CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

lunedì 31 ottobre 2016

EUROPA: MENO GRASSI TRANS NEI CIBI

ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie Cardiovascolari – Onlus si congratula con la Commissione Europea che ha oggi approvato quasi all'unanimità una risoluzione relativa all'utilizzo di grassi trans (TFAs) nell'industria alimentare.


Gli acidi grassi trans sono responsabili, insieme ad altri fattori di rischio (quali colesterolo, ipertensione, predisposizione famigliare e personale, diabete, obesità, abuso di sostanza stupefacenti o di fumo) delle malattie comunemente definite cardiovascolari, come l'infarto del miocardio, l'ictus cerebrale, le trombosi arterioso, l'aterosclerosi, la trombosi: queste costituiscono nel loro insieme la prima causa non solo di morte ma anche di grave invalidità in Europa.

Il consumo di acidi grassi Trans è stato riconosciuto come causa diretta di un aumento del 25% degli infarti, in quanto causa responsabilità di queste molecole nel causare insorgenza e progressione rapida dell'aterosclerosi con le sue conseguenze cardiovascolari sopra elencate: per ogni 2% di aumento del consumo di queste sostanze si assiste a un aumento del 2% di casi di infarto!

Per l'evidenza scientifica emersa dalle ricerche degli ultimi anni la Commissione Europea ha deciso di prendere provvedimenti per limitare l'utilizzo di queste sostanze nell'industria alimentare.

I grassi trans sono grassi idrogenati, presenti soprattutto in cibi di origine animale precotti o conservati e nei latticini trattati industrialmente.

Per approfondimenti:
www.eufic.org/article/it/artid/acidi-grassi-trans-efsa


ALT compie 30 anni, facciamole un regalo!

Scegliete l'Agenda del cuore 2017 da tenere con voi per il 2017, o da regalare alle persone a cui volete bene!

Compilate la scheda attraverso il link o rispondete a questa e-mail!

I fondi raccolti finanzieranno il R.I.T.I. Registro Italiano Trombosi Infantili.

Perché la trombosi non è un mondo per vecchi: colpisce anche bambini e neonati.

Può e deve essere conosciuta, sospettata, diagnosticata e curata.

Grazie a R.I.T.I , ad ALT e soprattutto a Voi!

DONA ORA!




ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
Via Ludovico da Viadana, 5 - 20122 Milano
Tel. +39 0258325028 - Fax +39 0258315856
www.trombosi.org
facebook.com/ALTOnlus/
youtube.com/c/MiCuroDiTe





--
www.CorrieredelWeb.it

SALUTE: COLDIRETTI, CIBO MADE IN ITALY 22 VOLTE PIU’ SICURO DI EXTRAUE

I prodotti alimentari italiani sono quasi ventidue volte piu' sicuri di quelli exracomunitari per quanto riguarda il contenuto in residui chimici. 

E' quanto afferma la Coldiretti sulla base dell'ultima relazione dell'Autorità per la sicurezza alimentare (Efsa) dalla quale si evidenzia che il 6,5% per i campioni provenienti da paesi extracomunitari conteneva residui superiori ai limiti di legge, soprattutto per la presenza di tracce di pesticidi non approvati nell'Ue. 

Al contrario secondo il "National summary reports on pesticide residue" pubblicato dall'Efsa appena lo 0,3 per cento dei prodotti Made in Italy, - sottolinea la Coldiretti - contiene residui chimici oltre il limite mentre la percentuale sale all'1,6 per cento per i prodotti di origine comunitaria.  

L'agricoltura italiana – continua la Coldiretti - è diventata la più green d'Europa con il maggior numero di certificazioni alimentari a livello comunitario per prodotti a denominazione di origine Dop/Igp, la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico ma anche la bassa incidenza di prodotti agroalimentari con residui chimici fuori norma e la decisione di non coltivare organismi geneticamente modificati. 

L'Italia – precisa la Coldiretti - detiene il record europeo della biodiversità, con 55.600 specie animali pari al 30% delle specie europee e 7.636 specie vegetali. 

Un primato raggiunto anche grazie al fatto che – conclude la Coldiretti – l'Italia è l'unico Paese al mondo con 4.965 prodotti alimentari tradizionali censiti dalle regioni ottenuti secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, 285 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini Doc/Docg ma ha conquistato anche il primato con quasi 50mila aziende agricole biologiche in Europa.



--
www.CorrieredelWeb.it

Occhio al diabete di cani e gatti

Che

Novembre è il mese della prevenzione e della diagnosi precoce del diabete del cane e del gatto. 

