Cerca nel blog

lunedì 13 marzo 2017

Alzheimer. Donne: due terzi del peso della Demenza su di loro

La Federazione Alzheimer Italia presenta il rapporto "Donne e Demenza: una sfida globale" del Global Alzheimer's and Dementia Action Alliance

Le donne portano il peso della crisi globale della Demenza

La Demenza è tra le prime 10 cause di morte per le donne, secondo l'OMS.
Due terzi dei caregiver sono donne.

Milano, marzo 2017 - La Federazione Alzheimer Italia - la maggiore non profit nazionale dedicata al supporto di malati e famiglie, e referente per l'Italia di Alzheimer's Disease International (ADI) - presenta il rapporto "Donne e demenza: una sfida globale", redatto dal Global Alzheimer's and Dementia Action Alliance (GADAA, un network di organizzazioni internazionali della società civile create e coordinate da Alzheimer's Society, ADI, Age International e Dementia Alliance International).

"Per perseguire il nostro obiettivo primario di migliorare sempre di più la qualità di vita di malati e familiari, è necessario considerare l'impatto che la Demenza ha sulle donne", commenta Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia

"Le donne sono coinvolte nella Demenza come persone che maggiormente ne vengono colpite, come familiari che assistono il proprio caro, come badanti per il supporto in casa dei malati. E garantiscono un'assistenza al domicilio che in Italia, ma anche in tutto il mondo, è sottostimata. La prevalenza, il peso dell'assistenza, lo stigma e la gravità della malattia colpiscono sproporzionatamente le donne: la demenza è una questione delle donne che non si può più ignorare".

Lo studio di GADAA riferisce infatti che, da un lato, le donne hanno una maggiore probabilità rispetto agli uomini di essere colpite dalla malattia: la demenza viene considerata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità tra le prime dieci cause di mortalità per le donne nel mondo.

Dall'altro, le donne costituiscono la maggioranza dei caregiver coinvolti nella cura: nel mondo sono donne due terzi dei caregiver, dato che aumenta a più del 70% nei Paesi a basso e medio reddito.

Questi numeri sono ancora più gravi se si leggono guardando ai dati globali della Demenza: nel mondo sono 47,5 milioni le persone colpite, con una persona che sviluppa la Demenza ogni 3 secondi. In Italia si stima che la demenza colpisca 1.241.000 persone.
Anche lo stigma che circonda la Demenza esiste universalmente, e il rapporto di GADAA evidenza in particolare come le donne malate debbano affrontano il cosiddetto "triplo rischio": si sentono infatti discriminate a causa del genere, dell'età, della condizione medica.

È necessario quindi sviluppare nuove e ulteriori ricerche relative al tema della Demenza correlata alle donne, in particolare focalizzandosi su quei fattori che contribuiscono a sviluppare resilienza, adeguarsi al contesto e affrontare il lungo periodo della malattia. Anche perché - rileva ancora il rapporto di GADAA - le donne hanno anche meno tempo per dedicarsi alla propria cura, poiché risentono della pressione quotidiana di altre attività (che riguardano la gestione della famiglia e la cura della casa, e che si aggiungono alla quotidiana attività lavorativa e all'eventuale assistenza di un malato in casa).

In merito alla mancanza di ricerche e soluzioni basate sul genere, Marc Wortmann, Direttore Esecutivo di ADI commenta: "Le risposte che considerano il ruolo del genere arrivano soprattutto dalle strategie nazionali di lotta alla Demenza sviluppata dalle organizzazioni non governative. L'assenza di chiare prospettive di genere sottolinea l'importanza vitale che le ONG che si focalizzano sulle donne collaborino con specialisti della Demenza e governi per integrare la parità di genere nelle future azioni".

Per approfondimenti: www.alzheimer.it

La malattia di Alzheimer
Demenza è un termine usato per descrivere diverse malattie che comportano l'alterazione progressiva di alcune funzioni (memoria, pensiero, ragionamento, linguaggio, orientamento, personalità e comportamento) di severità tale da interferire con gli atti quotidiani della vita. La demenza non ha confini sociali, economici, etnici o geografici. La malattia di Alzheimer è la più comune causa di demenza (rappresenta il 60% di tutti i casi). È un processo degenerativo che colpisce progressivamente le cellule cerebrali, provocando quell'insieme di sintomi che va sotto il nome di "demenza", cioè il declino progressivo e globale delle funzioni cognitive e il deterioramento della personalità e della vita di relazione.
Il Rapporto Mondiale Alzheimer 2015 rileva che ci sono nel mondo 46,8 milioni di persone affette da una forma di demenza (nel 2010 se ne stimavano 35 milioni), cifra destinata quasi a raddoppiare ogni 20 anni. I nuovi casi di demenza sono ogni anno oltre 9,9 milioni, vale a dire un nuovo caso ogni 3,2 secondi.
In Italia si stima che la demenza colpisca 1.241.000 persone (che diventeranno 1.609.000 nel 2030 e 2.272.000 nel 2050). I nuovi casi nel 2015 sono 269.000 e i costi ammontano a 37.6 miliardi di euro.

Federazione Alzheimer Italia, rappresentante unico per l'Italia di Alzheimer's Disease International (ADI), è la maggiore organizzazione nazionale non profit dedicata alla promozione della ricerca medica e scientifica sulle cause, la cura e l'assistenza per la malattia di Alzheimer, al supporto e sostegno dei malati e dei loro familiari, alla tutela dei loro diritti in sede sia amministrativa sia legislativa. Riunisce e coordina 47 associazioni che si occupano della malattia e opera a livello nazionale e locale per creare una rete di aiuto intorno ai malati ed ai loro familiari.
www.alzheimer.it - www.facebook.com/alzheimer.it - https://twitter.com/alzheimeritalia


--

www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI