CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

martedì 31 maggio 2016

PESOFORMA. Nascono due nuovi formati degli integratori Morfotipi Pesoforma

Nuove proposte dai Morfotipi Pesoforma!

Tutta l'efficacia degli integratori Pesoforma in due nuovi formati, per la Farmacia e la Grande Distribuzione


Pesoforma allarga la gamma degli integratori specifici per il proprio morfotipo, Triangolo, Sfera e Rettangolo, e lancia l'ultima novità. Nascono i Morfotipi Pesoforma Plus per il canale farmacia, e i Morfotipi Pesoforma in stick per la grande distribuzione. Ecco la linea che migliora la forma fisica ed armonizza le forme, oggi ancora più performante, specifica per le esigenze di ogni donna!
I nuovi prodotti sono tutti arricchiti con "super" frutti, per potenziarne l'effetto, in particolare:
- triangolo arricchito con ANANAS che combatte gli inestetismi della cellulite, inoltre favorisce il drenaggio dei liquidi corporei ed il microcircolo, aiutando a contrastare la sensazione di pesantezza alle gambe .
- rettangolo arricchito con PAPAYA e FERMENTI LATTICI SELEZIONATI
La papaya, il finocchio e i fermenti contribuiscono alla riduzione dei gas intestinali con l'effetto conseguente di un addome piatto.
- sfera arricchita con MORINGA OLEIFERA
I frutti di  Moringa oleifera , la Noce di Cola e il Mango aiutano il metabolismo dei grassi e l'equilibrio del peso corporeo.

Pesoforma Morfotipo Plus - canale Farmacia

Pesoforma Morfotipi Plus è il nuovo formato in flaconcino, dalla declinazione farmaceutica, che nella sua formula Plus aiuta a controllare il peso localizzato: più efficace grazie ai "super" frutti, per un'azione ancora più mirata, e agli ingredienti vegetali, frutto di un mix di piante selezionate. Inoltre più concentrato: per un'azione urto con il nuovo formato sarà sufficiente un flaconcino al giorno, per dieci giorni.
Pesoforma Morfotipi Plus
1 confezione: 10 flaconcini – 10 giorni
Prezzo al pubblico 14,90 €
Per la Grande Distribuzione

Pesoforma Morfotipi in stick è il nuovo formato dedicato alla GDO. Efficacia potenziata grazie ai "super" frutti che assicurano un'azione ancora più mirata, e agli ingredienti vegetali, frutto di un mix di piante selezionate con un formato esclusivo: un solo stick al giorno per venti giorni e la praticità del doppio uso: direttamente sciolto in bocca perché formula orosolubile o disciolto in acqua, per favorire ancor di più il drenaggio dei liquidi.
Pesoforma Morfotipi in stick
1 confezione: 20 stick – 20 giorni d'uso
Prezzo al pubblico 9,90 €


SI CONSIGLIA DI UTILIZZARE IL PRODOTTO NELL'AMBITO DI UNA DIETA VARIATA ED EQUILIBRATA E UNO STILE DI VITA SANO ASSOCIATO AD UNA REGOLARE ATTIVITA' FISICA.



--
www.CorrieredelWeb.it

Inchiesta sulla salute digitale, tra business e privacy - In uscita il nuovo numero di Altreconomia




Milano, 31 maggio 2016

Inchiesta sulla salute digitale


Un italiano su dieci usa già app e device che misurano dati sanitari. È un mercato che toccherà 60 miliardi di euro nel 2020, e ha pesanti implicazioni per la privacy. Con un'intervista ad Antonello Soro, Garante per la protezione dei dati personali

La copertina di Ae 183 -impreziosita da una fotografia di Francesco Zizola, già World Press Photo- è dedicata all'acqua contesa. In esclusiva per l'Italia, l'analisi del golpe brasiliano di Glenn Greenwald, premio Pulitzer per le inchieste sul "caso Snowden". Tra gli approfondimenti, uno è dedicato alla "sorveglianza digitale" degli attivisti-dissidenti


"Le società che offrono applicazioni attraverso le quali vengono raccolte informazioni sulla salute spesso non informano in maniera chiara e trasparente gli utenti riguarda all'uso che faranno dei loro dati" spiega Antonello Soro, il Garante italiano per la protezione dei dati personali, in un'intervista ad Altreconomia

Nell'inchiesta pubblicata sul numero di giugno, la rivista fa il punto sul mercato del mobile-Health, la "salute digitale", che cresce del 30 per cento all'anno e nel 2020 potrebbe valere 60 miliardi di dollari. Un italiano su dieci utilizza applicazioni o device m-health, ma pochi leggono con attenzione i "termini e le condizioni", che garantiscono a soggetti come Technogym o Runtastic (6 milioni di utenti registrati nel nostro Paese) l'utilizzo anche a fini commerciali dei dati raccolti. E in futuro le assicurazioni potranno offrire sconti sulle polizze sulla salute. A patto di essere "sempre connesso", come recita il claim di RBM Salute.

Di privacy ci occupiamo anche in un approfondimento dedicato alla "sorveglianza digitale", da parte di governi e servizi d'intelligence, nei confronti degli attivisti di tutto il mondo. Nel 2015 i consulenti di sicurezza informatica dell'organizzazione Front Line Defenders sono intervenuti in 400 casi, in 26 Paesi. Abbiamo intervistato alcuni di loro, dal Marocco al Pakistan, dalla Siria alla Malasia. I software d'intrusione, come quelli venduti dalla società italiana Hacking Team anche all'Egitto, costano 200mila euro.

In esclusiva per l'Italia, Altreconomia pubblica un commento di Glenn Greenwald sul golpe brasiliano. Il giornalista americano, premio Pulitzer 2014 per le inchiesta sul caso Snowden e fondatore di The Intercept_, spiega come le élite finanziarie abbiano rovesciato Dilma Rousseff.

Spazio anche a tre reportage: il 70% dell'acqua potabile in Colombia dipende dal paramo, un ecosistema unico che si sviluppa tra i 3 e i 5mila metri sulla Ande. Oggi è a rischio, a causa delle attività estrattive, con 475 concessioni attive a fine 2015 all'interno del paramo; abbiamo visitato Detroit, che ad aprile 2016 ha ospitato il primo Forum nordamericano dell'economia solidale: la città "fallita" nel 2013 sta rinascendo, grazie a orti urbani, fab lab e una nuova cultura del lavoro; infine siamo stati in Olanda, nella prima comunità in Europa formata da "Earthships", 23 abitazioni che come velieri in mezzo al mare sono indipendenti dalle fonti di energia fossile: un progetto di condivisione avviato dieci anni fa.

Parliamo, infine di latte: siamo stati in Val d'Ultimo, dove a 1.700 metri alcuni allevatori continuano a produrlo. L'Alto Adige aiuta i produttori sostenendo i costi "logistici" di accesso al mercato. Lo fa utilizzando fondi europei, e -come conferma la Commissione ad Altreconomia- rappresenta un caso unico in Italia. 




--
www.CorrieredelWeb.it

LATTE: PARMALAT-LACTALIS HA DENUNCIATO PRESIDENTE COLDIRETTI

Il presidente della Lactalis Italia Jean Marc Bernier e il presidente della Parmalat Giuseppina Corsi hanno denunciato per diffamazione e violenza privata Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti e vicepresidente del Copa, l'organizzazione degli agricoltori europei. A renderlo noto è stato lo stesso Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo in occasione della Giornata del latte italiano con migliaia di allevatori alla presenza del premier Matteo Renzi a Milano, dove si svolge l'appuntamento nazionale in occasione del Milk World Day promosso dalla Fao in tutto il mondo.