Tante iniziative informative in tutta Italia organizzate dalle strutture veterinarie e rivolte ai proprietari di animali.


Milano, 31 ottobre 2016 – Al via l'iniziativa "Mese del diabete del cane e del gatto" con la partecipazione di decine di strutture veterinarie in tutta Italia. 

L'iniziativa, patrocinata di FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani) e ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani), è realizzata grazie al contributo non condizionante di MSD Animal Health, società internazionale fondata sulla ricerca, che sviluppa, produce e commercializza una vasta gamma di medicinali e servizi veterinari.

Un mese che ha davvero una connotazione peculiare poiché organizzato a braccetto con Diabete Italia onlus, Associazione che da 14 anni ormai organizza la Giornata Mondiale del Diabete (GMD). 

Istituita dall'International Diabetes Federation e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, la Giornata ha l'obiettivo di sensibilizzare e informare l'opinione pubblica su questa vera e propria piaga che conta a oggi, solamente in Italia, 3 milioni di persone con diabete di tipo 2 diagnosticate, 1 milione con diabete di tipo 2 non ancora diagnosticate e ben 2,6 milioni a rischio.

Si tratta dell'occasione perfetta per concretizzare una sinergia che il mondo della salute – umana e veterinaria – non può che considerare unica.

Per tutto il mese di novembre, saranno organizzate dai Medici Veterinari, nei loro ambulatori e nelle loro cliniche, numerose iniziative sul territorio. 

Si tratta di incontri informativi rivolti ai proprietari di animali sulla patologia, sui sintomi, sulla diagnosi e sulla prevenzione. Il calendario delle iniziative è disponibile sul sito www.giornatadeldiabete.it (nella sessione "La mia piazza").

In Italia si stima che il diabete di cani e gatti colpisca da 1 soggetto su 500 fino a 1 su 100. La patologia può riguardare animali di qualsiasi età, indipendentemente dal sesso o dalla razza. 

Una tempestiva diagnosi e la terapia insulinica - accompagnata a stili di vita e alimentazione corretti - permettono all'animale diabetico di vivere una vita normale.

"Anche in medicina veterinaria il diabete è una patologia frequente e debilitante se non diagnosticata e gestita correttamente;" - interviene il dottor Marco Melosi, presidente ANMVI -  "i proprietari devono essere consapevoli che anche gli animali possono ammalarsi di diabete, esattamente come l'uomo e con le stesse dinamiche".

"Il diabete mellito nel cane e nel gatto è sotto alcuni aspetti paragonabile a quello dell'uomo," specifica il professor Federico Fracassi dell'Università di Medicina Veterinaria di Bologna, "la patologia è caratterizzata da un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, causato da una carenza di insulina, un ormone prodotto dal pancreas. La concentrazione persistente di alti livelli di zucchero nel sangue può portare a gravi complicazioni, con notevole ricadute sulla qualità e l'aspettativa di vita. Nel cane è molto frequente la cataratta, una progressiva opacizzazione del cristallino che può provocare la cecità. Nel gatto una comune complicazione è, invece, la debolezza degli arti posteriori dovuta a un danneggiamento dei nervi".

"Il proprietario spesso porta dal veterinario l'animale per curare questi sintomi e scopre che sono conseguenze del diabete. In questa fase siamo già ad uno stadio avanzato della patologia, con ripercussioni importanti e complesse. È necessario, dunque, fare attenzione ai primissimi sintomi, saperli riconoscere e affrontarli precocemente per evitare che possano dare origine a gravi complicanze" aggiunge Melosi "e non dimentichiamo che cane e gatto sono pazienti che non parlano, perciò gli 'occhi' del proprietario - come dice bene lo slogan della campagna - sono la loro voce."

I sintomi più caratteristici sono la sete intensa, l'urinazione abbondante, la perdita di peso, la letargia (l'animale è meno attivo o dorme di più), gli occhi opachi (cane), l'assenza di auto-pulizia (gatto), il pelo rado, secco e opaco. Alcune razze canine sono più a rischio come Terrier, Schnauzer nano, Beagle, Labrador, Barboncino, Samoiedo e Golden Retriever. 

La malattia manifestarsi fra i 4 e i 14 anni, ma il picco di prevalenza è fra i 7 e i 9 anni di età nel cane. Le femmine, soprattutto se non sterilizzate, sono colpite con una frequenza doppia rispetto ai cani maschi. 

Oltre al fattore genetico e all'età, vanno considerati anche fattori di rischio riconducibili allo stile di vita degli animali, quali l'obesità e un insufficiente esercizio fisico. 

Fra i gatti, invece, a essere più esposti alla patologia sono i maschi non sterilizzati e quelli, maschi e femmine, con patologie croniche del pancreas e malattie della tiroide, quali l'ipertiroidismo.

"La presenza di fattori di rischio deve incentivare il proprietario a sottoporre il proprio animale a controlli periodici" aggiunge la dottoressa Carla Bernasconi, medico veterinario e vice-presidente della FNOVI. 

"La valutazione iniziale può essere semplicemente l'analisi delle urine per ricercare la presenza di zucchero. Nei casi con risultati positivi o dubbi, il medico veterinario procederà con la diagnosi per valutare i livelli di zucchero nel sangue. Si tratta di procedure semplici e sicure per l'animale. Desidero sottolineare che individuando la patologia precocemente e intervenendo con una tempestiva terapia insulinica, possiamo garantire al nostro animale un'elevata qualità di vita. La terapia farmacologica è di pari importanza alla dieta e all'attività fisica, che sono alla base anche della prevenzione".

"Il proprietario ha un ruolo decisivo sia nell'individuazione dei sintomi sia in fase di trattamento, perché deve garantire una corretta aderenza alla terapia prescritta dal veterinario" - conclude il dottor Melosi. "I nostri amici animali ci danno dei segnali, a noi il compito di interpretarli in modo corretto attraverso la nostra capacità di conoscere e osservare".

"Se è vero che il proprietario ha un ruolo decisivo, altrettanto essenziale è quello del Medico Veterinario" fa eco la dottoressa Bernasconi "con il suo aiuto è possibile individuare tempestivamente i sintomi della patologia e scegliere la cura più adeguata e di minor impatto sia per il cane, sia per il suo proprietario".

Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina www.giornatadeldiabete.it e seguire le iniziative live sulla Fan page Facebook Giornata del diabete.




MSD Animal Health
Da 125 anni, MSD è un'azienda leader mondiale nella fornitura di prodotti sanitari impegnata a migliorare la salute nel mondo. 

MSD Animal Health, nota con il nome di Merck Animal Health negli Stati Uniti e in Canada, è la divisione di medicina Veterinaria internazionale di MSD. 

Attraverso il suo impegno nella Science of Healthier Animals™, MSD Animal Health offre a governi, veterinari, agricoltori e proprietari di animali da compagnia una delle più vaste gamme di prodotti farmaceutici, vaccini nonché soluzioni e servizi di gestione sanitaria veterinaria. 

L'operato di MSD Animal Health è volto a mantenere e migliorare la salute, il benessere e le prestazioni degli animali. 

L'azienda effettua investimenti significativi in risorse di ricerca e sviluppo dinamiche e complete, nonché in una filiera moderna e internazionale. 

MSD Animal Health è presente in oltre 50 paesi e i suoi prodotti sono commercializzati in circa 150 mercati. 


--
www.CorrieredelWeb.it

BIMBI INTOSSICATI, M5S: "PROVVEDERE SUBITO ALLA SICUREZZA ED INDAGINE EPIDEMIOLOGICA"

Brescia – Un odore nauseabondo e malesseri tra bambini. È accaduto questo a Montichiari, in provincia di Brescia. I bambini si trovavano a scuola e il sindaco non ha ritenuto di far sospendere le lezioni nei giorni successivi. "E' una situazione gravissima per quella che è stata definita la Terra dei fuochi del Nord: sono presenti  10 discariche censite ed è stata chiesta l'autorizzazione per ulteriori 2 – denuncia Alberto Zolezzi, deputato M5S della Commissione Ambiente e della Bicamerale sul ciclo dei rifiuti che insieme con ideputati bresciani del M5S ha presentato un'interrogazione al ministro dell'Ambiente – Sono poi  presenti 2 impianti a biogas; è ricorrente lo spandimento di fanghi di depurazione sui suoli, è in corso il rifacimento di alcune strade e le relative asfaltature. Ben 15 bambini sono stati ricoverati con chiari segnali di intossicazione aerogena".

La situazione è molto grave: "I bambini hanno avuto nausea, vomito, lacrimazione, capogiri. E nel sangue di alcuni di loro è  stato trovata carbossiemoglobina elevata (2,5%)".  La Regione Lombardia ha approvato una legge per limitare l'indice di pressione a 160.000 metri cubi di rifiuti per km quadrato, mutuandola dall'attuale pressione ambientale di Montichiari, tale proposta è ferma per i ricorsi delle aziende.

Le lezioni sono riprese il giorno dopo nonostante il persistere di cattivi odori. E, dopo il ponte del primo novembre, i bambini torneranno a scuola senza alcuna garanzia per la loro salute.

Infatti gli esiti degli accertamenti eseguiti da ARPA Lombardia non sono stati ancora resi noti, neppure nel corso della seduta della Commissione ambiente del Comune di Montichiari (BS), convocata il 26 ottobre dal consigliere M5S Rossi Paolo e da altri 4 consiglieri di minoranza per chiedere al Sindaco di riferire in merito ai malori e in cui era presente Arpa, ATS e il deputato M5S Alberto Zolezzi. In particolare ARPA non ha reso noto l'esito del campionamento per acido solfidrico (può essere mortale in pochi minuti a elevate concentrazioni).




--
www.CorrieredelWeb.it

Dieta e Sclerosi Multipla: un focus per capire meglio | ISEE: come cambia | Legge 104: anche chi convive ne ha diritto| Le storie del blog



Qui sotto trovi una selezione delle news più rilevanti che abbiamo pubblicato nell'ultimo mese. Buona lettura.

Alimentazione e SM
Sclerosi multipla e dieta mima digiuno: la parola alla ricerca
Una corretta alimentazione contribuisce a una migliore qualità di vita e condizioni di salute generali. Può avere un impatto sulla SM? Il caso della dieta mima digiuno. Abbiamo chiesto il parere di Luca Battistini, ricercatore della Fondazione Santa Lucia di Roma, che da anni si occupa di questi temi
 
Diritti
Legge 104: ora anche i conviventi hanno diritto ai permessi
La Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale l'articolo che limitava il beneficio a coniugi e parenti entro il secondo grado. Il provvedimento contribuisce a tutelare la salute psico-fisica della persona disabile
 
Diritti
ISEE: cosa cambia per le persone con disabilità
ll Governo ha emanato il nuovo modello di Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per calcolare il reddito ISEE che regola l'accesso ai servizi sociali e sanitari
 
Lo sapevi che...
Le risposte alle domande più frequenti su AISM
Da chi è composta l'Associazione, come si assegnano i fondi per la ricerca, dove è presente sul territorio e molte altre curiosità. Le trovi sul Bilancio sociale 2015.
 
Dal blog
Di cosa dovrebbe parlare Giovanioltrelasm? La redazione lo chiede anche a te
Il blog pubblica tantissime storie, testimonianze che raccontano il quotidiano delle persone con sclerosi multipla: timori, paure, gioie, dolori della vita con la SM. Quali sono i temi più urgenti, che secondo te dovrebbero trovare spazio nei prossimi post?
 
"Ciò che abbiamo fatto solo per noi stessi muore con noi. Ciò che abbiamo fatto per gli altri e per il mondo resta ed è immortale. ". [Harvey B. Mackay]
Metti anche tu un mattone per costruire un mondo libero dalla SM.
Dona ora

Olio di palma, M5S: Stop. Cara Ferrero, è ora di cambiare davvero

Roma, 31 ottobre 2016 – "Quello che l'azienda Ferrero, in combutta col governo e con grandi multinazionali come Nestlè e Unilever, sta cercando di fare è un incredibile quanto inutile tentativo di fermare un treno già in corsa. L'olio di palma è una delle più grandi piaghe ambientali e sanitarie del nostro tempo e sempre più consumatori ne sono consapevoli". 

Lo dichiarano i deputati M5S della Commissione Ambiente. 

"In poche decine di anni la deforestazione, la distruzione degli ecosistemi e della biodiversità, la devastazione di vastissimi territori hanno raggiunto livelli inimmaginabili. Basti pensare che a causa degli incendi appiccati per lasciare spazio a questa scellerata produzione, Paesi neanche lontanamente industrializzati come l'Indonesia hanno conquistato in pochi anni il podio nella classifica dei maggiori inquinatori al mondo, raggiungendo i livelli di Cina e Stati Uniti per emissione di gas serra. Senza contare che da fonti sempre più autorevoli arrivano dati che inchiodano l'olio di palma anche sotto il profilo sanitario. Insomma - sottolinea in particolare il deputato M5S Mirko Busto - la situazione è drammatica e la soluzione non è certamente lanciare nuove discutibili certificazioni di sostenibilità dopo  oltre 10 anni di fallimenti degli schemi precedenti". 

"C'è bisogno di scelte coraggiose e responsabili. Cambiare è possibile e sempre più aziende stanno dimostrando che non solo si può sostituire l'olio di palma modificando le proprie ricette, magari utilizzando prodotti italiani, di qualità, e in grado di favorire le economie locali, ma si può farlo anche in tempi brevi e senza mutare le peculiarità dei prodotti, anzi, migliorandone le caratteristiche".

