CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

lunedì 30 novembre 2015

Almirall reaches an agreement to acquire 100% of Poli Group


·         Agreement to acquire 100% of the share capital of Poli Group Holding S.r.l.
·         Acquisition will bring added revenues, a growth portfolio and complementary skills in Dermatology OTC.
·         Almirall will also obtain a Dermatology focused R&D structure with proprietary formulation technology (HPCH) and three clinical stage pipeline projects.
·         Transaction significantly accretive to Adjusted EPS in the first full year following completion.
·         Almirall takes another decisive step towards becoming a leading specialty pharmaceutical company with a strong focus on improving lives of Dermatology patients.
 
 
 
 
Barcelona, 30th November 2015
 
Almirall, S.A. the global pharmaceutical company based in Barcelona, announces today that it has signed an agreement to acquire one hundred per cent of the share capital of Poli Group Holding S.r.l., the holding company of Poli Group. Poli Group comprises three operating companies (Taurus Pharma GmbH, Polichem S.A. and Polichem S.r.l).
With this strategic transaction Almirall continues to execute on the plan to become a top global Dermatology player announced last year after the transfer agreement with AstraZeneca.
Poli Group has a diversified and growing portfolio of proprietary and well-established drugs, focused on Dermatology and complemented with a strong portfolio of Gynaecology and Respiratory products, the latter promoted through distributors. The acquired brands include Ciclopoli®, the flagship product that has led Poli Group to become a world leader in nail diseases (onychomycosis), a large and underserved market affecting approximately 10-15% of the total population. Other main Dermatology products include Sililevo® and Zeloglin®, used to treat nail psoriasis and rosacea.
C. 60% of the product sales of Poli Group, all their activities in R&D and all their direct commercial efforts are in the Dermatology area.
Poli Group’s products are commercialised in 70 countries, with a focus on Europe and Asia. For the last 12 months, ending in June 2015, the company generated net sales close to ~€85m. The company has 85 employees.
This acquisition is the next step in the strategic evolution of Almirall, moving further into a Specialty Pharma model focused on Dermatology. Through the acquisition Almirall will:
·         Grow its revenues in the Dermatology market globally.
·         Expand its existing Dermatology portfolio with recognized and growing international brands for nail psoriasis and onychomycosis treatment.
·         Reinforce our OTC presence in Germany significantly
·         Reach further critical mass in Almirall’s key Dermatology markets and an opportunity to further develop activities in the US.
·         Gain direct exposure to fast-growing territories.
·         Obtain a Dermatology focused R&D structure with proprietary formulation technology (HPCH) and three clinical stage Dermatology products.
·         Leverage its existing organisational strength in manufacturing, R&D, commercial and business development.
 
Jorge Gallardo, President of Almirall, commented: “This important transaction is the result of our continued focus on growing our presence in the global Dermatology market. The products of Poli Group will provide Almirall with leading market positions in key geographies in which we want to increase our footprint. We still have room to grow in Dermatology and will continue to analyse opportunities in the market”.
 
Terms of the transaction
The transaction is subject to Almirall’s shareholders approval and will have to be approved by antitrust authorities in certain markets. Almirall does not envisage any significant obstacles to closing by the end of this year or beginning of 2016.
The transaction will be funded using Almirall’s available cash balance and is expected to be accretive to Adjusted EPS in year 1.
Nomura International plc is acting as exclusive financial adviser and BonelliErede is acting as legal advisor to Almirall.
Banca IMI is acting as exclusive financial adviser and Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners is acting as legal advisor to Poli Group
 
About Almirall
 
Almirall is a global company based in Barcelona dedicated to providing valuable medicines and medical devices through its R&D, agreements and alliances. Our work covers the whole of the drug value chain. A consolidated growth allows us to devote our talent and efforts towards specialty areas and particularly to further grow as a leading Dermatology player. Our size enables us to be agile and flexible so that we can accomplish the purpose of taking our innovative products wherever they are needed.
Founded in 1943, Almirall is listed on the Spanish Stock Exchange (ticker: ALM) and it has become a source of value creation for society due to its vision and the commitment of its long-standing major shareholders. In 2014, its revenues totaled 1,407 million euros and, with more than 2,100 employees, it has gradually built up a trusted presence across Europe, as well as in the US and Mexico.
For more information, please visit www.almirall.com
 
About Poli Group
 
Founded in Italy in 1946 by Dr. Piero Poli, Poli Group is an international niche pharmaceutical company that develops registers and sells mainly proprietary products (both drugs and medical devices). With a portfolio of 8 marketed products, Dermatology is the key focus area of the company, being the world leader in nail diseases and treating disorders such as onychomicosis, nail psoriasis and nail dystrophies, skin mycosis, rosacea and acne, among others. In addition, Poli Group has a well-established franchise of 6 and 2 Gynaecology and Respiratory products, respectively. Headquartered in Lugano, CH, the company has 85 employees mainly devoted to commercial and R&D activities.
 
More information about Poli Group can be found in www.polichem.com and www.tauruspharma.de

Giornata mondiale per la lotta all’AIDS: la chiarezza che manca sul “vaccino italiano”

Due brevetti -di cui uno è certamente frutto del lavoro di ricerca dell'Istituto superiore di Sanità- risulterebbero trasferiti alla società Vaxxit srl, fondata dalla dottoressa Barbara Ensoli, che guida il Centro nazionale AIDS dello stesso Istituto.

ISS e Ensoli non rispondono alle domande di Altreconomia, che con un'inchiesta nel maggio 2014 aveva fatto scoppiare il "caso", portando l'Istituto -nel novembre dello stesso anno- a revocare la cessione dei brevetti

Leggi l'approfondimento su Altreconomia


Milano, 30 novembre 2015 - Nel novembre 2014 l’Istituto superiore di Sanità (ISS) annullava la cessione a favore della società Vaxxit Srl dei brevetti del presunto “vaccino italiano” contro l'AIDS, sviluppato all’interno dei labora tori pubblici, con un investimento di almeno 28,3 milioni di euro.

Un anno dopo, però, emerge che Vaxxit Srl -che è stata fondata dalla ricercatrice Barbara Ensoli, che guida anche il Centro nazionale AIDS dell'ISS ed è a capo del gruppo di ricerca che dal 1998 ha promesso al mondo la “cura” alla pandemia del millennio- ha mantenuto ancora alcuni brevetti (diritti di privativa industriale) nonostante lo stop dell’Istituto.