L'azione penale promossa della multinazionale francese, che nel tempo si è comperata i marchi nazionali Parmalat, Locatelli, Invernizzi, Galbani e Cadermartori, è - sottolinea Moncalvo - una evidente "rappresaglia" alla battaglia del latte promossa a tutela degli allevatori italiani. Il gruppo transalpino ha ridotto unilateralmente i compensi riconosciuti agli allevatori italiani, portandoli al di sotto dei costi di produzione ed agisce in giudizio per evitare qualsiasi contestazione. "Non ci faremo intimidire di fronte ad una azione che non ha precedenti a livello internazionale" precisa il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che "all'arroganza della multinazionale francese gli agricoltori risponderanno davanti alle industrie, nei supermercati e nelle piazze certi di avere le Istituzioni al fianco".

A scatenare la guerra del latte è stata la decisione unilaterale della Lactalis di disdire i contratti, giungendo a rifiutare il latte munto nelle stalle dagli allevatori. Un abuso della propria posizione contrattuale considerando che gli allevatori, in ragione della deperibilità del prodotto, si trovano nell'impossibilità di collocarlo altrove. Una condizione che, di fatto – sottolinea la Coldiretti - induce i produttori ad accettare anche compensi inferiori ai costi di produzione.

La strategia commerciale della Lactalis ha portato in piazza decine di migliaia di agricoltori con presidi nelle industrie e nei supermercati e il sostegno attivo di cittadini, Istituzioni esponenti della Chiesa. Istituzioni civili e religiose si sono schierate a difesa del latte, delle stalle e delle campagne italiane, condividendo il boicottaggio dei prodotti della Parmalat (del Gruppo Lactalis) dai supermercati alle parrocchie fino ai social media.

L'azione penale - riferisce la Coldiretti - è stata archiviata la settimana scorsa dal giudice penale di Lodi il quale, condividendo quanto affermato dallo stesso Pubblico Ministero, non ha ravvisato condotte penalmente rilevanti. La Coldiretti non si è mai macchiata di condotte violente né ha mai inteso minacciare o diffamare alcunchè. Costituisce invece legittimo esercizio delle prerogative delle forze di rappresentanza la divulgazione delle condotte contrarie ai più elementari principi concorrenziali: non esiste un equilibrio contrattuale laddove una parte può compensare l'altra con una somma inferiore al costo di produzione accertato dalle autorità pubbliche. 

La multinazionale transalpina che in Italia opera con i marchi nazionali Parmalat, Locatelli, Invernizzi, Galbani e Cadermartori, è il primo gruppo lattiero caseario nel mondo con un fatturato complessivo di 16 miliardi che in Italia sviluppa un giro d'affari per 1,4 miliardi di euro con una quota di mercato complessiva nel settore lattiero caseario del 23,4 per cento in volume mentre acquista circa l'8 per cento del latte italiano. Detiene il 33 per cento del mercato italiano del latte a lunga conservazione, ma la quota sale al 34 per cento nella mozzarella, al 37 per cento nei formaggi freschi e arriva addirittura la 49,8 per cento nella ricotta solo per citare alcuni esempi. Dall'acquisizione del gruppo Parmalat da parte della multinazionale francese nel 2011 in Italia hanno chiuso - ricorda la Coldiretti - 4000 stalle italiane, oltre il 10 per cento del totale. Una situazione che si è aggravata nel 2015 proprio a seguito della decisione di Lactalis di tagliare i compensi agli allevatori.



--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 30 maggio 2016

SANITA', BALDI (LZ): ELMETTO IN TESTA E PARTE LA GUERRA CONTRO LE LISTE D'ATTESA

"Elmetto in testa e parte la guerra contro le liste d'attesa. Il buon lavoro portato avanti nella sanità del Lazio, smentendo cornacchie e cornacchioni, ha fatto sì che il governo riconoscesse alla nostra Regione ben un quarto del miliardo di fondi stanziati per l'edilizia sanitaria - così in una nota Michele Baldi, Capogruppo della Lista Civica Nicola Zingaretti al Consiglio Regionale del Lazio - Questo significa ristrutturare e salvare - continua Baldi - tutta una serie di realtà o fatiscenti o inadeguate, migliorandone efficienza e ricettività. Si inverte la tendenza e il Lazio, invece di continuare a precipitare tra debiti e strutture insufficienti, comincia a risalire. Il percorso è ancora lungo e di questo siamo tutti consapevoli per cui, soddisfazione tanta, ma trionfalismi zero, almeno fino a quando non avremo azzerato gli ultimi 350 milioni di debito e recuperato 8.500 unità perse a causa del commissariamento con lo sblocco totale del turn over e l'uscita dal commissariamento stesso. Questo però significa che da oggi, tra le tante priorità, c'è quella di abbattere le liste d'attesa, un problema umiliante e vergognoso che può essere finalmente risolto. E le 450 assunzioni di quest'anno sono un altro segnale dell'inversione di tendenza. Ora il piano presentato oggi, d'intesa col governo e grazie all'infaticabile lavoro della cabina di regia regionale, è l'ennesimo passo avanti di tutti quelli che, all'interno di questa Regione, sentono nella pelle la sofferenza di tanta gente che ha bisogno di risposte concrete. Se sapremo correre bene e se nessuno ci fermerà per i soliti inconfessabili interessi personali, ce la faremo" conclude. 




--
www.CorrieredelWeb.it

Antibiotici e batteri. Allarme? Consigli

Corre l'allarme sui media: circolano batteri resistenti agli antibiotici. Negli Usa e' stato trovato un batterio, l'Escherichia Coli, in genere soggiornante nell'intestino, che e' resistente agli antibiotici (1).
Come mai?
Tutti gli organismi cercano di sopravvivere agli eventi negativi, adattandosi. Lo abbiamo fatto anche noi nel corso del tempo ma i batteri, come i virus, hanno tempi piu' brevi.
Piu' che da un uso umano degli antibiotici il problema si pone per l'uso massiccio di antibiotici negli allevamenti intensivi (pensate ai polli in batteria). L'adattamento di un microrganismo negli animali di allevamento e il passaggio all'uomo puo' certamente determinarsi.
Che fare?
Cuocere la carne. La temperatura alla quale avviene la cottura elimina il pericolo di contaminazione batterica.