"Per tutti questi motivi - conclude Busto - chiediamo alla Ferrero un passo indietro. Ve lo chiede il mercato, ve lo chiedono i bambini, i maggiori consumatori dei vostri prodotti e, infine, ve lo chiede il pianeta: Ferrero ripensaci, basta olio di palma".

LINK LETTERA APERTA ALL'AZIENDA FERRERO:

LINK ALLA PETIZIONE SU CHANGE.ORG PER CHIEDEREA FERRERO DI DIRE BASTA ALL'OLIO DI PALMA: 




--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 28 ottobre 2016

SALUTE: HEALTH ITALIA LANCIA CHECK-UP PER SALUBRITÀ AMBIENTI

http://www.healthitalia.it/firme/img/Logo_HI.jpgL'azienda, tra le più grandi realtà nel mondo della Sanità integrativa, ha deciso, per la prima volta in Italia, di promuovere un check-up per analizzare la salubrità delle abitazioni e dei posti di lavoro.

Health Italia S.p.A. è una delle più grandi realtà nel panorama della Sanità Integrativa:  è da sempre sensibile e attenta al concetto di prevenzione, e ritiene la salute il bene più importante. 

Per questo ha avviato una campagna di check-up con l'obiettivo di analizzare la salubrità delle abitazioni e dei  posti di lavoro.

L'esposizione continuata nel tempo ad inquinanti invisibili presenti nelle case e nei luoghi di lavoro è causa di malattie, spesso anche gravi e mortali, come confermato da ricerche istituzionali e scientifiche e dai dati dell'Istituto Superiore di Sanità e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il check-up viene svolto con un dispositivo multisensoriale, N1Pro, sviluppato dall'azienda Nuvap, che consente di rilevare fino a 24 parametri di inquinamento ambientale. 

Rispetto ad una normale perizia, dal costo per singolo parametro anche superiore a 500 euro al giorno e solitamente eseguita in qualche ora, il check-up inquinanti Nuvap permette una misura protratta per diversi giorni, ottenendo così misure medie nel tempo con una affidabilità del dato molto accurata. 

Il processo del check-up è molto semplice. 







Il check-up è acquistabile, a un prezzo contenuto, sul sito www.healthitalia.it/check-up/. 

Per i soci delle Società di Mutuo Soccorso rappresentate da Health Italia, è prevista una tariffa convenzionata. 


--
www.CorrieredelWeb.it

MAGNOSOL: per reintegrare MAGNESIO e POTASSIO persi con lo sport e la sudorazione!

Per restare in forma fisicamente è giusto svolgere costante attività fisica, che sia uno sport o la palestra. 

Attenzione però alla perdita dei sali minerali, che devono essere prontamente reintegrati... 

Vi siete appena iscritti al nuovo corso di fitness? 

Amate praticare sport per divertirvi e restare in forma? 

Allora saprete che c'è da sudare! 

Il sudore è necessario per mantenere la temperatura corporea entro i limiti, ma è altrettanto vero che con il sudore si perdono molti sali minerali, fra i quali magnesio e potassio. 

Gli sportivi professionisti conoscono bene questo processo fisiologico ed è per questo che nella loro borsa da palestra non manca mai una bottiglia d'acqua: bere durante l'attività fisica è fondamentale perché ci aiuta a reintegrare i minerali persi, un compito che svolgono molto bene le acque ad alto residuo secco. 

Ma in caso di intensa sudorazione e sforzo fisico i livelli di magnesio e potassio nel sangue possono diminuire drasticamente, con sintomi come affaticamento o crampi muscolari: per questo a volte si rende necessario fare rifornimento di sali minerali, ed ecco perché gli sportivi troveranno molto utile "MAGNOSOL", integratore di MAGNESIO e POTASSIO: il magnesio è un minerale che contribuisce al normale metabolismo energetico, mentre il potassio è un minerale che contribuisce alla normale funzione muscolare. 

Lo sport è un ottimo modo per ritrovare la perfetta forma fisica e mentale e allenarsi con consapevolezza: una ricarica di energia a portata di mano, farà sì che la fatica diventi più leggera e sopportabile!

MAGNOSOL è un integratore di Magnesio e Potassio, utile in tutti i casi di carenza o aumentato fabbisogno di questi elementi.

Indicazioni
Il Magnesio è un minerale che contribuisce al normale metabolismo energetico, al normale funzionamento del sistema nervoso ed alla normale funzione muscolare.
Il Potassio è un minerale che contribuisce alla normale funzione muscolare. 
Una alimentazione non corretta o situazioni di aumentato fabbisogno (eccessiva sudorazione dovuta al caldo o ad aumentata attività fisica o lavorativa, gravidanza, allattamento) possono causare carenze di questi elementi.

MAGNOSOL, in sintesi
•    a base di Potassio e Magnesio;
•    utile per equilibrare la carenza di Magnesio e Potassio  riscontrabili quando vi è una eccessiva sudorazione (caldo o attività fisica), gravidanza e allattamento
•    senza zuccheri
•    senza lattosio
•    senza glutine

Modalità d'uso
Il consumo è funzione delle individuali necessità. 
Si consiglia di assumere da 1 a 2 bustine al giorno. Sciogliere una bustina in circa ½ bicchiere d'acqua.

Confezione: astuccio da 20 bustine effervescenti,
Prezzo al pubblico: 13.40€
In vendita solo in farmacia


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 25 ottobre 2016

Trombosi. E' ARRIVATA L'AGENDA DI ALT PER UN 2017 "ACTIVE"

Milano, 25 ottobre 2016 – Giallo come il colore della luce del sole, colorata come l'ottimismo che aiuta a vivere meglio.  

ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle Malattie Cardiovascolari – Onlus ha scelto il giallo fluo per l'Agenda 2017, buona compagna che ci accompagnerà  durante un anno che non si presenta facile, per tante ragioni:  proprio per questo l'Agenda di ALT  dovrebbe stare con noi, a casa, nella borsa, in ufficio, per attirare la nostra attenzione sulla necessità di rimanere in salute, per chi di noi ha la fortuna di averla.  

Mai come nei momenti di difficoltà abbiamo bisogno di soluzioni a basso costo ma ad alto rendimento: imparando dagli anglosassoni che spesso sono  "avanti",  imparando a stare "ACTIVE" e in forma con l'attività fisica, ma come? 

Analizzando la propria forma fisica prima di cominciare
Creando il nostro programma ideale ritagliato su di noi, su misura
Tenendo un diario dei propri progressi
Valutando e misurando i nostri progressi in termini di durata dell'attività, peso , umore, elasticità, leggerezza
Esercitando un'azione di continuo incoraggiamento su  noi stessi  per essere costanti.
Perché l'attività fisica regolare e ben strutturata è benefica quanto un farmaco e permetterà nel tempo di ridurre la necessità  di farmaci.

L'Agenda di ALT 2017 sarà una fedele compagna per tutto l'anno, come sempre: da usare, da regalare alle persone a cui teniamo, a chi lavora con noi, a quelli a cui vogliamo regalare un pensiero non banale ma utile, un modo per dire "mi prendo cura di te" oppure "ti aiuto a prenderti cura di te" .

Ricca di suggerimenti, di spunti sui quali riflettere, di ricette intelligenti da provare e da condividere, di schede per monitorare le abitudini buone e cattive, il peso, la pressione arteriosa, per valutare l'impatto dello stress sulla nostra salute attuale e futura, per capire perché poco sale è meglio, come scegliere gli zuccheri, per conoscere meglio il colesterolo senza averne paura, per tenere sotto controllo i farmaci prescritti dal medico , per annotare i sintomi che ci sembrano inusuali...  

E ogni settimana una frase che ci accompagni, che ci porti a riflettere, che ci fornisca uno spunto e uno spazio utile dedicato alla " lista della spesa", alle cose da fare che non dobbiamo dimenticare, che riguardano noi stessi o gli impegni famigliari o le bollette da pagare: tutto per rendere la vita più facile, più sana , più serena, più intelligente, migliore in ogni senso.

"Le malattie cardiovascolari causate da aterosclerosi e trombosi sono l'epidemia dei nostri giorni- spiega la dott.ssa Lidia Rota Vender, presidente di ALT- I fattori di rischio che nell'insieme sono responsabili dell'80% dei casi sono soprattutto legati allo stile di vita significa che cambiarlo è determinante per guadagnare salute e allontanare il rischio di essere colpiti, non solo dalla morte, ma dall'invalidità. Non è mai troppo presto, e non è mai troppo tardi per cominciare, e, perchè no, per farsi aiutare da ALT e dall' Agenda 2017 ".

I fondi raccolti grazie all'Agenda finanzieranno il R.I.T.I. Registro Italiano delle Trombosi Infantili:  la trombosi non è un mondo solo per "vecchi": in questi ultimi pochi anni ha colpito sotto forma di ictus, di embolia arteriosa, di trombosi venosa, di embolia polmonare oltre 800 bambini, e i medici che li hanno curati grazie a R.I.T.I hanno condiviso i metodi di diagnosi e di cura e utilizzato i risultati della ricerca delle cause trombosi con centinaia di esperti, riuscendo a dare il meglio possibile delle cure a questi incolpevoli, sfortunati piccoli pazienti.

"L'Agenda di ALT è una fedele alleata nella prevenzione delle malattie da Trombosi indica una strada possibile, intelligente, doverosa ed efficace da percorrere insieme anche quest'anno, che per ALT è quello dei 30 anni!!!! Li abbiamo spesi inseguendo testardamente il nostro obiettivo: salvare almeno 200mila italiani da malattie cardiovascolari da Trombosi e da Embolia evitabili non con la bacchetta magica, non da soli, ma con la diffusione della conoscenza e di campagne mirate a motivare e sensibilizzare tutti quanti, uomini e donne, bambini e non più giovani, pazienti e famigliari, persone fortunate e in salute perché tutti hanno il diritto di conoscere i meccanismi che causano malattie gravi come infarto, ictus cerebrale, aterosclerosi, trombosi ed embolia arteriosa o venosa.  Sapere quanto si rischia, come si manifestano queste malattie, come riconoscerle, quando sospettarle, che fare e soprattutto come evitarle: perché le malattie cardiovascolari da Trombosi possono essere evitate almeno in un caso su tre e la prevenzione non richiede esami costosi, ma un passaggio gratuito davanti allo specchio, un'occhiata attenta all'album di famiglia, la presa di coscienza che noi possiamo introdurre cambiamenti nel nostro stile di vita che saranno efficaci almeno quanto i farmaci nel salvare la nostra salute, e quella delle persone a cui teniamo.
Perché nessuno possa dire un giorno: "io non lo sapevo": per questo ALT lavora da trent'anni, e continuerà a farlo, grazie a chi vorrà ascoltare e a chi vorrà aiutarci ad amplificare il nostro messaggio, perché arrivi a tutti - conclude la dott.ssa Lidia Rota Vender, presidente di ALT.

Per ricevere una copia dell' Agenda di ALT versare un contributo minimo di 15 euro ad ALT utilizzando:
CONTO CORRENTE POSTALE N° 50294206
INTESTATO A: ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
CAUSALE: AGENDA 2017

BONIFICO BANCARIO
INTESTATO A: ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
CAUSALE: AGENDA 2017
IBAN: IT 38 V 05048 01604 000000013538
Banca Popolare Commercio e Industria - Agenzia 4 - 20123 Milano.

DONAZIONE CON CARTA DI CREDITO
INTESTATO A: ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
Via Ludovico da Viadana, 5 - 20122 Milano
IBAN: IT 38 V 05048 01604 000000013538
Banca Popolare Commercio e Industria - Agenzia 4 - 20123 Milano
CAUSALE: AGENDA 2017
Oppure telefonando in ALT al n. 02 58325028.

DONAZIONE CON PAYPAL
INTESTATO A: ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
Via Ludovico da Viadana, 5 - 20122 Milano
CAUSALE: AGENDA 2017
Se nella procedura  vi si richiede di inserire un indirizzo email di ALT, inserire il seguente: alt@trombosi.org.


DONAZIONE ONLINE dal sito www.trombosi.org
Dalla pagina www.trombosi.org/it/donazione_online.html
• Alla voce sostienici con un libro, cliccare la voce AGENDA 
• Compilare i campi della sezione dati personali e inviare la richiesta

DONAZIONE CON ASSEGNO
INTESTATO A: ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
CAUSALE: AGENDA 2017.

Per regalarla a chi vi sta più a cuore RICHIEDI QUI L'AGENDA 2017 oppure chiama ALT al numero 02 58325028.


ALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari – Onlus è un'Associazione libera, indipendente e senza fini di lucro. 

Dal 1987 è impegnata a livello nazionale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari da Trombosi – Infarto cardiaco, Ictus cerebrale, Embolia Polmonare, Trombosi arteriosa e venosa -, nel sostegno finanziario alla ricerca scientifica interdisciplinare e nella specializzazione di giovani medici e infermieri. 

Realizza campagne educative mirate a combattere i principali fattori di rischio e a creare consapevolezza sui sintomi precoci delle malattie che la Trombosi determina. 

Dal 1995 rappresenta l'Italia in EHN, network europeo di 30 associazioni e fondazioni dedicate alla prevenzione delle malattie cardiovascolari. 

Per informazioni: www.trombosi.org

ALT compie 30 anni, facciamole un regalo!
Scegliete l'Agenda del cuore 2017 da tenere con voi per il 2017, o da regalare alle persone a cui volete bene!


I fondi raccolti finanzieranno il R.I.T.I. Registro Italiano Trombosi Infantili

Perché la trombosi non è un mondo per vecchi: colpisce anche bambini  e neonati.
Può e deve essere conosciuta, sospettata, diagnosticata e curata.
Grazie a R.I.T.I , ad ALT e soprattutto a Voi!  

ALT - Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus
Via Ludovico da Viadana, 5 - 20122 Milano 
Tel.
+39 0258325028 - Fax +39 0258315856
www.trombosi.org
facebook.com/ALTOnlus/
youtube.com/c/MiCuroDiTe


--
www.CorrieredelWeb.it

Erbe aromatiche: i benefici che non ti aspetti

I consigli di ManoMano per usare le erbe aromatiche: arricchiscono i piatti con sapori particolari e intensi e allo stesso tempo sono benefiche per la salute, oltre ad essere facilissime da coltivare



Milano, 25 ottobre 2016 – Quante volte vi siete ritrovati a dover organizzare una cena importante e nel bel mezzo della preparazione vi siete accorti di aver dimenticato l'ingrediente che avrebbe dato quel tocco in più per stupire i commensali?

Coltivare erbe aromatiche in casa significa avere sempre a disposizione una fonte vitale di aromi e sapori: il loro profumo e il loro aspetto le rendono piante appariscenti e ornamentali; offrono fragranze, forme e colori che illuminano l'ambiente e lo rendono gradevole; in più sono piante poco costose, alla portata di tutte le tasche

Inoltre le erbe aromatiche sono un vero e proprio concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici per il nostro organismo.


CitronellaOriginaria dell'America sud occidentale, la citronella si usa con moderazione per dare sapore di limone alle pietanze; in medicina le sue foglie sono curative in caso di gonfiore e indigestioni, possono essere usate anche come sedativo o per preparare tisane da bere la sera. 

Il suo profumo persistente aiuta anche ad allontanare le zanzare nella stagione estiva.


BasilicoQuesta pianta è conosciuta in tutto il mondo per il suo utilizzo in cucina,associato alla cucina mediterranea e a quella italiana in particolare

È una pianta che cresce in pieno sole e può essere coltivata sia in vaso che in piena terra, l'importante è che sia un terreno fertile a ph neutro. 

È ricco di potassio che serve a regolare l'equilibrio idrico nel corpo, inoltre fornisce fosforo che è un elemento fondamentale per la costituzione delle ossa.


MentaPuò curare disturbi come tosse e raffreddore, per via delle sue proprietà sedative e spasmodiche. 

Per chi soffre di alitosi, quest'erba molto profumata strofinata sui denti aiuta a prevenirla e a combatterla. 

Può essere coltivata sia in giardino che in vaso. 

Leggermente afrodisiaca, se consumata cruda, è un ottimo condimento per piatti di formaggio, per insalate, macedonie e cocktail.


Erba cipollinaPredilige terreni freschi e ricchi, ama il sole, ma tollera anche una posizione a mezz'ombra. 

L'erba cipollina si coltiva senza problemi anche in vaso.

Viene utilizzata per insaporire piatti caldi e freddi, al contrario della cipolla e dell'aglio è molto digeribile e da secoli è preziosa contro l'alito cattivo. 

Rinforza i muscoli, aumenta la circolazione sanguigna e allevia i dolori addominali.


Rosmarino. Calma i reumatismi e il torcicollo; è un eccellente tonico cerebrale: in caso di stanchezza, affaticamento e difficoltà di concentrazione è utile un infuso di rosmarino da consumare tutti i giorni.

Grazie alla presenza di flavonoidi e altri antiossidanti, il rosmarino aiuta a disintossicare il fegato. 

Con la carne è ideale, perché migliora la digestione dei grassi.


Timo limone. Il timo limone è una pianta perenne che cresce bene in qualsiasi terreno purché ben soleggiato. 

Si utilizzano in cucina le sommità fiorite e le foglie, dall'intenso sapore di limone che lo rende ideale per insaporire le pietanze di carne, pesce e insalate. 

Una volta essiccato, mantiene il suo aroma che, anzi, risulta più forte e concentrato. 

Gli infusi con foglie e fiori sia secchi che freschi sono ottimi curativi per tosse, raffreddore e problemi digestivi.


Salvia. Il nome latino Salvia Officinalis significa "pianta che salva", infatti alcuni popoli credevano che potesse resuscitare i morti se usata durante i riti magici. 

Aiuta a proteggere dalle infiammazioni di bocca e gola, a calmare i crampi addominali e a tonificare il sistema nervoso. 

Inoltre sembra che la salvia sia in grado di risvegliare gli ardori maschili e femminili. In cucina viene usata per aromatizzare sia primi che secondi piatti. 




--

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.