Vaxxit Srl -che ha tra i propri soci anche soggetti domiciliati in Paesi a fiscalità agevolata- continua a dichiarare nei propri documenti societari “relazioni e collaborazioni professionali” proprio con l’ISS guidato da Gualtiero Ricciardi -che in qualità di commissario straordinario aveva disposto l’interruzione di ogni rapporto con la Srl-.

Intanto, come emerge da un recente speciale di Tg3 Fuori Tg, si torna a parlare di un nuovo finanziamento al progetto di ricerca, per ulteriori 15 milioni di euro.

Il commento dell’immunologo Fernando Aiuti è lapidario: “Un eventuale finanziamento pubblico italiano di questo ‘vaccino’ avrebbe costi enormi con scarse ricadute sui benefici clinici per i malati”.

Tanto l’Istituto superiore di Sanità quanto Barbara Ensoli hanno rifiutato di rispondere alle domande di Altreconomia, che nel maggio del 2014 aveva sollevato con un’inchiesta il duplice problema relativo al “vaccino”: oltre al conflitto d’interesse legato alla figura della dottoressa Ensoli, infatti, la ricerca sulla parte “preventiva” (cioè l'autentico vaccino) s’è fermata, senza produrre i risultati annunciati già dal 1998. L'inchiesta di Altreconomia aveva portato l'ISS a disporre la revoca della cessione dei brevetti, disposizione che a quanto pare no n ha prodotto risultati.

Alla vigilia della Giornata mondiale per la lotta all’AIDS, l’ultimo Notiziario curato dal Centro Operativo AIDS (COA) fotografa un Paese che in tema di AIDS non scommette più sulla prevenzione: nel 2014, in Italia, 3.695 persone hanno scoperto di essere HIV positive, con un’incidenza pari a 6,1 nuovi episodi ogni 100mila abitanti. Nel 79,6% dei casi il virus ha colpito gli uomini e la fascia d’età più coinvolta è stata quella compresa tra i 25 e i 29 anni. Per Vittorio Agnoletto -medico e coautore di “AIDS, lo scandalo del vaccino italiano” (Feltrinelli 2012)- “è la prova che il Paese ha smesso di fare corretta prevenzione”.

SALUTE. Sempre più sicura l’acqua potabile. L'innovazione del Water Safety Plan nell'accordo tra CAP e Istituto Superiore di Sanità.

Controlli più stringenti e su misura dei singoli territori.

Si scrive Water Safety Plan (in breve WSP) e si legge rivoluzione per l’acqua del rubinetto. È quella annunciata durante un workshop a Milano da Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano che sarà il primo in Italia ad adottare il WSP sul proprio sistema acquedottistico, e dall’Istituto Superiore di Sanità.

Il WSP è divenuto parte integrante della legislazione europea con la direttiva 2015/1787 che modifica gli allegati II e III della direttiva 98/83/CE del Consiglio concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, e concede due anni di tempo ai singoli Stati per adeguarsi alla nuova normativa. Il WSP ridefinisce il modello del controllo dell’acqua potabile, basato fino ad ora sulla sorveglianza di segmenti circoscritti del sistema-acquedotto (prelievo-trattamento-distribuzione) e sul monitoraggio a campione dell’acqua distribuita in rete, trasformandolo in un sistema globale di gestione del rischio esteso all’intera filiera idrica dalla captazione al punto di utenza finale.

In pratica il WSP consentirà a CAP, che implementerà il progetto nel corso dei prossimi due anni con la consulenza dell’Istituto Superiore di Sanità, di decidere insieme alle ASL e alle altre autorità competenti, sulla base di una valutazione dei rischi, quali parametri monitorare in relazione ai rischi realmente presenti sul territorio e accuratamente analizzati. Sarà possibile, infatti, scegliere di aumentare o ridurre la frequenza dei campionamenti nelle zone di approvvigionamento, nonché estendere la lista di sostanze da monitorare in caso di preoccupazioni per la salute pubblica. Il tutto anche grazie al coinvolgimento attivo dei Comuni e degli stakeholder. La flessibilità nel monitoraggio dei parametri e nella frequenza di campionamento è inquadrata in una serie di requisiti da rispettare, per assicurare la protezione della salute dei cittadini. Ciò consentirà di ridurre drasticamente le possibilità di contaminazione delle acque captate e di attenuare o rimuovere la presenza di fattori di rischio chimico e microbiologico attraverso trattamenti delle acque adeguatamente progettati, eseguiti e controllati e, infine, di prevenire eventuali ri-contaminazioni in fase di stoccaggio e distribuzione dell’acqua fino al punto di consegna.

“Gruppo CAP ha fatto dell’innovazione e della sicurezza dell’acqua potabile un suo elemento distintivo. Per questo non solo abbiamo contribuito concretamente alla discussione europea che ha portato alla revisione della Drinking Water Directive, ma vogliamo essere i primi a compiere questa vera e propria rivoluzione della sicurezza dell’acqua che esce dai nostri rubinetti – spiega Alessandro Russo Presidente di Gruppo CAP –. Il passaggio al WSP significa per il Gruppo un investimento importante in innovazione tecnologica, in ricerca e sviluppo della conoscenza. Tutto per garantire un’acqua ancora più di qualità, sulla quale i controlli non sono solo puntuali e continui, come avviene già adesso, ma anche ritagliati sulle caratteristiche della nostra falda e del nostro territorio, anche grazie al dialogo con i Comuni e con i cittadini”.

“In pratica, per ogni sistema acquedottistico – dichiara Luca Lucentini, ricercatore dell’ISS -  vengono valutati i possibili pericoli che possono compromettere la sicurezza dell’acqua in ogni fase della sua presenza nell’ambiente naturale, captazione, trattamento e distribuzione fino al rubinetto, stimandone il rischio e il possibile impatto sulla salute e, soprattutto, ridefinendo le misure per evitare pericoli. Il risultato è un sistema sotto controllo ed una elevata qualità dell’acqua fornita nel tempo, garantita da evidenze misurabili. Un lavoro multidisciplinare e poliedrico, definito in una Linea guida nazionale, che CAP intende attuare in una filiera idro-potabile complessa e di larga estensione, svolto in cooperazione con le Autorità sanitarie e ambientali regionali e locali, e con il supporto tecnico-scientifico dell’ISS. Certamente, data la sua portata innovativa, le esperienze del progetto andranno a contribuire alle azioni di prevenzione in tema di acqua e salute coordinate dal Ministero della Salute e condotte da molte Regioni e Province Autonome, fornendo anche elementi di conoscenza originali da condividere in ambito europeo ed OMS”. 

Proprio il WSP sarà tra l’altro oggetto di un convegno internazionale promosso da Gruppo CAP, con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità, che si terrà a Milano il 15 gennaio 2016 e che vedrà la presenza dei massimi esperti mondiali di acqua potabile a uso umano (in allegato la bozza del programma). Il convegno sarà l’occasione per confrontare le migliori esperienze europee e programmare al meglio i prossimi passi di CAP per l’attuazione e implementazione del Water Safety Plan.

Il WSP è una delle 21 azioni concrete di CAP 21, il programma di CAP in vista di COP21, la Conferenza sul clima in corso proprio in questi giorni a Parigi. I 21 impegni di sostenibilità previsti da CAP rappresentano una promessa quotidiana nella gestione industriale, pubblica ed efficiente del servizio idrico integrato, e si riassumono in sette grandi aree di intervento: #Acquadabere, #Acquadarecuperare, #acquadavalorizzare, #Acquadacostruire, #Acquadarisparmiare, #Acquadainnovare e #Acquadasostenere.


Gruppo CAP
Il Gruppo CAP è una realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato in provincia di Milano, Monza e Brianza, Pavia, Varese, Como secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Gestore unico della provincia di Milano per dimensione e patrimonio il Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale.

sabato 28 novembre 2015

Stati Generali della Medicina di Genere, Firenze 4 dicembre - ultimo promemoria


Il 4 dicembre a Firenze si terranno gli Stati Generali della Medicina di Genere per fare il punto su dove siamo e per accordarci su dove vogliamo andare insieme, a livello nazionale.

L'evento interessa medici, farmacisti, infermieri, fisioterapisti, psicologi, sociologi, educatori, esponenti delle associazioni dei pazienti e dei cittadini, responsabili dei servizi sanitari, sociali e culturali, amministratori locali e nazionali, responsabili delle associazioni di categoria e dei sindacati.
  
In generale tutti coloro che hanno interesse ad approfondire il tema della diversità (anche profonda) delle donne e degli uomini nei confronti delle malattie, della salute, della società e della vita.

Programma e Iscrizione
http://www.toscanasanita.it/wp-content/uploads/2015/11/stati-generali.pdf


--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 27 novembre 2015

Errore medico e responsabilità professionale, Aicpe denuncia: «Inaccettabile il ddl. Il libero professionista è discriminato. Chiediamo che l'Italia si allinei all'Europa»

«Il disegno di legge (ddl) sulla Sanità, di cui si parla tanto in questo periodo, è incompleto e mostra preoccupanti incoerenze». È l'opinione dell'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) sul ddl approvato dalla Commissione Affari Sociali sulla responsabilità professionale. «Il ddl riduce a 5 anni il periodo di prescrizione e attribuisce al paziente l'onere della prova – prosegue Aicpe -. Ciò significa che i pazienti, che non abbiano ragioni sostenibili per intentare una causa o che abbiano finalità risarcitorie non giustificate, non chiederanno, con la stessa frequenza e facilità, di iniziare un processo risarcitorio che, con le nuove misure legislative, probabilmente, darà loro torto e li assoggetterà a spese legali. Il minor numero di processi che seguirà l'applicazione di tali nuove regole dovrebbe anche diminuire il lavoro dei giudici impegnati in questo campo e migliorare la funzionalità della giustizia nei processi per giusta causa». 

Il punto è che «il Governo ha ritenuto opportuno che questi principi valgano solo in ambiente pubblico ed ha escluso tutti i liberi professionisti da queste regole". 

«Perché? Perché un sanitario che esegue lo stesso intervento in un ospedale e in una clinica privata deve essere sottoposto a principi legislativi differenti? Perché lo stesso danno segue un percorso legislativo differente a seconda che accada in ambiente pubblico o libero-professionale?» si chiede Aicpe, che prosegue: «Il criterio di discriminazione fra pubblico e privato su cui si basa questo decreto è ingiusto e incomprensibile. Estendere a tutti i sanitari gli stessi principi non solo renderebbe equa la norma, ma aumenterebbe i benefici effetti di questo decreto sia in termini economici sia di funzionalità del sistema giudiziario. Quello che chiediamo è che la normativa italiana sia uniformata a quella del resto d'Europa, come peraltro la giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea raccomanda da quasi vent'anni».
 
Il ddl ribadisce l'obbligo di contrarre assicurazione per le strutture sanitarie e per ogni medico, ma non obbliga le assicurazioni a stipulare i contratti. Non si considera infatti che «la maggior parte delle compagnie assicurative non offrono più ai medici la possibilità di stipulare le polizze richieste dalla legge». Aicpe chiede quindi che «il Governo obblighi in qualche modo le compagnie assicurative a offrire ai medici contratti di copertura a cifre accettabili, sotto il controllo dello Stato, come è stato fatto per le auto all'epoca dell'introduzione dell'obbligo dell'assicurazione per gli autoveicoli».

Inoltre è ormai il momento di riformare il diritto civile in materia di responsabilità dei sanitari: «Servono norme chiare, che non si prestino a interpretazioni multiple che rendono il diritto in ambiente sanitario del tutto oscuro. Tale situazione rende problematico il rapporto medico-paziente che, invece di basarsi su fiducia interpersonale, si avvia sempre più a diventare un puro rapporto contrattuale, con tutti i lati negativi che tale situazione comporta, specialmente in ambito di medicina privata. La libera professione è una risorsa per lo Stato italiano, tutelata dalla Costituzione: un atteggiamento discriminatorio e punitivo nei confronti di tale risorsa non è giustificato e crea un susseguirsi di eventi che termina danneggiando il rapporto medico-paziente il quale è fondamentale per la funzionalità e il benessere della salute dei pazienti tutti. Proprio dall'ultima intervista a Quotidiano sanità del relatore del ddl, l'onorevole Federico Gelli, si evince come questo decreto sia stato costruito a vantaggio unicamente delle casse della sanità pubblica, ignorando totalmente le istanze dei singoli professionisti che continueranno a essere vessati, nell'ambito della libera professione, da un lato da un mercato assicurativo inesistente e dall'altro da una giurisprudenza senza regole certe ma piena di interpretazioni a volte perfettamente in contrasto tra di loro». «Il ddl poteva essere una buona occasione per far totale chiarezza in un settore che risente ancora di interpretazioni a volte sorprendentemente differenti: un'occasione, a nostro avviso, persa» conclude Aicpe.