(1) http://aac.asm.org/


Primo Mastrantoni, segretario Aduc



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 12 maggio 2016

La Cultura per la Cura al convegno PATOLOGIA DELL'APPARATO DIGERENTE GIPAD-GIRCG (Forlì,20 maggio)

La Cultura per la Cura al convegno
PATOLOGIA DELL'APPARATO DIGERENTE GIPAD-GIRCG (Forlì,20 maggio)
 
 

Grazie alla collaborazione del gruppo Ausl Romagna Cultura, quattro plastici anatomici del XIX secolo, provenienti da Ravenna, verranno esposti per la prima volta durante i lavori del Convegno.
La cultura e la fruizione dell’arte, è scientificamente provato, influenzano positivamente la salute psicofisica delle persone e in Italia, patria della bellezza, questa “medicina” potrebbe essere davvero alla portata di tutti. A tal fine, il gruppo Ausl Romagna Cultura ha deciso di utilizzare anche i convegni scientifici per far conoscere e valorizzare le opere del bellissimo patrimonio artistico dell’Ausl Romagna.
La prima occasione si presenterà con il convegno “PATOLOGIA DELL'APPARATO DIGERENTE GIPAD-GIRCG” che si terrà a Forlì il 20 maggio, presso la sala Pieratelli dell’ospedale, evento organizzato con il patrocinio del Comune di Forlì, Assessorato alle Politiche Sociali e di Promozione della Salute Gruppo Italiano di Ricerca del Cancro Gastrico,Gruppo Italiano dei Patologi dell'Apparato Digerente, Ordine dei Medici della Provincia di Forlì-Cesena, SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA, Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna.
I  quattro plastici anatomici che verranno esposti – spiega il dottor Stefano De Carolis -  fanno parte di una serie di ventinove pezzi un tempo appartenente alla Scuola Infermieri di Ravenna (già situata in via Palestro 4), nella quale era collocata ed esposta al pubblico almeno dagli anni Settanta del secolo scorso. Restaurati a cura della dott.ssa Sonia Muzzarelli, coordinatrice dell’area patrimonio storico-artistico-archivistico del neonato Gruppo Cultura AUSL Romagna, sono databili alla seconda metà dell’Ottocento e tuttora in attesa di un’adeguata ricollocazione in una delle sedi storiche dell’AUSL della Romagna. I ventinove plastici anatomici sono tutti della stessa fattura, anche se di misure diverse. Sono in gesso policromo, incorniciati da una cassetta lignea e protetti anteriormente da un vetro; riproducono vere e proprie preparazioni anatomiche di vari organi, apparati o segmenti corporei. I vetri di protezione e la presenza di una fitta e minuta numerazione – che doveva rimandare a perdute didascalie manoscritte o a stampa – testimoniano inequivocabilmente la loro funzione didattica e la volontà di preservarli intatti nel tempo, al servizio di discenti sempre più numerosi.”
“Con la loro precisione “fotografica”  - prosegue De Carolis - questi plastici richiamano la grande tradizione ceroplastica europea, che si sviluppò fra Seicento e Settecento e che in Italia fu praticata da maestri ceraiuoli di eccezionale abilità, come il siracusano Gaetano Giulio Zumbo (1656-1701), il fiorentino Clemente Susini (1754-1814) e i bolognesi Ercole Lelli (1702-1766), Giovanni Manzolini (1700-1755) e Anna Morandi Manzolini (1716-1774). La difficoltà di conservazione dei preparati anatomici tradizionali fu in quell’epoca superata utilizzando la cera come materiale di modellazione: con essa si riproducevano forme e pezzi anatomici che – per la loro straordinaria fedeltà all’originale e la minore deteriorabilità – venivano soprattutto utilizzati a scopo didattico. Tra la fine del XIX e la prima metà del XX secolo le cere anatomiche persero gran parte della loro popolarità, soppiantate da materiali di minore efficacia riproduttiva ma di maggiore robustezza come il gesso e la terracotta, riproducibili in serie e quindi ancor meglio fruibili per l’insegnamento.”
 
“Sono personalmente soddisfatto – spiega il dottor Luca Saragoni , organizzatore dell’evento – che questo convegno scientifico venga svolto in collaborazione con il gruppo Ausl Romagna Cultura. E' il momento in cui la medicina e le professioni sanitarie stanno riscoprendo e riaffermando i loro bisogni: l'arte, la letteratura, la filosofia come nuovi strumenti per "fare salute", per creare un modo nuovo di parlare di cura, per rifondare anche una lingua della pratica clinica. Questa iniziativa è inoltre perfettamente in linea con lo slogan dell’Ausl Romagna “insieme per le vie della cura”.
 

lunedì 9 maggio 2016

SALUTE: 1 SU 5 NON SI FIDA DI MENSE, BENE LORENZIN CON NAS

E' importante vigilare sull'alimentazione a scuola in una situazione in cui un italiano su cinque (20 per cento) ha una valutazione negativa dei pasti serviti nelle mense scolastiche di figli o nipoti mentre il 42 per cento la ritiene appena sufficiente. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe' divulgata a commento dell'annuncio del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in merito ai controlli dei carabinieri dei Nas nelle scuole italiane per verificare trimestralmente la qualita' dei cibi. Non è un caso che una netta maggioranza dell'83 per cento - sottolinea la Coldiretti - ritiene che le mense dovrebbero offrire i cibi piu' sani per educare le nuove generazioni dal punto di vista alimentare mentre solo il 13 per cento ritiene che dovrebbero essere serviti i piatti che piacciono di piu'. In ogni caso - precisa la Coldiretti - il 52 per cento degli italiani considera il costo delle mense scolastiche adeguato mentre per il 25 per cento è eccessivo. Per assicurare il miglior rapporto prezzo/qualita' ma anche per educare le nuove generazioni la Coldiretti sollecita a privilegiare nelle mense scolastiche i cibi locali a km 0 che valorizzano le realtà produttive locali e riducono i troppi passaggi intermedi dietro i quali piu' elevato è il rischio di frodi e sofisticazioni.





--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 4 maggio 2016

Disruptive Week Milan - SMART HEALTH: il contributo della Fondazione Don Gnocchi


CONVEGNO SMART HEALTH
11 MAGGIO 2016 h. 14.30-17.30
CENTRO DI GUIDA SICURA ACI-SARA DI ARESE

 

Quando l'interazione è… salutare: l'Internet delle Cose favorisce la qualità della vita

Quali sviluppi nelle soluzioni medico-assistenziali grazie alle nuove tecnologie? Se ne parlerà l'11 maggio al convegno "Smart Health", punto di incontro della comunità di professionisti che operano nell'innovazione digitale in ambito sanitario, realizzato da Innovability, in collaborazione con Fondazione Don Gnocchi

 

I nuovi scenari tecnologici introdotti dalla Internet of Things, caratterizzata dalla capacità sempre più diffusa degli oggetti di comunicare tra loro, unita alla possibilità di integrazione con sensori di vario genere, rappresenta una notevole opportunità di sviluppo nell'ambito sanitario e socio-assistenziale. I progressi fatti sono sempre più evidenti e vanno ben oltre l'utilizzo di mobile apps per monitorare i propri parametri biomedici e migliorare le proprie prestazioni. Dalla diagnostica alla teleassistenza, dalla gestione ed elaborazione dei dati biometrici al rapporto tra medico e paziente, l'IoT potrebbe portare in tempi brevi a una rivoluzione nelle modalità consolidate di erogazione dei servizi legati alla salute delle persone.

In un'epoca in cui la popolazione è sempre più anziana e/o bisognosa di supporti assistenziali, una delle maggiori opportunità create dall'IoT è quella dei processi di "deospedalizzazione", a favore di ricoveri nelle cosiddette residenze protette, ma ancor meglio facendo sì che le persone affette da patologie o disabilità croniche possano rimanere a casa, in un'ottica di continuità assistenziale che garantisca il massimo dell'autonomia possibile.

I vari dispositivi medici possono infatti raccogliere le informazioni sullo stato di salute del paziente e metterle a disposizione dello staff medico-riabilitativo, permettendo un miglioramento della cura e dei trattamento cui il paziente è sottoposto. Inoltre, i trattamenti effettuati con l'ausilio di tecnologie avanzate permettono la raccolta dei dati sull'evoluzione del percorso clinico-assistenziale e una sua continua messa a punto personalizzata.

Ad esempio, i robot riabilitativi mantengono il paziente sempre al centro del trattamento, le macchine si adeguano al suo deficit e amplificano il comando umano, potenziando le capacità residue del paziente. In altre parole, i sistemi robotici non solo aiutano il fisioterapista a comprendere gli scompensi e le necessità del paziente, ma riescono a misurarlo in modo oggettivo, naturalmente e in modo dinamico, registrando nel tempo, gli effetti del trattamento. L'esperienza della Fondazione Don Gnocchi dimostra che un altro punto di forza della "riabilitazione robotica" è la partecipazione del paziente che a differenza della riabilitazione tradizionale vive a pieno l'esperienza tecnologica, si cala in una realtà più stimolante che - è dimostrato - contribuisce notevolmente ad aumentare l'efficacia del trattamento.

In sintesi, la tecnologia deve essere l'estensione potente della volontà del paziente e della capacità del terapista. Capofila in questo particolare progetto è il Centro "S. Maria della Provvidenza" della Fondazione Don Gnocchi di Roma, insieme ad altri Centri della Fondazione Don Gnocchi in Italia.  Il supporto della tecnologia continua anche a casa con soluzioni di teleriabilitazione – ora in sperimentazione alla Fondazione Don Gnocchi – in un'ottica di vera continuità assistenziale.

Ma c'è dell'altro: la Predictive Analytics applicata ai Big Data avrà un ruolo fondamentale. La quantità enorme di dati rilevati dai sensori - non solo sul singolo ma anche sull'aggregazione di ampi campioni di persone - e opportunamente elaborati con avanzati sistemi di analisi consentirà sempre più di agire preventivamente.

La domanda che si pone allora è con quali modelli gestionali l'innovazione resa possibile dall'Internet of Things nel contesto socio-sanitario possa avvenire introducendo benefici in termini economici e di efficacia.

Il Convegno Smart Health presenterà  soluzioni e case history della Fondazione Don Gnocchi e di startup vincenti e innovative, nonché l'esperienza e le applicazioni di un gigante tecnologico come Microsoft. In sintesi, il workshop porterà alla luce il modo in cui la tecnologia ha cambiato e cambierà sempre più il modo di fare assistenza e cura.

Il convegno fa parte del palinsesto di Disruptive Week Milan, settimana di appuntamento per operatori delle tecnologie in ambito IoT, Wereable, Energy, Healthcare, Industry 4.0, Cybersecurity, Smart Home, Robotica.

Per maggiori informazioni www.disruptiveweek.it/smart-health



--
www.CorrieredelWeb.it

Mal di schiena, ne soffre l'80% della popolazione: ecco i 9 rimedi per alleviarlo

«Il mal di schiena che si protrae per più di tre mesi si definisce cronico: spesso la causa non è riconoscibile o non è curabile. La neurostimolazione una soluzione senza effetti collaterali ancora poco praticata» dicono al Barolat Neuromodulation Center

 

L'80% della popolazione adulta ne ha sofferto almeno una volta nella vita. Colpisce uomini e donne in egual modo ed e la causa più comune di assenza dal lavoro: oltre tre quarti delle persone ne hanno sofferto negli ultimi 3 mesi. È il mal di schiena, uno dei disturbi maggiormente diffusi. «Il dolore può essere la conseguenza di un incidente o del trasporto di carichi pesanti oppure può insorgere con gli anni, in seguito a cambiamenti della spina dorsale» afferma Giovanni Frigerio medico anestesista, terapista del dolore e specialista del Barolat Neuromodulation Center di Appiano Gentile (Como) insieme con i colleghi Rodolfo Bucci di Torino e Claudio Reverberi di Carpi (Modena).

Di solito, il mal di schiena è acuto e può durare da qualche giorno a qualche settimana, quindi si risolve in modo spontaneo senza lasciare conseguenze. «Spesso la causa è in parte meccanica, ossia deriva dal modo in cui i componenti (spina, vertebre, nervi) sono insieme e si muovono - spiega ancora Frigerio -. Se il dolore però si protrae oltre le 12 settimane si definisce cronico: si stima che circa il 20% di chi soffre di mal di schiena in forma acuta, in un anno sviluppi i sintomi di quello cronico. In qualche caso i trattamenti sono efficaci nel risolvere il mal di schiena cronico, in altri invece il dolore persiste dopo trattamenti medici,fisici e chirurgici. In alcuni casi mal di schiena cronico associato a dolori agli arti inferiori sono una conseguenza indesiderata di interventi chirurgici sulla colonna vertebrale (FBSS )».

Dopo aver eseguito degli esami diagnostici per chiarirne la natura, escludendo quello oncologica, sono diversi i trattamenti per alleviarlo, che dipendono dalla storia clinica del paziente, dal tipo e dall'intensità del dolore. Ecco i rimedi più comuni.

1)       Riposo. Qualche giorno di riposo può consentire ai nervi e ai tessuti danneggiati di migliorare, ma non deve durare troppo altrimenti porta a un indebolimento dei muscoli. Chi non fa esercizio in modo regolare, tende a soffrire di mal di schiena più a lungo.

2)    Impacchi caldi e freddi. La terapia con il caldo e/o il freddo può aiutare. Qualche paziente preferisce impacchi caldi, altri freddi: si possono anche usare in modo alternato.

3)    Medicazioni. Molti trattamenti riducono I'infiammazione, che è causa di dolore, mentre altri inibiscono la trasmissione dei segnali di dolori al cervello.

4)    Esercizi per il mal di schiena. L'esercizio fisico è un punto fondamentale. Bisogna seguire un programma di esercizi mirati e a difficoltà progressiva, in modo da avere una spina dorsale più forte e flessibile.

5)     Attività aerobiche a basso impatto. Oltre a esercizi specifici, si consigliano attività a basso impatto come la camminata che aiuta a portare ossigeno nei tessuti morbidi della schiena. Anche nuotare o fare sport in acqua hanno lo stesso effetto.

6)     Manipolazione chiropratica o osteopatica: aiuta le funzioni della spina dorsale contribuisce a far diminuire il dolore e l'infiammazione.

7)     Iniezione di steroidei epidurali: portano gli steroidi direttamente nell'area dolorante riducendo I'infiammazione. Non curano il dolore, ma lo attenuano per un breve periodo.

8)     Chirurgia per la schiena. Tranne che in alcune situazioni di urgenza, la chirurgia deve essere considerata come un'ultima alternativa, quando tutte le modalità terapeutiche sopra elencate si sono dimostrate inefficaci. Per le ernie discali con sciatica, viene di solito praticata una microdiscectomia con lo scopo di ridurre il dolore con il rilascio della pressione sulla radice dei nervi. Interventi di fissazione lombare per dolori di schiena in regione lombare raramente hanno dimostrato una buona efficacia.

9)     La neurostimolazione. È un'eccellente e sicura alternativa in caso di dolore cronico, anche se poco conosciuta e praticata. Deve venire presa in considerazione solo dopo avere esaurito le modalità terapeutiche esposte, anche se non necessariamente deve seguire un intervento chirurgico sulla colonna vertebrale. Anzi, a volte, l'intervento di neurostimolazione può essere indicato come alternativa più efficace e meno invasiva dell'intervento chirurgico. «Dei piccoli elettrodi sono impiantati nella spina dorsale e sono attivati da un piccolo pacemaker impiantato sotto pelle - spiega Giancarlo Barolat, medico torinese che da 40 anni si occupa di alleviare il dolore non oncologico, che ha fondato il centro di Como e ha un centro a Denver, negli Stati Uniti -. II segnale elettrico che raggiunge il midollo spinale cattura il segnale di dolore riducendolo a un livello tollerabile. Visto che l'elettricità è il modo naturale di funzionamento del sistema nervoso, la neurostimolazione non ha effetti negativi a lungo termine. Gli elettrodi possono essere impiantati sia nella spina dorsale, sia lungo le piccole terminazioni nervose nella zona dorsale e lombare, di solito nello strato sottocutaneo. I pazienti hanno un telecomando esterno, attraverso cui possono controllare il funzionamento del device, accenderlo, spegnerlo o mandare un segnale più debole o più forte. La neurostimolazione può essere provata in modo temporaneo e il paziente può decidere, in base al test, se proseguire o meno con l'impianto finale. Si può portare per decenni senza avere effetti collaterali. Nella mia esperienza, è efficace nel ridurre il mal di schiena e o delle gambe nel 70% dei pazienti impiantati. In molti casi è più efficace della chirurgia sulla spina dorsale. Importante è pero che sia eseguita da professionisti ben formati: nel mio centro a Denver arrivano pazienti da tutti gli Stati Uniti e quasi la metà ha un impianto di elettrostimolazione eseguito in modo non corretto».

 

In cosa consiste la neurostimolazione? Si innestano uno o più elettrodi posizionati strategicamente in modo da trasmettere degli impulsi elettrici che impediscono di sentire il dolore. Gli elettrodi possono essere impiantati in tre sedi diverse: 1- nello spazio epidurale a livello della colonna vertebrale 2- a livello dei nervi periferici (per lo più negli arti) 3- nei tessuti sottocutanei, per stimolare le piccole branche terminali dei nervi. I tre "targets" possono essere combinati anche nello stesso impianto. Gli elettrodi sono attivati da un piccolo "pacemaker" impiantato in sede sottocutanea. Si tratta di una tecnica reversibile e poco invasiva - soprattutto in confronto alle altre soluzioni disponibili come interventi di stabilizzazione del rachide o resezione delle radici nervose - e in sostanza priva di effetti collaterali. Non ci sono limiti d'età: il dottor Barolat ha impiantato pazienti con uno spettro di età dai 9 ai 90  anni. Le controindicazioni sono minime. Lo scopo della neurostimolazione non è di "guarire" il dolore (cosa che e spesso impossibile nei dolori cronici non-oncologici), ma di ridurlo a livelli ben più tollerabili. Molto spesso si riesce ad ottenere una riduzione del dolore tale da migliorare in maniera sostanziale la qualità di vita. Sono necessarie due sedute: una di prova (per valutare I'efficacia della neurostimolazione) e l'altra per I'impianto definitivo, che avviene in sedazione in day hospital. Seguono controlli periodici una o due volte l''anno. Importante e che la neurostimolazione sia eseguita da esperti, altrimenti può non dare i risultati sperati.

Per informazioni sui trattamenti si può contattare il Barolat Neuromodulation Institute Europe di Appiano Gentile (Como) al call center 342-0590517.



--
www.CorrieredelWeb.it

LA SALUTE IN BOLLETTA: CON "ENGIE FIT" PIU' CAMMINI E PIU' RISPARMI

UNA NUOVA FUNZIONALITÀ NELL'APP MOBILE DI ENGIE PERMETTE DI RISPARMIARE TENENDOSI IN FORMA

 

 

ENGIE Fit è la nuova funzionalità completamente gratuita che permette di ricevere un bonus in bolletta. E' sufficiente scaricare l'app ENGIE – Luce, gas e servizi da uno smartphone Android o da un iPhone. "ENGIE Fit" conterà i passi effettuati sincronizzandosi con le app Google Fit o Apple Health.

Per ottenere il bonus basterà semplicemente camminare: al raggiungimento di un determinato numero di passi, si potrà riscattare il bonus. La prima delle sfide programmate durerà due settimane; si dovranno percorrere in media 6000 passi al giorno (circa 4 km).

ENGIE, tra i protagonisti dell'energia anche in Italia, è il primo operatore del settore "utilities" a offrire questa opportunità.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità camminare un'ora al giorno, ovvero compiere circa 10.000 passi, fa bene al cuore, ai muscoli e aiuta a mantenersi in forma. Uno stile di vita sano permette di vivere meglio, inquinare meno e, adesso, anche di risparmiare sulla propria bolletta. Tutto quel che c'è da fare è scaricare l'app, attivare "ENGIE Fit" e tenersi in forma. Non serve correre o praticare uno sport in particolare, ma basta fare una bella passeggiata, evitando di prendere l'automobile.

ENGIE ha considerato la grande crescita che stanno registrando le soluzioni fitness sul web: già oggi, oltre il 7% degli Italiani utilizza app per svolgere e monitorare esercizi fisici, mentre un altro 10% si dichiara interessato; le app più popolari sono stabilmente al di sopra di 1.000.000 di utenti. Nel mondo, sono disponibili 40.000 app sulla salute, l'area fitness è già presente nel 20% dei device e i fitness tracker sono stati tra le categorie più scaricate dall'inizio 2016.

ENGIE ritiene che il digitale possa dare un fondamentale apporto allo sviluppo del settore energia, creando nuove opportunità sia per i consumatori, sotto il profilo del risparmio e della conoscenza, che per gli operatori del settore, nella rimodulazione e innovazione della loro offerta.

 

Per maggiori informazioni visita la pagina http://www.gdfsuez.it/servizi-mobile/app.

 

 

 

 

 

ENGIE

ENGIE pone la crescita responsabile al centro delle proprie attività (elettricità, gas naturale e servizi energetici) per affrontare le grandi sfide della transizione energetica verso un'economia a basse emissioni di carbonio: accesso all'economia sostenibile, attenuazione e adattamento al mutamento climatico, sicurezza degli approvvigionamenti e ottimizzazione dell'uso delle risorse. ENGIE in Italia propone offerte globali sull'intera catena del valore dell'energia, dalla fornitura ai servizi, con particolare attenzione ai prodotti innovativi e alle soluzioni di efficienza energetica e di gestione integrata. Con 2.600 dipendenti in più di 50 uffici sull'intero territorio nazionale, ENGIE in Italia è il primo operatore nei servizi energetici, il quarto nel settore del gas, sesto nell'elettricità. ENGIE è presente in tutti i segmenti, dal residenziale al terziario, pubblico e privato, fino alla piccola e grande industria.

 



--
www.CorrieredelWeb.it

2: CorrieredelWeb.it // prove tecniche di trasmissione


CorrieredelWeb.it // prove tecniche di trasmissione

martedì 3 maggio 2016

WELFARE. FONDAZIONE CRT LANCIA IL BANDO “VIVOMEGLIO”: FINO A 25.000 EURO DI CONTRIBUTI PER PROGETTI SULLA DISABILITÀ

Torino, maggio  2016 – La Fondazione CRT ha aperto  bando "Vivomeglio", stanziando fino a 25.000 euro di contributi per progetti di welfare volti a migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità sul territorio del Piemonte e della Valle d'Aosta. Enti e associazioni non profit potranno presentare le domande fino al 30 giugno sul sito www.fondazionecrt.it.  

Potranno essere finanziati progetti che propongono soluzioni nuove, efficaci e sostenibili per la domiciliarità, l'integrazione sociale, lo sviluppo dell'autonomia e delle abilità personali di donne, uomini, bambini e ragazzi in difficoltà.

Superano così gli 8 milioni di euro le risorse che Fondazione CRT ha investito per "Vivomeglio" dal 2012 a oggi, per un totale di 725 interventi già finanziati. Nell'ultimo anno, in particolare, sono stati sostenuti progetti in grado di aiutare 140mila persone, di cui 8.700 con disabilità: dall'avvio di tirocini e borse lavoro, all'integrazione scolastica ed extrascolastica degli allievi disabili; dall'organizzazione di tornei, attività sportive, laboratori teatrali, di cucina, lettura e perfino yoga, ai programmi di pet therapy e musicoterapia; dalle visite ai musei e dalle serate al cinema, ai soggiorni in montagna e al mare; dalla creazione di spazi di ascolto e sostegno psicologico, all'accompagnamento domiciliare e alla preparazione alla vita indipendente.



--
www.CorrieredelWeb.it

Fisco: 5 per mille ENEA per curare i tumori pediatrici con la protonterapia (comunicato stampa ENEA)

Quest'anno sarà possibile destinare il 5 per mille all'ENEA per la realizzazione di un acceleratore lineare altamente innovativo per il trattamento di tumori oculari, pediatrici e di media profondità dell'adulto, attraverso la protonterapia. 

Si tratta di TOP-IMPLART, Intensity Modulated Proton Linear Accelerator for RadioTherapy, una macchina che rappresenta la nuova frontiera per la radioterapia oncologica attraverso un fascio di protoni caratterizzati da un'altissima precisione e un'eccellente distribuzione della dose rilasciata.

L'acceleratore lineare è da realizzarsi presso il Centro Ricerche ENEA di Frascati, in collaborazione con l'Istituto Superiore di Sanità e gli Istituti Fisioterapici Ospedalieri, e sarà destinato all'Istituto nazionale tumori "Regina Elena" a Roma. 

Per la realizzazione dei componenti, è previsto un forte coinvolgimento di imprese nazionali, in modo da favorire il trasferimento di tecnologie innovative al tessuto industriale del Paese.

In una prima fase, TOP-IMPLART verrà utilizzato a Frascati per esperimenti di standardizzazione dei protocolli e per la valutazione del guadagno terapeutico; al "Regina Elena" verranno effettuate le sperimentazioni precliniche e cliniche.

Il 5 per mille consente di contribuire alla ricerca 'a costo zero', con una piccola quota dell'imposta sul reddito. 

L'ultimo contributo rendicontato e raccolto dall'ENEA attraverso il 5 per mille è stato di oltre 45mila euro ed è destinato alla ricostruzione della Città della Scienza a Napoli, andata distrutta nel 2013 a causa di un incendio.

Per effettuare la donazione basta firmare il riquadro per il finanziamento della ricerca scientifica sui modelli di dichiarazione dei redditi delle persone fisiche e indicare il codice fiscale ENEA: 01320740580

Roma, 3 maggio 2016




--
www.CorrieredelWeb.it

Convegno "Dalla ricerca di base alla clinica delle malattie emorragiche: nuove evidenze e prospettive"- Aula Magna dell'ex Presidenza di Medicina dell'Università degli Studi di Firenze

                                    
"Dalla ricerca di base alla clinica delle malattie emorragiche"
nuove evidenze e prospettive
Firenze
5 Maggio 2016
Aula Magna ex Presidenza di Medicina - Università degli Studi di Firenze

"Dalla ricerca di base alla clinica delle malattie emorragiche: nuove evidenze e prospettive" è il Convegno organizzato da Elleventi che si terrà il 5 maggio 2016 dalle ore 14.00 presso l'Aula Magna dell'ex Presidenza di Medicina dell'Università degli Studi di Firenze. 
Coordinatore Scientifico il dottor Giancarlo Castaman, Centro Malattie Emorragiche Dipartimento Cardiotoracovascolare, AOU Careggi. 
Una giornata dedicata al mondo della medicina, dove saranno affrontate tematiche relative al progresso nelle conoscenze della biologia di base, nella diagnosi clinica, e nella terapia dei disordini emorragici congeniti, che rappresentano uno degli elementi più stimolanti dell'attuale panorama medico-scientifico. 
Tre le sessioni principali in cui il convegno sarà articolato. 
La prima, presieduta da Mirko Pinotti (Università di Ferrara), tratterà di meccanismi molecolari, e sviluppo di strategie terapeutiche innovative per i difetti genetici della coagulazione. 
La seconda sessione, presieduta da Paolo Gresele (Università di Perugia), analizzerà le piastrinopatie congenite: dalle difficoltà diagnostiche alla eterogeneità clinica. Infine, la terza sessione dal titolo "inhibitors in mild and moderate hemophilia A: the Insight study", sarà tenuta dalla dottoressa Karin Fijnvandraat (Università di Amsterdam)
Il Corso è stato inserito nel Piano Formativo 2016 per la Formazione Continua in Medicina (ECM), ottenendo 5 crediti ed è stato realizzato in collaborazione con SISET (Società Italiana per lo Studio dell'Emostasi e Trombosi)l'AICE (Associazione Italiana Centri Emofilia), e AOU (Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi).
Da non dimenticare infine, il contributo degli Sponsor Bayer, Baxalta, BioVIIIX, CSL Behring, Grifols, Kedrion, Novo Nordisk, Pfizer, Werfen che hanno reso possibile la realizzazione dell'evento.



--
www.CorrieredelWeb.it

Quattro concerti di Daniel Giulianini negli ospedali della Romagna

Quattro concerti per gli ospedali della Romagna con Daniel Giulianini (Forlì, 16 maggio)

Lunedì 16 maggio, ore 17, atrio del Padiglione Morgagni, Ospedale di Forlì. L'Ausl Romagna e il Gruppo Ausl Romagna Cultura presentano il concerto del basso daniel Giulianini
                                                           
Insieme per le vie della Cura
Quattro concerti negli ospedali dell’Ausl Romagna con Daniel Giulianini
Primo appuntamento all’Ospedale di Forlì, lunedì 16 maggio
Quattro concerti per gli ospedali dell’Ausl Romagna con il basso DANIEL GIULIANINI.
Si partirà lunedì 16 maggio, alle 17, presso l’atrio del Padiglione Morgagni dell’Ospedale Morgagni- Pierantoni di Forlì, in via Carlo Forlanini.
Per i popoli antichi, la musica aveva uno scopo etico: doveva educare le masse al Bene. Sia in Oriente che in Occidente era ritenuta fondamentale all'interno della medicina (per i cinesi il carattere 'Musica' viene da 'Medicina'). Oggi studi scientifici dimostrano che la musica, indipendentemente dal genere, coinvolge sia la parte di cervello legata alla ragione e alla logica che quella legata alle emozioni. E proprio per offrire a pazienti, famigliari e operatori degli ospedali, questa “medicina” che rappresenta la musica, sono stati organizzati quattro concerti con il giovane basso forlivese, Daniel Giulianini, che ha rappresentato l’Italia nel mondo al Teatro Bolshoi di Mosca, al teatro Staastoper di Vienna per il festival di Salisburgo.  Il cantante si è esibito al teatro Regio di Parma, teatro Operà di Parigi, al Covent Garden di Londra,  al San Carlo di Napoli e al teatro di stato di Dubai e collabora da otto anni con la famiglia Muti.          
Durante il concerto, ovviamente gratuito e aperto a tutti, Giulianini eseguirà arie d’opera e classici napoletani. Verrà accompagnato dal pianista FILIPPO PANTIERI.  

lunedì 2 maggio 2016

Perdere peso e correggere cattivi stili di vita: Settimane FIT all’Ermitage Bel Air di Abano

I cattivi stili di vita sono la prima causa di morte in Europa

RIDURRE IL RISCHIO CON LE TERME, L'ALIMENTAZIONE E L'ESERCIZIO FISICO

Settimana FIT all'Ermitage Bel Air Medical Hotel di Abano dal 18 al 25 giugno e dal 22 al 29 ottobre.

