale a carbone di Cerano e i danni alla salute della popolazione  (come attestato dallo studio condotto dal dr F. FORESTIERE per la regione Puglia presentato a Bari il 4 luglio). 


Per cercare di monitorare la situazione sul territorio  e favorire l'incontro tra scienza, politica ed etica, riconoscere il valore dell'ambiente fisico, ma anche sociale e di tutti i determinanti di salute, si è costituita nei giorni scorsi presso il Castello di Corigliano d'Otranto (Le), l'Associazione Isde Salento, durante un "aperitivo culturale" organizzato dall'associazione culturale Socrate offerto nel programma "Corigliano d'Otranto città del sapere e delle scienze".
 
La costituzione della Sezione interprovinciale salentina  - affiliata a Isde Italia - è stata promossa  da un gruppo di circa 50 medici (con alcune presenze del mondo della ricerca e della comunicazione sanitaria ) con la benedizione del Presidente nazionale Isde Roberto Romizi, dell'ordine dei medici di Lecce  e del Presidente dell'Ordine dei medici di Brindisi (delegato Fnomceo per l'ambiente ) Emanuele Vinci.
 
Nel corso della serata è stato indicato come primo Presidente il Dr. Giammarco Surico direttore della oncologia di Lecce che sarà affiancato dal Vicepresidente Dr. Pasquale Barone direttore della pneumologia dell'Ospedale "Panico" di Tricase, dal consigliere  dr Luigi Peccarisi  (Ordine dei medici di Lecce ), dal Segretario il dr Sergio Mangia che ha entusiasticamente promosso la costituzione della sezione salentina come punto di aggregazione dei medici di famiglia sui temi ambientali e dai Consiglieri Dr. Prisco Piscitelli, Prof. Antonella De Donno (Referenti scientifici, Formazione e Ricerca), Dr. Antonio Metrucci (Presidente Simg Lecce), Dr.ssa Maria Lucia Santoro (Fimp ambiente), Dr.ssa Michela Andrani (Medico di medicina generale).
 
Isde Salento, riservando una particolare attenzione ai problemi dell'insostenibilità di una crescita economica senza regole che antepone i profitti alla salute, sosterrà anche iniziative di enti pubblici (amministrazioni, agenzie, ecc.) o di privati (associazioni, comitati, ecc.) che interessino la difesa dell'ambiente e della salute; raccoglierà e diffonderà le informazioni relative alle attività svolte da altri nel settore ambientale e sanitario - hanno detto i promotori dell'Associazione -. Isde con il suo ruolo si pone dunque come interfaccia tra il mondo scientifico, la popolazione e gli amministratori comunali per una diffusione delle conoscenze relative ai problemi della salute legati all'ambiente.
 
«Accolgo con interesse e partecipazione la nascita di questa nuova 'sentinella' Isde su Lecce, posta l'allarmante situazione dal punto di vista ambientale delle aree di Brindisi e Taranto - spiega il Presidente Isde, Surico -. In queste zone, da anni Isde sta conducendo una battaglia di civiltà con rilievi epidemiologici segnati da incidenze tumorali e inquinamento ambientale. Nelle province di Lecce e Brndisi si è registrata la presenza di fattori di inquinamento ambientale derivanti da impianti industriali; a Lecce esistono cluster di Comuni particolarmente a rischio toccati da polveri sottili PM10 E PM2.5 nonché da monoparticelle cancerose  per la vicinanza di opifici di altre province e  impianti propri . Ad oggi l'arma più efficace nella lotta alle patologie tumorali e respiratorie è la prevenzione e in questo l'ambiente gioca un ruolo predominante. Isde in questi anni ha affiancato le istituzioni che hanno intrapreso una campagna per l'ambiente basata su dati scientifici e mirata alla decarbonizzazione dell'Ilva e Cerano. Da oggi il Salento avrà questo nuovo e importante presidio ambientale che affiancherà le  istituzioni in quella che può essere definita una battaglia di civiltà». 

«La nascita della sezione provincia di Lecce dell'Isde - dice il Vicepresidente di Isde, Barone - è il risultato di una idea maturata già da tempo insieme all'amico Prisco Piscitelli quando, in occasione di incontri per uno studio epidemiologico ed etiopatogenetico sul tumore del polmone condotto dalla Asl, e al quale il mio centro collaborava, abbiamo sentito l'esigenza di approfondire le problematiche ambientali connesse a questo tema, in maniera fattiva, sempre rigorosamente scientifica, senza proclami, ma con la moderazione e la prudenza che è necessaria quando si affrontano tali problematiche. Grazie anche alla spinta di altri colleghi contattati siamo riusciti a creare un gruppo di valore, fra tutti il nostro presidente Dr. Surico dell'oncologico di Lecce, che cercherà di essere parte attiva e di stimolo alle istituzioni su tutte le problematiche ambientali che impattano sulla salute della popolazione salentina». 
 
Infine, l'epidemiologo e ricercatore Dr. Prisco Piscitelli  aggiunge: «Dal momento che le problematiche ambientali con potenziale impatto sulla salute in Salento non sono circoscrivibili in ambito provinciale, si cercherà con questa nuova Associazione una sinergia con medici di Brindisi, ad esempio sulle possibili eventuali ricadute nell'area vasta salentina dei grandi impianti brindisini con possibili impatti sulle patologie cardiovascolari, respiratorie e oncologiche. Un primo appuntamento formativo (in collaborazione con Isbem e l'Università del Salento), sarà un workshop dedicato all'epigenetica col prof Ernesto Burgio  (una nuova disciplina scientifica che ha riscritto completamente la teoria della cancerogenesi evidenziando un ruolo determinante degli agenti inquinanti)».


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *