CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

domenica 31 agosto 2014

Sperimentato con successo un nuovo farmaco per curare le malattie del cuore


Sperimentato con successo un  nuovo farmaco per curare le malattie del cuore. Per Novartis un risultato stupefacente il trattamento sperimentale messo a punto dal gigante farmaceutico basilese che riduce del 20% il rischio di decesso cardiovascolare e di ricovero 

Lo studio e' stata presentato presentato oggi a Barcellona durante la riunione annuale dello Società europea di cardiologia. Il trattamento sperimentale messo a punto da Novartis, gigante farmaceutico basilese, conosciuto con la sigla LCZ696, riduce del 20% il rischio di decesso cardiovascolare e di ricovero. I ricercatori hanno giudicato "stupefacenti" simili risultati. Infatti secondo quanto risulta dai risultati scientifici, Novartis ha sviluppato un nuovo farmaco contro l'insufficienza cardiaca che potrebbe sostituire buona parte dei preparati utilizzati da un quarto di secolo in qua. Alla Reuters, il direttore generale del settore pharma di Novartis, David Epstein, ha giudicato i risultati dei test migliori di "quanto avessimo mai potuto immaginare". Viste le premesse, il medicamento potrebbe diventare un nuovo "blockbuster", ossia essere in grado di generare ricavi annuali superiori al miliardo di dollari. Stando agli analisti, le vendite di LCZ696 nel 2019, ossia 4 anni dopo il lancio anticipato del farmaco, potrebbero salire a 1,9 miliardi dollari annui.Per Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti", occorre cautela, anche se i risultati sono molto incoraggianti. Sottolineamo come il rischio che ogni persona ha di sviluppare la malattia cardiovascolare dipende dall'entità dei fattori di rischio; il rischio è continuo e aumenta con l'avanzare dell'età, pertanto non esiste un livello a cui il rischio è nullo. Tuttavia è possibile ridurre il rischio cardiovascolare o mantenerlo a livello favorevole abbassando il livello dei fattori modificabili attraverso lo stile di vita sano.

Lecce, 31 agosto 2014                                                                                                                                                                                            




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 30 agosto 2014

Il Wi-Fi è pericoloso?

 Alcune associazioni per la difesa della salute europee consigliano di tenerlo acceso solo quando è necessario e spegnerlo di notte. Alcuni paesi stanno iniziando a rimuovere il servizio dalle città

In Francia, Svezia e Inghilterra si comincia a disattivare il Wi-Fi gratuito da siti pubblici. La ragione starebbe nel fatto che fa male, specialmente ai bambini. L'Organizzazione per la Difesa della Salute, la Vita Sana Foundation e la Fondazione per la salute geo-ambientale in Spagna hanno lanciato una campagna per rimuovere il wi-fi nelle scuole e nei luoghi pubblici, in quanto garantiscono che porta enormi rischi per la salute, soprattutto per i bambini. "Il wi-fi emette una radiazione elettromagnetica di potenza molto elevata. Le conseguenze sono dannose per tutti, ma soprattutto per i bambini, più vulnerabili perché sono in pieno sviluppo", ha avvertito l'avvocato ambientalista Agustín Bocos durante un'intervista pubblicata sul giornale iberico La Vanguardia. In paesi come Inghilterra, Francia e Svezia alcuni comuni hanno "spento" il wi-fi gratuito nei luoghi pubblici. "È diffuso in scuole, musei, biblioteche e luoghi pubblici. La tecnologia wireless non è stata ancora controllata da alcun organismo che potrebbe dirci quale potenza debba essere emessa e come tale emissione è controllata", ha spiegato. Per non correre rischi, lo specialista ha consigliato il classico "cavo" perché assicura che non ci sono studi che "iperattività, mal di testa e problemi del sonno del bambino per chi utilizza la connessione con queste onde". Almeno, bisognerebbe disattivare il servizio in casa, quando la famiglia va a dormire. Il fondatore dei giuristi contro il rumore e professore di diritto ambientale ha detto che c'è un rapporto di pubblico accesso, Bioiniciative, che riassume più di 2.000 studi internazionali, dove l'esposizione ai campi elettromagnetici a lungo termine sarebbe legata all'insorgenza di tumori. "L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha classificato ufficialmente questo tipo di radiazione come possibilmente cancerogeno", ha ricordato Bocos, uno dei pochi avvocati specializzati nell'inquinamento elettromagnetico in Spagna. Bocos ha anche sottolineato che l'inquinamento elettromagnetico sta aumentando progressivamente in brevissimo tempo. "Non sappiamo cosa accadrà, probabilmente si saprà che quando le conseguenze saranno irreversibili". L'Unione europea esorta gli Stati a ridurre i livelli. Il Wi Fi è una tecnologia divenuta quasi insostituibile per molti di noi, ed è difficile immaginare una società come la nostra sempre più desiderosa di essere interconnessa senza ingombranti fili intorno e con la possibilità di libertà di movimente, rileva Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti". In ogni caso, però il consiglio di tenerlo acceso solo quando è necessario e spegnerlo di notte può essere un modo per ridurre in maniera drastica i periodi di esposizione alle onde. Ovviamente i comuni, gli enti e tutte le attività che hanno deciso di dotare determinate zone di tecnologia wireless dovranno prestare la massima attenzione affinché i ripetitori utilizzati non interferiscano massicciamente con la vita dei propri dipendenti e dei residenti nelle stesse aree. Alle autorità cui spetta questo tipo di vigilanza ambientale il delicato compito dei controlli.

Lecce, 30 agosto 2014                                                                                                                                                                                            



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Le melagrane possono fermare l'Alzheimer?

 Composti chimici nel frutto preverrebbero l'infiammazione delle cellule cerebrali

Le melagrane potrebbero contribuire a fermare la diffusione del morbo di Alzheimer. A sostenerlo un'equipe di ricercatori dell'Università di Huddersfield in Gran Bretagna. Un composto contenuto nel frutto chiamato punicalagina aiuta a prevenire l'infiammazione che distrugge le cellule del cervello conosciuta come micrologia, secondo gli scienziati. Si spera che dei risultati possano beneficiare potenzialmente chi soffre di artrite reumatoide e del morbo di Parkinson, riducendo l'infiammazione dolorosa da queste condizioni. L'Alzheimer La demenza di Alzheimer oggi colpisce circa il 5% delle persone con più di 60 anni e in Italia si stimano circa 500mila ammalati con migliaia di nuovi casi diagnosticati ogni anno. La svolta chiave negli esperimenti di laboratorio sta dimostrando che la punicalagina - che è una forma di composto chimico noto come polifenolo - scoperta nel frutto del melograno, è in grado di inibire l'infiammazione nelle cellule cerebrali specializzate conosciute come micrologia. Questa infiammazione porta alla distruzione di un numero crescente di cellule cerebrali, rendendo la condizione dei malati di Alzheimer in progressivo peggioramento. Non vi è ancora alcuna cura per la malattia, ma la punicalagina della melagrana potrebbe prevenire o rallentare il suo sviluppo. Un nuovo studio è stato diretto dal dottor Olumayokun Olajide, che ha lavorato con i co-ricercatori del Dipartimento di Farmacia dell'Università di Huddersfield e alcuni scienziati dell'Università di Friburgo in Germania. Il team ha utilizzato cellule cerebrali isolate da ratti per testare i loro risultati, che sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Nutrition & Food Research. Il dottor Olajide sta ancora lavorando sulle quantità di melagrane che sono necessarie, al fine di essere efficaci nella forma di un farmaco. Tuttavia, ha sottolineato che i prodotti a base di succo che sono al 100 % di melagrana contengono circa il 3,4 % di punicalagina ed ha continuato "ma sappiamo che l'assunzione regolare e il consumo regolare di melograno hanno un sacco di benefici per la salute - compresa la prevenzione della neuro-infiammazione correlata alla demenza". Il dottor Olajide sostiene che la maggior parte dei composti antiossidanti si trovano nella pelle esterna del melograno, non nella parte morbida del frutto. Anche se questo deve ancora essere scientificamente provato, la melagrana può essere utile in qualsiasi condizione per la quale l'infiammazione - non solo neuro-infiammazione del cervello - è un fattore, come l'artrite reumatoide, il morbo di Parkinson e il cancro. In ogni caso, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", il frutto mediorientale usato per secoli nella medicina popolare è ritenuto da sempre efficace contro le malattie cardiache, l'alta pressione sanguigna, le infiammazioni e alcuni tipi di cancro, tra cui il cancro alla prostata.

Lecce, 30 agosto 2014                                                                                                                                                                                            



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 29 agosto 2014

Aggiornamento epidemiologico: stato dell'epidemia di Ebola in Africa occidentale e Repubblica democratica del Congo


Aggiornamento epidemiologico: stato dell'epidemia di Ebola in Africa occidentale e Repubblica democratica del Congo

L'8 agosto 2014, l'organizzazione mondiale della sanità dichiarò l'evolversi  in Africa occidentale del focolaio della malattia del virus di Ebola (EVD). Dal dicembre 2013 e a partire dal 26 agosto 2014, 071 3 casi di EVD, compreso 1 553 decessi sono stati segnalati dall'OMS. Questo è il primo focolaio di EVD in Africa occidentale che è senza precedenti nella sua dimensione e la distribuzione geografica e nell'influenzare aree urbane densamente popolate. Lo scoppio è attualmente in una fase di rapido aumento e non ha ancora raggiunto il picco. Le aree ufficialmente segnalate sono generalmente ritenute sotto-stimate rispetto alla grandezza reale del focolaio. Durante le ultime tre settimane (settimana 33-35), quasi il 53% dei casi sono stati segnalati da tre contee in Liberia: Monserrado (20,6%) nei pressi della capitale Monrovia, l'adiacente contea di Margibi (19,3%) e Lofa (13.0%), confinanti con la Sierra Leone e Guinea. Durante lo stesso periodo in Sierra Leone, nei distretti di Kenema e Kailahun sono stati segnalati il 7,2% ed il  6,0% dei casi totali. In Guinea, la prefettura di Macenta è la località più colpita (6,0% del totale del caso in Africa occidentale durante settimana periodo 33-35). Pertanto, lo scoppio è attualmente in evoluzione nell'area transfrontaliera dei tre paesi e nella capitale liberiana Monrovia. Il 26 agosto 2014, il Ministero della salute, Repubblica democratica del Congo (RDC) ha segnalato un focolaio di EVD nella provincia di Equateur. Il ceppo che ha causato la diffusione è stato identificato come Zaïre ebolavirus, della stessa specie che è stata isolata in quello dell'Africa occidentale. Tuttavia, non esiste alcuna prova che lo scoppio nella RDC è direttamente collegato a quello dell'Africa occidentale. Lo stesso sforzo ha causato sei focolai nella Repubblica democratica del Congo, dal 1976, e gli antecedenti suggeriscono un'introduzione zoonotica indipendente. Nella tabella seguente viene visualizzato il conteggio dei casi sino al 26 agosto 2014. I dati si basano sulle migliori informazioni disponibili segnalate dai ministeri della salute, attraverso il mondo salute organizzazione ufficio regionale per l'Africa. 

Paese     Nuovi casi e decessi segnalati fino al 26 agosto 2014              

Morti e casi confermati    

Guinea                                 

                Casi        648                         Morti      430        

Liberia                                 

                Casi        1378                      Morti      694        

Sierra Leone                                       

                Casi        1026                      Morti      422

Nigeria     

             Casi        19                         Morti      7

Totale                                  

                Casi        3071                      Morti      1553     

       

Il numero totale di casi è soggetto a modifiche a causa di riclassificazioni, indagine retrospettiva, consolidamento di casi e dati di laboratorio e rafforzata la sorveglianza. Nonostante gli sforzi per limitare la diffusione, un notevole numero di nuovi casi hanno continuato a essere segnalati da tutti i quattro paesi colpiti rispetto al precedente aggiornamento epidemiologico dell'ECDC del luglio 2014, dimostrando che l'epidemia non è ancora stata portata sotto controllo. Mentre la velocità di trasmissione rimane stabile in Guinea, sembra aver accelerato in Liberia e Sierra Leone. Il rischio di infezione per i viaggiatori in visita, Guinea, Liberia e Sierra Leone è considerato molto basso. Le Infezioni umane derivano maggiormente dal contatto diretto con i fluidi corporei o le secrezioni da un essere umano infetto, e i più alti rischi di infezione sono associati con la cura dei pazienti infetti, specialmente in ambito ospedaliero, non sicure procedure mediche, compresa l'esposizione ai dispositivi medici contaminati, come aghi e siringhe e non protetta esposizione ai fluidi corporei contaminati.L'ente raccomanda di non applicare per Guinea, Liberia, Sierra Leone e Nigeria sulla base delle informazioni attuali disponibili per questo evento o eventuali restrizioni di viaggio o commercio.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


fibrosi cistica: da uno studio Cnr terapie più mirate


Ricercatori dell'Istituto di biofisica del Consiglio nazionale delle ricerche hanno utilizzato tecniche di radiazione di sincrotrone per capire il differente comportamento dei farmaci 'correttori' e 'potenziatori' della proteina CFTR, alla base dell'alterazione genetica responsabile della malattia. I risultati sono pubblicati su European Biophysics Journal

 

La lotta alla fibrosi cistica, una delle malattie genetiche più diffuse nel mondo occidentale, passa attraverso farmaci mirati in grado di correggere le alterazioni della proteina CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane conductance Regulator), alla base del difetto. Ora uno studio di ricercatori dell'Istituto di biofisica del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibf-Cnr) di Genova aiuta a comprendere le differenti interazioni di tali farmaci con la membrana cellulare: si tratta di terapie che agiscono direttamente sulla proteina mutata, potenziandone la ridotta attività o aumentandone la quantità.

La ricerca, pubblicata su 'European Biophysics Journal', è particolarmente innovativa in quanto utilizza tecniche sperimentali mutuate dalla fisica – in questo caso la radiazione di sincrotrone - per osservare i diversi meccanismi di azione delle sostanze. "Benché siano utilizzati con successo sulle persone affette da fibrosi cistica, non abbiamo ancora informazioni complete sul meccanismo molecolare di funzionamento dei farmaci 'correttori' e 'potenziatori' nella proteina CFTR, responsabile della malattia", spiega il coordinatore del gruppo Oscar Moran, ricercatore Ibf-Cnr. "Nello studio abbiamo applicato la tecnica della diffusione di raggi X a basso angolo ('Small angle X ray scattering') su modelli di membrane cellulari costituite da un doppio strato fosfolipidico, con l'obiettivo di osservare le variazioni della struttura molecolare rispetto ai farmaci Vx-770 (Ivacaftor, potenziatore) e Vx-809 (Lumacaftor, correttore)".

I risultati dell'esperimento, condotto utilizzando il sincrotrone 'Alba' di Barcellona, indicano che entrambi i farmaci superano la membrana in quanto sono solubili nello strato fosfolipidico, ma in due maniere: mentre Vx-809 tende a distribuirsi omogeneamente nella membrana, Vx-770 mostra un accumulo più significativo nella parte interna. "È necessario tenere conto di questi differenti comportamenti nello sviluppo delle future terapie, per evitare di incidere su altri meccanismi cellulari che avvengono a livello di membrana", conclude Moran.

Il lavoro, finanziato dalla Fondazione per la ricerca sulla fibrosi cistica, prosegue l'attività di un gruppo di ricerca impegnato da oltre dieci anni nello studio della malattia. La pubblicazione è firmata anche da Debora Baroni (Ibf-Cnr), Olga Zegarra Moran (Istituto G. Gaslini, Genova) e Agneta Svensson (Sincrotrone Alba, Barcellona).     

 

Roma, 29 agosto 2014

Un farmaco per la cura della sclerosi multipla passa la prima fase dei test


Un farmaco per la cura della sclerosi multipla passa la prima fase dei test. La malattia sinora non ha cure ma  solo terapie palliative

La sclerosi multipla chiamata anche sclerosi a placche, sclerosi disseminata o polisclerosi, è una malattia degenerativa autoimmune cronica demielinizzante, che colpisce il sistema nervoso centrale causando un ampio spettro di segni e sintomi. La distruzione della mielina (rivestimento dei nervi) determinata da un funzionamento anomalo del sistema immunitario provoca segnali cerebrali che non raggiungono la loro destinazione. E così si manifesta in molti modi diversi (disturbi della vista, coordinazione, memoria, debolezza muscolare, tic).Non esiste una cura ma solo terapie palliative che possono essere prescritte per attenuarne i sintomi mentre alcuni trattamenti farmacologici sono disponibili per evitare nuovi attacchi e prevenire le disabilità. La prognosi è difficile da prevedere e dipende da molti fattori, mentre la speranza di vita è di circa da 5 a 10 anni inferiore a quella della popolazione sana.Quindi, un farmaco che ha completato la prima fase di sperimentazione umana è una buona notizia per coloro (compresi due milioni di europei) che ne sono colpiti. Ed è quello che è stato pubblicato ieri sulla rivista Neurology, Neuroimmunology e Neuroinflammation da un equipe una squadra American Neurological Association.Il lavoro è solo nella fase I, che misura la sicurezza del farmaco, ed ha un lungo iter davanti prima di arrivare all'uso clinico, ma è un nuovo approccio, spiegano gli autori. Finora, quello che è stato realizzato con le terapie per la sclerosi multipla è che nessun faceva regredire la malattia (la malattia non agisce continuamente, ma lo fa da episodi intervallati da periodi di stabilità).In questo caso è stato scoperto, almeno nei test sui ratti che può interferire con l'attività di una proteina chiamata Lingo-1, che blocca il processo di ricostruzione della mielina. L'anti-Lingo-1, come viene chiamato il farmaco impedisce questa azione, che ha portato negli animali da laboratorio ad un recupero della funzione del nervo. I test condotti sulle persone finora non hanno prodotto dati disponibili. In questa fase sono stati reclutato 72 soggetti sani e 47 che hanno avuto la malattia in una fase di inattività o bassa progressione, e, come al solito in questi studi sono stati divisi in gruppi a ricevere placebo o varie dosi del farmaco, che viene somministrato mediante iniezione.Il risultato principale è che non ci sono stati effetti collaterali significativi. Ma anche, la quantità di farmaco nel sangue ha permesso di mantenere il livello ottimale di anti-Lingo-1 che permette la rigenerazione della mielina che era stato visto negli animali. Così Diego Cadavid, un membro del laboratorio americano Neurological Association & Biogen che ha sviluppato il farmaco, è ottimista: "Con questi risultati possiamo iniziare studi per la fase II per vedere se questo farmaco è in grado di ripristinare la mielina e non ha alcun effetto sulla recupero delle funzioni fisiche e intellettuali ", ha detto. Allora sarà un grande passo per affinare i protocolli e misurarne definitivamente l'efficacia, che spesso richiedono anni.Insomma una ricerca che infonde nuova speranza per gli ammalati e per le loro famiglie, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", che si augura che l'iter di sperimentazione possa portare ai risultati sperati già manifestati nella prima fase dei test.





--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Mangiare pomodori riduce il rischio di cancro


Mangiare pomodori riduce il rischio di cancro. Secondo una ricerca britannica una dieta ricca di pomodori potrebbe essere la chiave per la lotta contro il cancro alla prostata,

Alcuni scienziati inglesi hanno scoperto che gli uomini che mangiano più di 10 porzioni alla settimana di pomodori avrebbero un rischio più basso del 18 % di sviluppare il cancro alla prostata. Gli esperti credono che il cancro, che uccide circa 10.000 uomini in Gran Bretagna all'anno, è legato alla dieta e stile di vita. Lo studio sugli uomini, con e senza cancro alla prostata, avrebbe rivelato che chi aveva un apporto ottimo di selenio, calcio e licopene aveva un minor rischio di svilupparla. I pomodori, che contengono licopene – un antiossidante, che combatte le tossine che possono causare danni cellulari – sarebbero il cibo più vantaggioso. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention e messo in evidenza in Italia da Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" che sottolinea però quanto affermato dall'esperta Vanessa Er che ha ribadito che c'è "bisogno di ulteriori studi al fine di confermare i nostri risultati".

Lecce, 29 agosto 2014                                                                                                                                                                                            



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


giovedì 28 agosto 2014

Casi di un’epidemia di Salmonella Enteritidis segnalata in Austria, Francia, Germania e Regno Unito


EFSA-ECDC: valutazione congiunta di un focolaio plurinazionale di infezioni da Salmonella Enteritidis associati al consumo di uova dalla Germania

Casi di un'epidemia di Salmonella Enteritidis (S. Enteritidis) segnalata in Austria, Francia, Germania e Regno Unito, oltre a un caso segnalato in Lussemburgo in un paziente che risiede in Francia, sembrano essere legati da tempo dagli stessi sintomi e caratteristiche microbiologiche. I casi in Austria, Francia e Germania condividono una correlazione epidemiologica per lo stesso centro di imballaggio di uova nella Germania meridionale. Nonostante i severi regolamenti applicati alle uova per il consumo umano e il successo nel ridurre le infezioni umane e animali, negli ultimi anni all'interno dell'UE, le uova contaminate da salmonella enteritidis sono ancora state in grado di raggiungere il mercato. Le uova contaminate presumibilmente non sono più sul mercato e la loro durata probabilmente è scaduta. Tuttavia, a causa del ritardo nella segnalazione del caso, è ancora possibile che verranno notificati più casi relativi a questo evento.S. Enteritidis è il sierotipo di Salmonella più frequentemente riportato nell'UE ed è frequentemente associata a consumo di uova crude/sotto-cotte o ovoprodotti.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


mercoledì 27 agosto 2014

Infezioni. Tavolini di aerei, treni e pullman sono a rischio. Lettera alla ministra della Salute

Roma, 27 Agosto 2014. I tavolini di aerei, treni e pullman sono a rischio. Secondo una notizia riportata dal Corriere della Sera, che citava uno studio americano, i tavolini degli aerei sono contaminati dallo stafilococco aureo, germe responsabile di infezioni suppurative (pus) della pelle e dell'apparato respiratorio. Cosa c'e' nei tavolini, anche, dei treni e dei pullman? Qualcuno ha mai fatto delle analisi per sapere quale e' lo stato di igiene delle tavolette dove mangiamo o poggiamo le mani? E se fossero state fatte, quali sono i risultati? Considerati i milioni di passeggeri sarebbe utile sapere a quali rischi vanno incontro.
Lo chiediamo alla ministra della Salute, Beatrice Lorenzin.


Primo Mastrantoni, segretario Aduc




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Mangiare riso fa dormire meglio


Non riesci a dormire? Prova a mangiare più riso: aumenta i livelli di triptofano, un aminoacido usato per produrre la serotonina, nota per indurre il sonno. Lo dice una ricerca giapponese

Se lo dicono i giapponesi, tra i più longevi al mondo, che il riso un alimento fondamentale della loro dieta base fa star meglio perchè migliora la qualità del sonno, allora c'è poco da dubitare. Mangiare riso potrebbe aiutare a dormire di più e meglio. Lo suggerisce una nuova ricerca della Kanazawa Medical University, in Giappone che per Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", è meritevole di attenzione. In uno studio che ha riguardato quasi 2.000 persone, che mangiavano più riso, è stata valutata meglio la qualità del loro sonno. I ricercatori hanno confrontato anche quanto pane o pasta sono stati consumati, ma non sono stati trovato gli stesso livelli. Non è ancora chiaro il meccanismo che comporta questa piacevole conseguenza, ma il riso ha un alto indice glicemico o GI - una misura di quanto rapidamente sono suddivisi i carboidrati in zucchero nel sangue. Alimenti ad alto indice glicemico aumentano i livelli di un aminoacido chiamato triptofano la sua capacità di alzare il livello nel cervello della serotonina, sostanza dall'azione calmante se presente in dosi moderate, che è nota per la capacità d'indurre il sonno.Pane e pasta hanno un IG basso, il che può rappresentare la chiave, hanno concluso i ricercatori.

Lecce, 27 agosto 2014                                                                                                                                                                                           



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Sla: arriva la diagnostica precoce


Il risultato, pubblicato su Neurology, è di un gruppo di ricerca italiano che coinvolge l'Istc-Cnr e apre la strada allo sviluppo di nuove terapie

 

 

Dimostrata per la prima volta la possibilità di diagnosticare precocemente la Sla con un esame di tomografia ad emissione di positroni (Pet) mediante un tracciante analogo al glucosio (18F-Fdg) utilizzato nella pratica clinica dai centri di medicina nucleare. A raggiungere il risultato, pubblicato sulla rivista 'Neurology', un gruppo di ricerca italiano che coinvolge l'Istituto di scienze e tecnologie della cognizione del Consiglio nazionale delle ricerche (Istc-Cnr) di Roma.

"Questa tecnica permette di raggiungere un'accuratezza diagnostica del 95% e rappresenta un  passo importante per lo sviluppo nella diagnosi precoce della malattia", spiega Marco Pagani, primo autore dello studio e ricercatore dell'Istc-Cnr che è giunto a questo risultato in collaborazione con Angelina Cistaro, ricercatrice del Centro Pet Irmet di Torino e con Adriano Chiò, direttore del Centro Sla, Azienda ospedaliero universitaria Città della salute e della scienza e Dipartimento di neuroscienze dell'Università degli Studi di Torino.

"Finora la Sla poteva essere diagnosticata esclusivamente attraverso l'indagine clinica e con il supporto di metodiche neurofisiologiche e pertanto richiedeva un lungo periodo di osservazione. L'accelerazione e la maggiore accuratezza della diagnosi di Sla sono fondamentali oltre che per la certezza di reclutare nei trial clinici pazienti con diagnosi confermata anche per lo sviluppo di nuove terapie e per l'identificazione di possibili familiarità sulle quali intervenire precocemente".

La Fdg-Pet è una metodica diagnostica di medicina molecolare basata sulla somministrazione di un mezzo di contrasto radioattivo che permette di valutare il metabolismo in una certa regione confrontandolo con lo stato di normalità. "Nella pratica clinica viene utilizzata nei tumori, nei quali la captazione delle regioni colpite è aumentata e nelle malattie neurodegenerative nelle quali è tipicamente diminuita", prosegue Pagani. "Mediante un algoritmo matematico è stato possibile identificare le aree cerebrali che presentano nei pazienti Sla l'alterazione funzionale caratteristica che li differenzia rispetto ai controlli. Queste regioni corticali e sottocorticali presentano sia ipo che ipercaptazione e quest'ultima, presente nei fasci nervosi che intercorrono tra le aree motorie e il midollo spinale, è assolutamente specifica della Sla".

Nello studio sono stati coinvolti 195 pazienti afferenti al Centro Sla di Torino e studiati al Centro Pet Irmet, che sono stati confrontati con 40 soggetti con assenza di patologie del sistema nervoso centrale. "La serie di pazienti osservati è di gran lunga la più numerosa diqualunque altro studio di neuroimmagini effettuato finora nella Sla e questo rafforza l'affidabilità statistica e clinica dello studio", conclude il ricercatore dell'Istc-Cnr.




--

Andrea Pietrarota
Cavaliere al merito della Repubblica Italiana

-----------------------------------------------------
sociologo della comunicazione, giornalista e consulente di comunicazione integrata
direttore responsabile di AlternativaSostenibile e fondatore del CorrieredelWeb.it
cell. +39 347 8271841
email: apietrarota@gmail.com e direttore@alternativasostenibile.it
skype: apietrarota
www.facebook.com/corrieredelweb
http://twitter.com/apietrarota
Il mio profilo su Linkedin
Il mio biglietto da visita


Salubre

Caffè de "La Versiliana" Marina di Pietrasanta


SALUBRE


Anteprima del Festival della Salute 2014 


MARTEDI 26 AGOSTO ore 18.30 

SÌ, VIAGGIARE!


Presentazione del libro del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, Viaggio in Toscana


Intervengono

Manuela Giovannetti Direttore Centri Interdip. di Ricerca "Nutraceutica e Alimentazione per la Salute" Università di Pisa

Franco Mosca Presidente Fondazione ARPA

Enrico Rossi Presidente della Regione Toscana, autore di "Viaggio in Toscana"

Sergio Staino Fumettistadisegnatore e regista italiano

Ad ogni appuntamento grandi chef presenteranno il piatto della Salute. Andrea Mattei del Ristorante Magnolia di Forte dei Marmi, Gaio Giannelli del Ristorante Il Pozzo di Bugia di Querceta e poi quelli del Ristorante Romano di Viareggio, dell'Enoteca Marcucci, del Ristorante Filippo e del Ristorante Il Posto di Pietrasanta.

Salubre fa parte delle manifestazioni di Versilia è Benessere - Anteprima del Festival della Salute 2014 ed è organizzato da Goodlink con il patrocinio dell'Asl 12 Viareggio



--

Andrea Pietrarota
Cavaliere al merito della Repubblica Italiana

-----------------------------------------------------
sociologo della comunicazione, giornalista e consulente di comunicazione integrata
direttore responsabile di AlternativaSostenibile e fondatore del CorrieredelWeb.it
cell. +39 347 8271841
email: apietrarota@gmail.com e direttore@alternativasostenibile.it
skype: apietrarota
www.facebook.com/corrieredelweb
http://twitter.com/apietrarota
Il mio profilo su Linkedin
Il mio biglietto da visita


martedì 26 agosto 2014

Una borsa rossa in spalla: la lotta contro l'AIDS si combatte anche al US OPEN. Ecco l'ultima collezione HEAD_RED con cui i grandi campioni scendono in campo. Testi e foto nel link









HEAD CONTRIBUISCE A SOSTENERE LA LOTTA ALL'AIDS CON LA NUOVA COLLEZIONE SPECIALE DI BORSE (HEAD)RED

40% dei profitti derivanti dalla vendita di ciascuna borsa saranno devoluti al Fondo Globale per la lotta all'AIDS

 

New York/USA – Agosto 2014

HEAD, azienda leader mondiale nell'attrezzatura sportiva, ha dotato i suoi tennisti top Novak Djokovic, Andy Murray e Sloane Stephens delle bellissime borse della nuova collezione "(HEAD)RED Special Edition Collection" durante gli 2014 US Open a New York a partire dal 25 Agosto.

(HEAD)RED Special Edition Monstercombi

 

- Materiale: 100% poliestere
- Scomparti per 12 telai, uno rivestito con CCT+
- Ampie tasche con cerniere
- Sistema di spallacci regolabili,staccabili e nascondibili

-Tasche interne in mesh e sacca porta scarpe extra-

PREZZO AL PUBBLICO: € 74,95

 

 

 

(HEAD)RED Special Edition Backpack

 

- Materiale: 100% poliestere
- Scomparto per 1 racchetta
- Scomparto porta scarpe integrato

- Tasca frontale con cerniera

- PREZZO AL PUBBLICO:€ 54,95

Questa collezione di borse è l'ultima serie di prodotti (HEAD)RED realizzati allo scopo di devolvere denaro e aumentare la consapevolezza della lotta contro l'AIDS.

I giocatori HEAD, incluso il vincitore di Wimbledon 2014 Novak Djokovic, il vincitore del torneo di Wimbledon del 2013 Andy Murray e Sloane Stephens, utilizzeranno le borse della linea in campo durante i match degli US Open. HEAD coinvolgerà fans in tutto il mondo attraverso il sito www.head.com/RED con contenuti digitali originali e con un contest (HEAD)RED. Ai partecipanti verrà chiesto di caricare un 'selfie' con qualcosa di rosso utilizzando l'hashtag #HEADRED su Instagram per poter aver la possibilità di vincere una borsa speciale della linea (HEAD)RED e di essere protagonista all'interno del sito HEAD insieme alle stelle del tennis.

La nuova collezione Special Edition (HEAD)RED è composta da un borsone porta racchette e da uno zaino che saranno disponibili all'interno di punti vendita selezionati a partire da fine agosto, ricordando che ciascun acquisto sostiene la prevenzione della trasmissione madre/figlio del HIV.

Per ulteriori informazioni visita:

head.com/tennis

facebook.com/headtennis

twitter.com/head_tennis

instagram.com/headtennis_official

 

***

 

ABOUT (RED)™

(RED) fondata nel 2006 da Bono e Bobby Shriver per coinvolgere le aziende e la gente a lottare contro l'AIDS. I partner (RED), titolari dei marchi più iconici al mondo, contribuiscono   donando fino al 50% dei profitti ricavati dai prodotti e servizi col brand (RED), che confluiscono nel Fondo Globale.

Orgogliosi partner (RED) sono: Apple, Starbucks, The Coca-Cola Company, Bank of America, Beats by Dr. Dre, Belvedere, Claro, SAP, Telcel e Live  Nation Entertainment. Partner (RED) special edition sono: Jonathan Adler, aden + anais, Theory, HEAD, Kidrobot, Mophie, FEED, Sir Richard's Condom  Company,  Shazam, Square, Girl Skateboards, Nanda Home, Bottletop, Fatboy USA e Bed Bath & Beyond.

A tutt'oggi (RED) ha contribuito con oltre 250 milioni di dollari al Fondo Globale per la lotta contro AIDS, tubercolosi e malaria, ed hanno donato sussidi per combattere l'HIV/AIDS in Ghana, Kenya, Lesotho, Rwanda, Sud Africa, Swaziland, Tanzania e Zambia. Il 100% di questo denaro va a lavori sul campo, mentre non viene trattenuto alcun margine. Il Fondo Globale garantisce che i supporti (RED) siano andati a beneficio di oltre 40 milioni di persone tramite prevenzione, trattamento, consulenza, test su HIV e servizi di assistenza.

(RED) è una divisione di The ONE Campagn. Per maggiori informazioni: www.red.org.

 

ABOUT THE GLOBAL FUND

Fondo Globale è un'istituzione finanziaria dedicata ad attrarre ed erogare risorse per prevenire e curare malattie come HIV e AIDS, TB e malaria. Il Fondo Globale promuove le relazioni tra i governi, la società civile, il settore privato e le comunità interessate: la strada più efficace per aiutare coloro che sono nel bisogno. Questo approccio innovativo si basa sulla partecipazione attiva del paese e sulle prestazioni delle fonti di finanziamento. Ciò significa che a gente nei paesi implementa i programmi basati sulle loro priorità e il Fondo Globale offre finanziamento dove risultati verificabili sono raggiunti.

Sin dalla sua creazione nel 2002,il Fondo Globale ha supportato più di 1.000 programmi in 140 paesi diversi, offrendo trattamenti anti AIDS per 6.1 milioni di persone, trattamenti anti-tuberculosi per 11.2 milioni di persone e 360 milioni di vaccini anti malaria. Il Fondo Globale lavora in stretta collaborazione con altre organizzazioni bilaterali e multilaterali per aumentare gli sforzi esistenti per la lotta contro queste tre malattie.

 

ABOUT HEAD TENNIS

HEAD TENNIS, parte di HEAD NV,è un fornitore globale e distributore di abbigliamento tennis di qualità, così come di scarpe da tennis e attrezzatura per gli atleti di qualsiasi livello. Sin dalla sua fondazione negli anni 60, da quando il pioniere fondatore di HEAD, Howard Head, introdusse per primo una racchetta di alluminio sul mercato, i prodotti chiave della divisione hanno raggiunto all'interno del mercato posizioni focali basate sulle vendite e sulla reputazione. Molti tra gli attuali giocatori del circuito ATP e WTA fanno parte della famiglia HEAD Tennis, tra cui Novak Djokovic, Andy Murray, Richard Gasquet, Tomas Berdych, Maria Sharapova e Sloane Stephens .Per ulteriori informazioni visita il sito: www.head.com/tennis. 








--

Andrea Pietrarota
Cavaliere al merito della Repubblica Italiana

-----------------------------------------------------
sociologo della comunicazione, giornalista e consulente di comunicazione integrata
direttore responsabile di AlternativaSostenibile e fondatore del CorrieredelWeb.it
cell. +39 347 8271841
email: apietrarota@gmail.com e direttore@alternativasostenibile.it
skype: apietrarota
www.facebook.com/corrieredelweb
http://twitter.com/apietrarota
Il mio profilo su Linkedin
Il mio biglietto da visita


Una "supergonorrea" semina il panico


Una "supergonorrea" semina il panico. Medici australiani e neozelandesi si preoccupano di affrontare la resistenza di un superbatterio sessuale isolato in un turista italiano. Antibiotici utilizzati solitamente nel caso di malattie sessualmente trasmissibili sono infatti inefficaci per eliminarla