Grazie ai risultati di una ricerca condotta per 8 anni da esperti universitari, un efficace programma di riabilitazione fisiologica che favorisce un'equilibrata riduzione del peso e dei principali fattori di rischio cardio-vascolare.

Uno stile di vita sbagliato può uccidere. Le malattie dello stile di vita, chiamate anche malattie non trasmissibili (MNT), costituiscono la prima causa di morte in Europa. Per intenderci, sono quelle associate all'ambiente e al modo in cui vive una persona. Le quattro principali sono quelle cardiovascolari (infarto e ictus), respiratorie (bronchite cronica ostruttiva e asma), il cancro e il diabete. Malattie che progrediscono in modo lento, ma l'evidenza scientifica dimostra che più di 9 milioni di decessi attribuibili alle MNT avvengono prima dei 60 anni. I campanelli d'allarme, ovvero i fattori di rischio intermedio, sono rappresentati da pressione arteriosa aumentata, glicemia elevata, livelli di colesterolo oltre i limiti, sovrappeso e obesità. Conseguenza di cattive abitudini alimentari, sedentarietà e stress…

L'Ermitage Bel Air Medical Hotel di Abano Terme (dotato al proprio interno oltre ad uno stabilimento termale ed un centro benessere anche di un centro medico specialistico di riabilitazione e medicina fisica) ha messo a punto un programma di prevenzione, che associa alla vacanza termale uno specifico protocollo di ri-educazione ad un corretto stile di vita, frutto della collaborazione con due ricercatori di fama internazionale, i professori Arsenio Veicsteinas (ordinario di Fisiologia Umana) e Fulvio Ursini (Biochimica e Scienza dell'alimentazione), rispettivamente delle Università di Milano e di Padova. I due esperti hanno verificato come un soggiorno all'Ermitage impostato secondo il protocollo di ricerca FIT basato su l'integrazione di terme nutrizione ed esercizio fisico contribuisca a ridurre in modo sensibile i fattori di rischio intermedio sin dal settimo giorno, educando contestualmente l'ospite ad un corretto stile di vita, capace di garantirgli il mantenimento dei risultati ottenuti, anche al rientro a casa.                                           
Otto anni di intensa attività di ricerca, svolta presso Ermitage, confermano la significatività statistica dei risultati e la positiva integrazione tra gli effetti fisiologici della fango- balneo-terapia tradizionale e il programma di allenamento e nutrizione personalizzato. Il riscontro si ha soprattutto nella riduzione di peso (2% in media), dei grassi sottocutanei (con riduzione delle circonferenze di vita, addome e fianchi del 2%), una generale riduzione dei trigliceridi (fino al 20%), del colesterolo (fino al 10%), una migliorata risposta cardiorespiratoria e muscolare ed un salutare spostamento dei liquidi interstiziali dagli arti inferiori verso il tronco (con contestuale riduzione media della circonferenza delle cosce del 3%).

La Settimana FIT
Nella Settimana FIT (Fitness), che quest'anno si terrà dal 18 al 25 giugno e dal 22 al 29 ottobre, gli ospiti seguono il protocollo di cura messo a punto dai due ricercatori, sperimentando un programma di alimentazione con regime calorico individuale, di allenamento cardio fitness personalizzato con personal trainer, unitamente ad un ciclo completo di cure termali con fango balneo-terapia. I principali fattori di rischio sono misurati ad inizio e fine soggiorno per dare evidenza dei risultati ottenuti. Inoltre la misura diretta di metabolismo basale, composizione corporea e capacità aerobica permette di definire per ciascun ospite il programma di cura più corretto ed appropriato. La supervisione del personale medico e degli specialisti in fisioterapia e scienze motorie del centro medico di Ermitage, consente la partecipazione in sicurezza alla Settimana Fit anche a persone con limitate capacità di movimento che conducono una vita sedentaria. I professori Veicsteinas e Ursini, saranno presenti per offrire la loro consulenza a tutti i partecipanti.  Costo del programma: 930 € in giugno, 980 € in ottobre.

Durante tutto l'anno
Durante tutto l'anno si potranno seguire individualmente programmi personalizzati della Settimana FIT, sotto la supervisione degli specialisti  e del dietologo dell'Ermitage.

• Per informazioni: Ermitage Bel Air – Medical Hotel
Via Monteortone, 50 - 35031 Abano - Teolo (PD)
Tel +39 049 8668111 - Fax +39 049 8630166
ermitage@ermitageterme.it  - www.ermitageterme.it

Ermitage Medical Hotel: www.medicalhotel.it
Blog: www.ricettedelbenessere.it
Responsabilità sociale: www.ilsognodieleonora.it

Cura, prevenzione e vacanza convivono armoniosamente all'Ermitage Bel Air Hotel. Gestito da quattro generazioni con professionalità e passione dalla famiglia Maggia, che vi ha trasmesso il proprio amore per l'ospitalità, è uno degli alberghi storici dell'area termale euganea (la più importante d'Europa). Situato nel Parco naturale regionale dei Colli Euganei, fra Abano Terme e Teolo in provincia di Padova, offre ai propri ospiti benessere e relax attraverso un'ampia gamma di cure termali, trattamenti di remise en forme e servizi innovativi completamente accessibili. Proposte arricchite dai risultati di una costante ricerca effettuata con importanti istituti italiani e stranieri. Dal 2010 Ermitage Bel Air è Medical Hotel con un centro medico-specialistico di Riabilitazione e Medicina Fisica: un prodotto termale innovativo, in cui riabilitazione e prevenzione si coniugano alla vacanza. In collaborazione con l'Hospice Pediatrico di Padova, la famiglia Maggia ha creato il progetto "Il Sogno di Eleonora" (www.ilsognodieleonora.it), dedicato a bambini e ragazzi affetti da gravi patologie invalidanti al fine di garantire a loro e alle loro famiglie programmi riabilitativi intensivi e residenziali a titolo completamente gratuito.


--
www.CorrieredelWeb.it

LA SALUTE IN BOLLETTA: CON "ENGIE FIT" PIU' CAMMINI E PIU' RISPARMI

UNA NUOVA FUNZIONALITÀ NELL'APP MOBILE DI ENGIE PERMETTE DI RISPARMIARE TENENDOSI IN FORMA
  

ENGIE Fit è la nuova funzionalità completamente gratuita che permette di ricevere un bonus in bolletta. E' sufficiente scaricare l'app ENGIE – Luce, gas e servizi da uno smartphone Android o da un iPhone. "ENGIE Fit" conterà i passi effettuati sincronizzandosi con le app Google Fit o Apple Health.

Per ottenere il bonus basterà semplicemente camminare: al raggiungimento di un determinato numero di passi, si potrà riscattare il bonus. La prima delle sfide programmate durerà due settimane; si dovranno percorrere in media 6000 passi al giorno (circa 4 km).

ENGIE, tra i protagonisti dell'energia anche in Italia, è il primo operatore del settore "utilities" a offrire questa opportunità.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità camminare un'ora al giorno, ovvero compiere circa 10.000 passi, fa bene al cuore, ai muscoli e aiuta a mantenersi in forma. Uno stile di vita sano permette di vivere meglio, inquinare meno e, adesso, anche di risparmiare sulla propria bolletta. 

Tutto quel che c'è da fare è scaricare l'app, attivare "ENGIE Fit" e tenersi in forma. Non serve correre o praticare uno sport in particolare, ma basta fare una bella passeggiata, evitando di prendere l'automobile.

ENGIE ha considerato la grande crescita che stanno registrando le soluzioni fitness sul web: già oggi, oltre il 7% degli Italiani utilizza app per svolgere e monitorare esercizi fisici, mentre un altro 10% si dichiara interessato; le app più popolari sono stabilmente al di sopra di 1.000.000 di utenti. 

Nel mondo, sono disponibili 40.000 app sulla salute, l'area fitness è già presente nel 20% dei device e i fitness tracker sono stati tra le categorie più scaricate dall'inizio 2016.

ENGIE ritiene che il digitale possa dare un fondamentale apporto allo sviluppo del settore energia, creando nuove opportunità sia per i consumatori, sotto il profilo del risparmio e della conoscenza, che per gli operatori del settore, nella rimodulazione e innovazione della loro offerta. 


ENGIE
ENGIE pone la crescita responsabile al centro delle proprie attività (elettricità, gas naturale e servizi energetici) per affrontare le grandi sfide della transizione energetica verso un'economia a basse emissioni di carbonio: accesso all'economia sostenibile, attenuazione e adattamento al mutamento climatico, sicurezza degli approvvigionamenti e ottimizzazione dell'uso delle risorse. ENGIE in Italia propone offerte globali sull'intera catena del valore dell'energia, dalla fornitura ai servizi, con particolare attenzione ai prodotti innovativi e alle soluzioni di efficienza energetica e di gestione integrata. 

Con 2.600 dipendenti in più di 50 uffici sull'intero territorio nazionale, ENGIE in Italia è il primo operatore nei servizi energetici, il quarto nel settore del gas, sesto nell'elettricità. 

ENGIE è presente in tutti i segmenti, dal residenziale al terziario, pubblico e privato, fino alla piccola e grande industria.



--
www.CorrieredelWeb.it

SALUTE. L'evento "Diossina 40 anni dopo: quali insegnamenti?" Seveso, 14 maggio 2016 ore 12.30

l'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri Monza e Brianza
 ha organizzato un incontro con la stampa in occasione del convegno ECM
 
"L'EVENTO DIOSSINA 40 ANNI DOPO: quali insegnamenti"
 
che si terrà
sabato 14 maggio 2016 alle ore 12.30
presso
Auditorium Centro Pastorale Ambrosiano
Via San Carlo, 2 - Seveso
 
***************************
Sul tavolo dei relatori prenderanno parola:
Roberta CHERSEVANI - Presidente FNOMCeO, Carlo Maria TERUZZI - Presidente OMCeO Monza e Brianza, Franco TOFFOLETTO - Unità Operativa Medicina del Lavoro - H. Desio, Paolo MOCARELLI - già Direttore del Servizio Universitario Medicina di Laboratorio - H. Desio,
Pietro Alberto BERTAZZI - Clinica del Lavoro - Università degli Studi di Milano, Paolo BRAMBILLA - Docente di Biochimica Clinica Università Milano Bicocca e Direttore del Servizio Universitario Medicina di Laboratorio - H. Desio,
Raimondo IBBA - Presidente OMCeO Cagliari e Referente Comitato Centrale FNOMCeO per Ambiente, Salute e Sviluppo Economico, Maria Teresa D'AGOSTINO - Consigliere OMCeO Monza e Brianza e Responsabile Commissione Ambiente, Salute e Sviluppo Economico,
Guido FELTRIN - Unità Operativa Medicina del Lavoro - H. Desio, Luca CAVALIERI D'ORO - Servizio di Epidemiologia ATS della Brianza, Ian Marc BONAPACE - Docente di Patologia Generale e Oncologica Molecolare - Università dell'Insubria,
Roberto ROMIZI - Presidente Associazione Medici per l'Ambiente - ISDE Italia, Luca ZUCCHELLI - Regione Lombardia D.G. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile,
Ambrogio BERTOGLIO - Medico Psichiatra - Manager Sanitario, Luigi LOSA - già direttore de "Il Cittadino" e corrispondente del "Corriere della Sera" all'epoca dei fatti e Sua Eminenza, il Cardinale Dionigi TETTAMANZI.
 
Sarà possibile accedere al convegno a partire dalle ore 12.00,
L'incontro con la stampa inizierà alle ore 12.30 alla presenza dei relatori intervenuti durante la mattinata e di coloro che prenderanno parola nel corso del pomeriggio.
Durante tutta la durata del convegno (8.30 - 16.00) sarà attivo un collegamento audio in un'aula adiacente.
 
***************************
PER POTER PRENDERE PARTE ALL'INCONTRO CON LA STAMPA E' NECESSARIO ACCREDITARSI
scrivendo una email all'indirizzo press@tramitecomunicazione.it
o chiamando il numero 039.8946677
 

Esami e cure per la SCLEROSI MULTIPLA: la circolare del Ministero della Salute


  | News dalla ricerca | Le storie del blog

L'8 maggio prossimo sarà la Festa della Mamma, noi con un po' di anticipo, facciamo gli auguri a tutte!
Nel frattempo, come sempre, qui sotto trovi una selezione delle news più rilevanti che abbiamo pubblicato nell'ultimo mese.

Buona lettura.
 
Diritti
Esami per la diagnosi e la cura della sclerosi multipla: una circolare chiarisce come prescriverli
Molte persone con SM hanno subito disagi in seguito a un decreto emanato lo scorso gennaio. Ora il Ministero della Salute ne sospende gli effetti. Ecco cosa prevede la circolare
.....
Ricerca
Sclerosi multipla: i problemi cognitivi in assenza di attività di malattia
Quando non si verificano ricadute, progressione di disabilità, nuove lesioni della sostanza bianca, si dice che non vi è: 'nessuna evidenza di attività della malattia'. Ma come si comportano i problemi cognitivi?
.....
L'inchiesta
Sanità digitale: il futuro della salute
Condivisione dei dati e tecnologie assistive sono solo due aspetti di un fenomeno in costante crescita: l'e-health. Sull'ultimo numero di SM Italia un'inchiesta affronta l'argomento da diversi punti di vista
.....
5 per mille
Vuoi il mio numero? come nasce la nostra campagna di street marketing
Abbiamo realizzato una serie di video virali per lanciare un messaggio importante: sostieni la ricerca scientifica destinando alla Fondazione di AISM il tuo 5 per mille
.....
Storie
"Nessuno mi credeva, poi è arrivata la diagnosi"
Spesso i sintomi di esordio sono sottovalutati ed è difficile farsi ascoltare. La storia di Elena
.....
"Spesso un piccolo dono produce grandi effetti". [Lucio Anneo Seneca]
Metti anche tu un mattone per costruire un mondo libero dalla SM.
Dona ora
Condividi queste notizie, falle conoscere!

Copyright © 2016 AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus, All rights reserved.


Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.