AICPE. L'Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (www.aicpe.org), l'unica in Italia dedicata esclusivamente alla chirurgia estetica, è nata nel settembre 2011 per dare risposte concrete in termini di servizi, tutela, aggiornamento e rappresentanza. Ad AICPE, gemellata con l'American Society for Aesthetic Plastic Surgery (ASAPS), la più importante società di chirurgia estetica al mondo, hanno aderito oltre 250 chirurghi in tutta Italia. Membri Aicpe possono essere esclusivamente professionisti con una specifica e comprovata formazione in chirurgia plastica estetica, accomunati da un codice etico comportamentale che li distingue dentro e fuori la sala operatoria. L'associazione ha elaborato e pubblicato le prime Linee Guida del settore, consultabili sul sito internet, che stabiliscono i fondamentali parametri operativi dei principali interventi. Scopo di AICPE è tutelare pazienti e chirurghi plastici: disciplinando l'attività professionale con riferimento sia all'attività sanitaria, sia alle norme etiche; rappresentando i chirurghi plastici estetici nelle sedi istituzionali, scientifiche, tecniche e politiche per tutelare la categoria e il ruolo; promuovendo la preparazione culturale e scientifica.



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 26 novembre 2015

Cnr: trovata una nuova sostanza in grado di bloccare i tumori

L’Ibcn-Cnr identifica una sostanza (un peptide) in grado di indurre la morte delle cellule tumorali, riattivando l’oncosoppressore p53. I primi studi fanno ipotizzare che questo metodo possa essere ben tollerato dai tessuti sani. Il lavoro è stato pubblicato su Cancer Research

Partendo da precedenti studi, un gruppo di ricercatrici dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr) ha identificato un nuovo possibile approccio terapeutico per la cura del cancro, attraverso la riattivazione della proteina p53, soppressore tumorale considerato uno dei più importanti fattori per il controllo dello sviluppo e della progressione della malattia che infatti risulta inattivo in quasi tutti i tumori umani. I risultati sono pubblicati sulla rivista Cancer Research.

“Grazie a tecniche di biologia molecolare e cellulare è stata individuata una sostanza (un peptide) in grado di riattivare il soppressore tumorale p53, portando alla morte le cellule cancerose. In sintesi, questo peptide riesce ad annullare la collaborazione tra gli inibitori MDM4 e MDM2 che disattivano p53 rendendolo inefficace”, spiega Fabiola Moretti dell’Ibcn-Cnr che guida il gruppo di ricerca.

La sperimentazione indica inoltre che tale peptide è inattivo sulle cellule normali analizzate, facendo ipotizzare che questa nuova strategia possa essere ben tollerata dai tessuti sani. “Studi ulteriori saranno necessari per rendere tale peptide un vero farmaco”, precisa Moretti. 

“Rispetto alla sostanza individuata in questo studio, le terapie sviluppate finora per riattivare p53 nei tumori non sono in grado di bloccare simultaneamente i due inibitori; inoltre una prima sperimentazione clinica, ha anche evidenziato una forte tossicità di una di queste terapie, dovuta al danneggiamento di alcuni tessuti sani”.

Lo studio dell’Ibcn-Cnr è stato realizzato grazie al supporto dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) e del progetto Cnr-ministero dell’Economia e finanza ‘FaReBio di qualità’. Il lavoro ha visto la collaborazione dell’Università di Perugia, dell’Università Cattolica di Roma, dell’Istituto Regina Elena di Roma, dell’Istituto europeo per la ricerca sul cervello (Ebri)-Rita Levi Montalcini e dell’Università di Leuven in Belgio.

Roma, 26 novembre 2015

Vaccinazioni: 631 casi di danni indennizzati. Il Condav a convegno

In Italia sono 631 le persone che hanno riportato casi di danno irreversibile a causa di vaccinazione e che hanno ottenuto l'indennizzo previsto dalla legge.

Molti stanno ancora attendendo la conclusione di iter burocratici e giudiziari lunghissimi, per altri ancora è stato riconosciuto il nesso di causalità ma non è stata prevista l'erogazione dell'indennizzo.

Questi sono dati e situazioni di cui non si può non tenere conto nel dibattito che si sta consumando nel nostro paese con toni perentori che però considerano solo una parte del problema.

Di questo si parlerà al convegno annuale del Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino che si terrà l'1 dicembre a Palazzo San Macuto, Roma. 


--
www.CorrieredelWeb.it

Highest number of new HIV cases in Europe ever

ECDC and WHO call for better prevention, diagnosis and treatment for vulnerable populations, including migrants and refugees
 

Copenhagen and Stockholm, 26 November 2015 --- With HIV infection diagnosed in over 142 000 people in 2014, the WHO European Region recorded the highest number of newly diagnosed infections in 1 year since the start of reporting in the 1980s. The most recent surveillance data released by the European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) and the WHO Regional Office for Europe indicate that the growth of the HIV epidemic is driven by the eastern part of the Region, where the number of new diagnoses has more than doubled during the past decade.

Heterosexual transmission is responsible for the increase in eastern Europe, and transmission through drug injection remains substantial. In the EU and the EEA, sex between men is the predominant mode of HIV transmission. Two in three new HIV infections are among native-born Europeans, while foreign-born individuals, including migrants, represent only one third of HIV diagnoses.

"Despite all the efforts to fight HIV, this year the European Region has reached over 142 000 new HIV infections, the highest number ever. This is a serious concern", says Dr Zsuzsanna Jakab, WHO Regional Director for Europe. "With all the evidence on HIV prevention and control, including new treatment guidelines, we call on European countries to take bold action and curb the HIV epidemic once and for all".

"Since 2004, the rates of new diagnoses have more than doubled in some EU and EEA countries and decreased by 25% in others. But the overall HIV epidemic persists largely unchanged", points out ECDC Acting Director Andrea Ammon. "This means that the HIV response in the EU and EEA has not been effective enough to result in a noticeable decline over the last decade."

Social exclusion places refugees and migrants at greater risk of HIV infection
During the past decade, the number of diagnoses of HIV infection in migrants in Europe has declined sharply, and evidence shows that a significant proportion acquire HIV after arrival in Europe.

"Refugees and migrants remain a priority for HIV prevention and care. Conflict and disasters should not affect access to HIV services for people living with HIV. When refugees and migrants are victims of social exclusion in receiving countries, they are at greater risk of HIV infection, and this may lead them to engage in risky behaviour, increasing their risk for infection. This risk is exacerbated by inadequate access to HIV services and fear of being stigmatized", stresses Dr Jakab. "We at WHO urge all countries in Europe to offer HIV prevention, testing and treatment services to all refugees and migrants, irrespective of their legal status. This is also the safest way to protect the resident population from HIV infection".

Sex between men the main transmission mode in the EU and EEA
Despite specific prevention programmes in many European countries, sex between men is still the predominant mode of HIV transmission in the EU and EEA.

"HIV diagnoses among men who have sex with men have been rising at an alarming rate, from 30% in 2005 to 42% in 2014, with increases in all but six EU and EEA countries", highlights ECDC Acting Director Andrea Ammon. "Europe has to scale up its efforts to reach out to this group. This includes looking at new strategies such as pre-exposure prophylaxis for HIV and access to care for EU citizens residing in other EU countries." In its new guidance, ECDC identifies seven key services that have been proven to be effective in reducing and preventing HIV infection among men who have sex with men.

The obstacle to ending AIDS: late diagnosis
Almost half of HIV infections throughout the European Region are diagnosed late: this increases the risks for ill health, death and HIV transmission. The high number of AIDS cases in the eastern part of the Region confirms the role of late HIV diagnosis, delayed initiation of antiretroviral therapy (ART) and low treatment coverage.

The number of AIDS cases is going down continuously in the EU and EEA. But two thirds of AIDS diagnoses reported in 2014 occurred at the time of or shortly after the HIV diagnosis, indicating that the immune system of these people had already started to fail. Migrants are more likely to have a late diagnosis, but only half of EU and EEA countries provide free treatment for undocumented migrants.

New global HIV guidelines improve prevention and treatment
In 2015, new WHO global HIV prevention and treatment guidelines were issued, suggesting that ART should be initiated in all people living with HIV, irrespective of their CD4 cell count. There is now strong evidence that early treatment is beneficial both for the health of treated individuals and in preventing onward HIV transmission.

However, early testing, support by trained lay providers and potential use of HIV self-testing should be scaled up in order to make this new opportunity available to infected people. This will ensure earlier diagnoses and treatment initiation, resulting in improved treatment outcomes and less disease and death.



Notes 
World AIDS Day was introduced by WHO in 1988 and is observed annually on 1 December to raise awareness about the AIDS pandemic caused by HIV infection.

HIV/AIDS
HIV attacks the immune system and causes a lifelong, severe illness with a long incubation period. The end-stage of untreated infection, AIDS, results from destruction of the immune system. AIDS is defined by the presence of one or more "opportunistic" illnesses (other illnesses that occur due to the decreased immunity).

The WHO European Region comprises 53 countries, with a population of nearly 900 million people, of whom around 508 million live in the EU and EEA (28 EU Member States plus Iceland, Liechtenstein and Norway). The 141 930 newly diagnosed infections include more than 56 000 diagnoses in 2014 reported to ECDC and WHO and more than 85 000 new cases reported by the Federal Scientific and Methodological Centre for Prevention and Control of AIDS in the Russian Federation.

References
ECDC-WHO report HIV/AIDS surveillance in Europe 2014 http://www.euro.who.int/en/health-topics/communicable-diseases/hivaids/publications/2015/ecdc-who-report-hivaids-surveillance-in-europe-2014



WHO resources
WHO/Europe HIV/AIDS page http://www.euro.who.int/en/health-topics/communicable-diseases/hivaids

Guideline on when to start antiretroviral therapy and on pre-exposure prophylaxis for HIV http://www.who.int/hiv/pub/guidelines/earlyrelease-arv/en/

Consolidated guidelines on HIV testing services http://www.who.int/hiv/pub/guidelines/hiv-testing-services/en/

WHO World AIDS Day 2015 http://www.who.int/campaigns/aids-day/2015/event/en/ 

ECDC resources
ECDC guidance and the full seven proposed interventions HIV and STI prevention among men who have sex with men http://ecdc.europa.eu/en/publications/Publications/hiv-sti-prevention-among-men-who-have-sex-with-men-guidance.pdf






Cioccolato. Fa bene?

Roma, 26 Novembre 2015. Con questo freddo l'occasione e' ghiotta per avvicinarsi alla gustosa tavoletta di cioccolato, oltretutto senza tante remore, perche' leggiamo che il cioccolato contiene i flavonoidi, antiossidanti utili per il nostro organismo. Diciamo subito che la quantita' di flavonoidi varia notevolmente tra il cioccolato fondente, il cioccolato al latte e il cioccolato bianco che non ne ha. Sorge subito una domanda: la quantita' di flavonoidi e' tale da avere effetti positivi per la nostra salute? Abbiamo fatto una piccola ricerca per sapere se la quantita' di flavonoidi e' indicata nelle etichette delle tavolette di cioccolato. Abbiamo preso in esame le marche Lindt, Novi e Milka, ma non abbiamo trovato tracce delle indicazioni che cercavamo e, quindi, non possiamo sapere la quantita' dell'antiossidante in questione, in piu', e' da tener presente che i flavonoidi sono amari e possono essere ridotti dal produttore per venire incontro alle esigenze del consumatore.
Per analogia, ci viene in mente il resveratrolo, un antiossidante, contenuto nel vino del quale se ne decantavano le proprieta', ma che, per svolgere i propri effetti benefici, deve essere assunto in quantita' considerevoli, equivalenti a 3-4 litri di vino al giorno, con effetti negativi per il nostro fegato; l'alcol, infatti, non e' proprio gradito alla nostra ghiandola depuratrice.
Di certo, il cioccolato fondente ha un alto potere calorico, infatti, 100 grammi apportano 515 kcalorie, il 25% del nostro fabbisogno giornaliero, con 34% di  lipidi (grassi) e il 50% di carboidrati (zuccheri). Insomma, una bomba calorica, che ci induce a limitarne il consumo il che comporta una riduzione  dei flavonoidi assunti.
Ovviamente, rimane il piacere, del quale  non ci permettiamo di discutere.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc





--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 25 novembre 2015

Ausl Romagna: le iniziative per la Giornata contro l'HIV


Il 28 novembre apertura degli ambulatori di Ausl Romagna per effettuare gratuitamente l’HIV TEST

In occasione della giornata mondiale sull’Aids, gli ambulatori di Malattie Infettive, Dermatologia e SerT  di A.Usl Romagna, saranno aperti sabato 28 novembre dalle 8 alle 12  per invitare le persone ad effettuare gratuitamente il test  dll’Hiv ed offrire tutte le informazioni utili alla prevenzione dell’Aids.
Fare il test è importante poiché una persona affetta da infezione Hiv può rimanere asintomatica per anni: in questa fase l’infezione può essere diagnosticata solo con l’apposito test. Un tempo le persone temevano di scoprire la sieropositività poiché non c’erano cure efficaci, il virus continuava a replicarsi e portava all’Aids. Oggi non è così. Esistono terapie che bloccano l’azione del virus Hiv: si tratta di terapie che devono essere assunte continuativamente, e prima vengono attivate più sono efficaci. Il test è sicuro e gratuito.
Quest’anno l’iniziativa è coordinata anche con la Croce Rossa Italiana, che collaborerà per la divulgazione del materiale informativo nelle diverse sedi della Romagna, mentre a Rimini, come già da diversi anni, la Croce Rossa sarà in piazza Cavour dalle 18 all’una di notte nella stessa giornata di sabato 28 con un laboratorio mobile per l’esecuzione del test.
Tutti i campioni prelevati nell’”Hiv Test Day” saranno condotti ed esaminati dall’Unità Operativa Microbiologia del Laboratorio dell’A.Usl Romagna di Pievesestina. Dal primo dicembre, “Giornata mondiale contro l’Aids”, le persone potranno ritirare personalmente il risultato, negli stessi servizi in cui hanno effettuato il test. Anche l’Associazione “N.P.S. Emilia Romagna Onlus” è in campo per informazione, divulgazione e supporto.
L’infezione da virus Hiv è ancora molto diffusa e oggi la trasmissione avviene quasi esclusivamente attraverso rapporti sessuali non protetti. Un riscontro precoce è importante oltre che per l’efficacia della terapia, anche per ridurre la trasmissione.
Quindi tutti sono invitati ad effettuare il test per l’Hiv, ricordando che la legge tutela le persone con Hiv da ogni discriminazione.
I Servizi di Igiene e Sanità Pubblica, i Consultori familiari, gli Spazi giovani dei Consultori, i medici di famiglia possono fornire informazioni e consigli .

Tiziana Rambelli

martedì 24 novembre 2015

AEGATE partecipa al 10° "Forum Risk Management di Arezzo" 24-27 novembre 2015

AEGATE AL "FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITA'" DI AREZZO: LE SOLUZIONI AEGATE PER TUTELARE I PAZIENTI DAI FARMACI CONTRAFFATTI

Arezzo, 24 novembre 2015Aegate, azienda britannica leader nell'autenticazione di farmaci operante dal 2004 in Italia, non poteva mancare anche quest'anno al Forum Risk Mangement in Sanità di Arezzo (stand n.49), importante evento del settore sanitario italiano, dal 24 al 27 novembre 2015, giunto alla decima edizione. Il Forum, focalizzato sulla sicurezza in ambito sanitario, sarà dunque l'occasione per approfondire le tematiche di maggior rilievo sociale ed economico tra cui la necessità di tutelare i cittadini europei contro i danni derivanti dai medicinali falsificati e richiamati. La falsificazione dei farmaci infatti è un trend crescente a livello mondiale ma anche in Europa, ed è sempre più necessario l'attivazione di un sistema di autenticazione dei farmaci a livello europeo.

Aegate presenterà al Forum Risk Managament di Arezzo le opportunità e i vantaggi offerti dal suo servizio di autenticazione dei farmaci, a tutela della sicurezza dei pazienti. Questo in un momento decisivo per l'Europa, per l'attuazione della Direttiva Europea sui Medicinali Contraffatti (FMD- Falsified Medicines Directive). Infatti, dopo la recente approvazione, all'inizio di ottobre, degli Atti Delegati in merito ai requisiti di sicurezza presenti sulle confezioni dei medicinali, da quando gli Atti Delegati saranno pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea, gli Stati membri avranno tre anni di tempo per adeguarsi ai parametri stabiliti dalla legge e dovranno mettere a punto un sistema per verificare l'autenticità delle medicine prima che vengano dispensate ai pazienti. La Direttiva avrà un significativo impatto sull'intero settore farmaceutico e le misure adottate nei prossimi mesi dalle case farmaceutiche e dalle Associazioni connesse sono ora di vitale importanza per il successo della Direttiva Europea.

Aegate è leader di mercato nei sistemi di autenticazione dei medicinali e una delle tre aziende autorizzate dall'EMVO (European Medicines Verification Organisation) per l'autenticazione dei farmaci a livello europeo, è l'unica azienda specializzata esclusivamente nella tecnologia di autenticazione con esperienza pratica e un sistema pienamente funzionante già attivo, ad oggi nelle farmacie di ben nove Paesi europei (Belgio, Italia, Grecia, Irlanda, Cipro, Polonia, Paesi Bassi, Romania e Regno Unito).

Informazioni sull'evento:
Aegate Italia – Stand n°49

Forum Risk Management in Sanità
Via Lazzaro Spallanzani 23, Arezzo

Informazioni su Aegate
Con una storia documentata di oltre 3.6 miliardi di farmaci controllati, con un tasso medio di 200.000 transazioni all'ora in 21.000 punti di erogazione, Aegate è il principale leader di mercato nel settore dell'autenticazione dei farmaci. I servizi Reach, Assure e Protect di Aegate soddisfano tutti gli stakeholder. Supportata a livello internazionale da produttori di farmaci e farmacisti, Aegate è un'azienda europea con sedi in Belgio, Italia, Svizzera, Spagna e Regno Unito. La missione dell'azienda è proteggere i pazienti da medicinali scaduti, falsificati, o richiamati.
Aegate si avvale di un sistema altamente sicuro, in tempo reale, per verificare l'autenticità delle medicine. Il sistema opera senza soluzione di continuità dal produttore alla farmacia, e soddisfa pienamente i requisiti della legislazione europea per i medicinali falsificati. La rete Aegate supporta inoltre servizi di messaggistica che forniscono informazioni aggiuntive per il farmacista nel punto di erogazione, come la consulenza sulla regolamentazione o su tematiche legate alla sicurezza dei farmaci, l'educazione del paziente o le informazioni sull'aderenza alle terapie.

SALUTE, ASSOCIAZIONE DOSSETTI: URGE DECRETO LEGGE PER MALATI RARI

Sollecitare la Presidenza del Consiglio dei Ministri affinché si arrivi, entro la fine di questa Legislatura, ad un Decreto Legge che garantisca il diritto alla salute ai malati rari. Questo il messaggio lanciato durante il convegno "Un Decreto Legge per il Diritto alla Salute dei Malati Rari" organizzato dall'Associazione Giuseppe Dossetti che si è tenuto questa mattina, presso la Sala degli Atti parlamentari del Senato. Presenti, tra gli altri, Paolo Casali, della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori; Bruno Dallapiccola, Direttore scientifico dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Maria Pia Abbracchio, Presidente dell'Osservatorio della Ricerca dell'Università di Milano; Franco Vimercati, Presidente della Federazione delle Società Medico-Scientifiche Italiane; Giuseppe Zampino, Responsabile delle Malattie Rare e Clinica dei difetti congeniti al Policlinico Universitario "Agostino Gemelli"; Carlo Dionisi Vici, dello Società Italiana per lo Studio delle Malattie metaboliche e lo Screening neonatale. 

"Non esistono malati di serie A e malati di serie B – commenta Claudio Giustozzi, Segretario Nazionale dell'Associazione Giuseppe Dossetti, organizzatrice del convegno – ciò che è difficoltoso per persone affette da malattie comuni diventa un ostacolo insormontabile per chi soffre di malattie rare. Ho scritto al Premier Renzi affinché ci riceva: sulle malattie rare c'è bisogno di un Decreto Legge".
In base alle indicazioni del "Programma d'Azione Comunitaria per le Malattie Rare 1999-2003", si definisce "rara" una malattia che colpisce non più di 5 pazienti su 10.000 abitanti: nel loro insieme queste patologie sono molto numerose, al punto che l'OMS ha stimato l'esistenza di 6.000/7.000 distinte Malattie Rare, che colpiscono complessivamente circa il 3% della popolazione. In totale si stimano tra 27 e 36 milioni di persone coinvolte nella sola Unione Europea (UE) di cui circa 1-2 milioni in Italia.

"I pazienti e i familiari vivono un doppio disagio, sia per la malattia che per la condizione di solitudine in cui si trovano – prosegue Giustozzi – spese, rischio di impoverimento, ridotta capacità di reddito: nei primi tre anni di insorgenza dei sintomi, il 23% delle persone affette ha manifestato la necessità di ridurre l'orario di lavoro, il 12% è stato costretto ad abbandonarlo e chi lo ha mantenuto lo ha fatto con enormi difficoltà".

Nel corso degli anni sono state diverse le azioni intraprese dagli organi preposti, ma comunque parzialmente efficaci: il Piano Nazionale Malattie Rare 2013-2016 ha, essenzialmente, ricalcato Disegni di Legge già esistenti, come il DdL c. 4042 del lontano 2003 che venne strutturato grazie al contributo dell'Associazione Dossetti, e che fu modello di repliche nelle successive Legislature. Il Piano Nazionale 2013-2016 si è poi rivelato uno sterile documento di programmazione che non ha, però, garantito una tutela omogenea dei malati: basti pensare che dal tanto declamato aggiornamento dei LEA sono state escluse numerose malattie come i tumori rari, oltre a pratiche di prevenzione per la diagnosi precoce di molte patologie, come lo screening neonatale.

Tra le iniziative realizzate su questo tema, l'Open Day organizzato dal Ministero della Salute per il prossimo 10 dicembre con l'obiettivo di raccogliere le istanze delle Associazioni.

"Prendiamo atto della buona volontà e del fatto che se ne parli – aggiunge Giustozzi – ma non crediamo possa essere esaustivo nella soluzione di un problema che richiederebbe, in primis, un adeguato stanziamento di fondi, che ad oggi non è previsto. Il Piano Nazionale Malattie Rare si conclude con queste parole <<Il presente piano non è supportato dallo stanziamento di specifiche risorse sia in considerazione delle modalità ordinarie di finanziamento del SSN, sia a causa della difficile e ancora attuale congiuntura economica>>. Questo significa che, almeno a livello teorico, l'implementazione delle reti di assistenza per le malattie rare è demandata al finanziamento annuale per il SSN, che per il 2016 è di 111 milioni di euro. Non bisogna poi sottovalutare un altro aspetto, e cioè che ci sono 8 regioni italiane, come Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Sicilia, Calabria, Puglia e Piemonte, che sono impegnate nel cosiddetto piano di rientro. E dunque, queste Regioni, per far quadrare i conti, dovrebbero procedere a un aumento di Irap e Irpef. Ma Renzi nei giorni scorsi ha detto che nella Legge di Stabilità è inserito un divieto per gli enti locali di alzare le tasse a carico dei cittadini. Viene da domandarsi, allora, come faranno gli otto Governatori di queste regioni in deficit a rimettere a posto i loro bilanci".

Per quanto riguarda, poi, i finanziamenti alle Regioni va sottolineato che, rispetto alla previsione dei 111 miliardi per il Fondo del 2016, ci sono due miliardi in meno rispetto alle previsioni del Def del 2015. "Per non parlare dei LEA – conclude Giustozzi – e cioè dei Livelli Essenziali di Assistenza, che comprendono le prestazioni e i servizi che i cittadini hanno diritto ad ottenere dal Servizio Sanitario Nazionale e che dovrebbero essere garantiti in condizioni di uniformità su tutto il territorio nazionale. Il Presidente del Consiglio deve darci delle risposte, deve aiutarci a trovare una soluzione". 
 Le malattie metaboliche costituiscono il 10%delle malattie rare - commenta Carlo Dionisi Vici, della Società Italiana per lo studio delle Malattie Metaboliche e lo Screening Neonatale - Ci sono dei finanziamenti sugli screening,  previsti in due finanziarie per un totale di 10 milioni di euro che non sono stati toccati e comunque non sono sufficienti.  C'è anche una commissione sugli screening che avrebbe preparato un DdL che ancora però non è stato approvato: un testo che rimbalza dal Ministero, alla Conferenza Stato Regioni, al Garante della Privacy. Poi ci sono i Lea, che sono importantissimi, ma mancano sia per gli screening che per le malattie metaboliche".



Al via la campagna LILA per test rapido salivare HIV

Fino al 6 dicembre SMS al 45504
Fatti un regalo, fai il test!

Campagna LILA Onlus per la diffusione del test rapido salivare per l'HIV

Aver contratto l'HIV e non esserne a conoscenza è più frequente di quanto si pensi.

Si stima che nel nostro Paese a esserne inconsapevoli siano dal 13 al 40% in più delle oltre 94.000 persone già accertate, per un totale di 100/150mila casi (Istituto Superiore di Sanità).

Un dato che va di pari passo con quello secondo cui in Italia oltre il 50% delle persone scopre di avere contratto l'HIV in una fase molto avanzata dell'infezione.

Ma non sapere di aver contratto il virus costituisce un duplice rischio: per se stessi, perché si giunge tardi alle terapie antiretrovirali, e per gli altri, perché si può contribuire a diffondere il contagio.

Diagnosticare l'infezione da HIV in fase precoce è quindi fondamentale.

Per questo, fino al 6 dicembre, Lila Onlus - Lega Italiana per la Lotta contro l'Aids lancia la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi con SMS solidale al 45504 "Fatti un regalo: fai il test!" con la quale intende promuovere la conoscenza e l'uso del test rapido salivare per l'HIV che consente una diagnosi tempestiva e la successiva cura e adozione di comportamenti corretti per prevenire la trasmissione ad altre persone.

Ancora oggi troppe poche persone in Italia sanno dell'esistenza dei test rapidi, condotti sia su sangue che su fluido orale, il cui esito viene comunicato nel giro di poche decine di minuti, a fronte dei giorni invece necessari per ricevere l'esito di un test ematico nei centri clinici.

È per questo che LILA con i fondi raccolti realizzerà una specifica campagna di informazione a livello nazionale, renderà disponibile il test rapido salivare presso le proprie sedi locali e formerà il personale sulle procedure di somministrazione in modo tale che possa essere effettuato anche in contesti non convenzionali e in orario serale o durante il week-end.

Realizzerà inoltre specifiche giornate di offerta del test rapido salivare alla popolazione, con il supporto di équipe multidisciplinari di medici e operatori esperti nel counselling e metterà a disposizione linee telefoniche dedicate alla consulenza sui comportamenti a rischio e al counselling pre-test oltre che una sezione "speciale" con indicazioni dei centri di screening sul sito nazionale lila.it e sui siti locali.

Per questa iniziativa LILA può contare sul sostegno della testimonial Nina Zilli che ha prestato la sua immagine per la campagna di comunicazione.



--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 23 novembre 2015

European health decision-makers meet for high-level discussion on refugee and migrant health

WORLD HEALTH ORGANIZATION REGIONAL OFFICE FOR EUROPE                                                                            
Amid the unprecedented influx of refugees and migrants into the WHO European Region, the meeting will address the major health challenges, needs and priorities of these groups

Copenhagen and Rome, 23 November 2015 --- A WHO high-level meeting focused on refugee and migrant health, hosted by the Italian Government, opens today in Rome. The attendees, including ministers of health and high-level representatives from the WHO European countries and from other WHO regions, will discuss how countries and partner organizations can improve health care and coverage for refugees and migrants. The aim is to agree on a common approach and joint action for meeting the health needs of these vulnerable groups.

In 2015, over 700 000 refugees and migrants have entered the European Region, in addition to the nearly 2 million who have taken shelter in Turkey. Up to 5% of these people need medical assistance, faced with health issues such as accidental injuries, hypothermia, burns, cardiovascular events, pregnancy- and delivery-related complications, diabetes and hypertension. Factors such as mass population movement, water shortage and inadequate shelter and sanitation also increase the risks for acquiring communicable diseases.

"Health systems in the European Region, including those of countries that receive refugees and migrants, are well equipped to diagnose and treat common infectious and noncommunicable diseases," said Dr Zsuzsanna Jakab, WHO Regional Director for Europe. "But we, as a Region, must seek to ensure that all countries are adequately prepared and organized to withstand the added pressures of supporting a mass influx of people, while at the same time protecting the health of their resident populations. A good response to the challenges of people on the move requires health system preparedness and capacity, including robust epidemiological data and migration intelligence, careful planning, training and, above all, adherence to the principles of equity, solidarity and human rights."

Because of the increased risk for communicable diseases, vaccination is a key consideration to be discussed at the meeting. Joint recommendations from the United Nations High Commission for Refugees (UNHCR), the United Nations Children's Fund (UNICEF) and WHO provide guidance for countries on vaccinating refugees, asylum-seekers and migrants in the European Region. These recommendations specify that asylum-seekers and migrants should be vaccinated without unnecessary delay according to the national immunization schedules of any country in which they will probably reside for more than a week. In view of recent measles outbreaks in the Region, countries should prioritize vaccination against measles, mumps and rubella (MMR) and polio. Governments should consider providing documentation of vaccination to avoid unnecessary re-vaccination later. Vaccination is not recommended at border crossings unless there is an outbreak of a vaccine-preventable disease in the host or transit country.

Many countries, particularly those on the front line of large-scale migration, have already undertaken vaccination campaigns for new arrivals. Their efforts should be applauded, as should other measures taken to ensure adequate health care for refugees and migrants. However, these groups still face many complex challenges, including limited access to health services, due to high cost, lack of information and administrative, cultural or language barriers. Large-scale migration places immense and often unexpected pressure on the health systems of hosting countries, testing both their capacity and their preparedness.

The Rome meeting will last for 2 days and, in addition to covering the primary health challenges and priorities of refugees and migrants, will seek ways in which WHO/Europe and other partners can best support countries in responding to the current crisis.

"A common framework for joint action on refugee and migrant health in the WHO European Region is of urgent importance," said Dr Jakab. "We look forward to using the meeting in Rome to shape such a framework and to agree on collective actions that will help ensure the health and well-being of these vulnerable populations."

For more information about the meeting, please visit http://www.euro.who.int/en/migration-meeting 

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.