Il ceppo della gonorrea più resistente mai incontrato in Australia è stato rilevato su un turista europeo di nazionalità italiana che ha contratto una malattia venerea durante un suo viaggio a Sydney. Ad evidenziarlo Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", che ritiene utile segnalare la notizia per riportare l'attenzione su una patologia sottovalutata ma ampiamente diffusa. La gonorrea o blenorragia (o "scolo" nel linguaggio popolare) è una malattia causata da un batterio, la Neisseria gonorrhoeae frequentemente chiamato infezione gonococcica urogenitale. Questa patologia è sessualmente trasmessa ed è diffusa particolarmente tra i giovani. I primi sintomi sono il dolore durante la minzione e lo scarico di pus dal genitali. Colpisce come qualsiasi malattia a trasmissione sessuale, i partner sessuali che hanno rapporti non protetti. A differenza di quello che crediamo, erroneamente, specialmente tra molti giovani, il non fare la penetrazione non causerebbe la trasmissione. In realtà anche il sesso orale è particolarmente favorevole alle infezioni da batteri, che si bloccano in gola e gli occhi come in organi genitali. Se viene ignorata o non trattata in tempo, la gonorrea può avere conseguenze gravi: infertilità, gravidanza ectopica, febbre, sintomi dermatite e artrite. Sono possibili anche complicazioni e in assenza di trattamento assistiamo a casi di meningite ed endocardite. Trasmessa al neonato, può portare a sepsi. Il dipartimento australiano della salute ha comunicato di aver individuato sul suo suolo un ceppo resistente di gonorrea, la A8806, in un turista italiano, e certificato che questa tipologia presenta somiglianze con un altro ceppo incurabile, il machines (0359-03.01-h041). Quest'ultimo è stato scoperto per la prima volta in Giappone nel 2009. Nel 2011, ceppo di casi di gonorrea resistente sono stati segnalati alle Hawaii, poi in California ed in Norvegia. L'Australia ha quindi raccomandato a tutti i medici di segnalare ogni caso di gonorrea per testare i pazienti. In Nuova Zelanda, inoltre, tutte le cliniche e gli ospedali sono in allerta. Per chi viaggia in queste regioni o non, non deve minimizzare i rischi del sesso non protetto, compreso il sesso orale e deve usare sempre il preservativo. Non appena si avvertono i primi sintomi dell'infezione, bisognerebbe consultare uno specialista.





--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Una "supergonorrea" semina il panico


Una "supergonorrea" semina il panico. Medici australiani e neozelandesi si preoccupano di affrontare la resistenza di un superbatterio sessuale isolato in un turista italiano. Antibiotici utilizzati solitamente nel caso di malattie sessualmente trasmissibili sono infatti inefficaci per eliminarla

Il ceppo della gonorrea più resistente mai incontrato in Australia è stato rilevato su un turista europeo di nazionalità italiana che ha contratto una malattia venerea durante un suo viaggio a Sydney. Ad evidenziarlo Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", che ritiene utile segnalare la notizia per riportare l'attenzione su una patologia sottovalutata ma ampiamente diffusa. La gonorrea o blenorragia (o "scolo" nel linguaggio popolare) è una malattia causata da un batterio, la Neisseria gonorrhoeae frequentemente chiamato infezione gonococcica urogenitale. Questa patologia è sessualmente trasmessa ed è diffusa particolarmente tra i giovani. I primi sintomi sono il dolore durante la minzione e lo scarico di pus dal genitali. Colpisce come qualsiasi malattia a trasmissione sessuale, i partner sessuali che hanno rapporti non protetti. A differenza di quello che crediamo, erroneamente, specialmente tra molti giovani, il non fare la penetrazione non causerebbe la trasmissione. In realtà anche il sesso orale è particolarmente favorevole alle infezioni da batteri, che si bloccano in gola e gli occhi come in organi genitali. Se viene ignorata o non trattata in tempo, la gonorrea può avere conseguenze gravi: infertilità, gravidanza ectopica, febbre, sintomi dermatite e artrite. Sono possibili anche complicazioni e in assenza di trattamento assistiamo a casi di meningite ed endocardite. Trasmessa al neonato, può portare a sepsi. Il dipartimento australiano della salute ha comunicato di aver individuato sul suo suolo un ceppo resistente di gonorrea, la A8806, in un turista italiano, e certificato che questa tipologia presenta somiglianze con un altro ceppo incurabile, il machines (0359-03.01-h041). Quest'ultimo è stato scoperto per la prima volta in Giappone nel 2009. Nel 2011, ceppo di casi di gonorrea resistente sono stati segnalati alle Hawaii, poi in California ed in Norvegia. L'Australia ha quindi raccomandato a tutti i medici di segnalare ogni caso di gonorrea per testare i pazienti. In Nuova Zelanda, inoltre, tutte le cliniche e gli ospedali sono in allerta. Per chi viaggia in queste regioni o non, non deve minimizzare i rischi del sesso non protetto, compreso il sesso orale e deve usare sempre il preservativo. Non appena si avvertono i primi sintomi dell'infezione, bisognerebbe consultare uno specialista.





--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Falsi trattamenti per i traumi cranici con integratori alimentari 'miracolosi'

 

Roma, 26 Agosto 2014. Una fuorviante affermazione: l'utilizzo di un particolare integratore alimentare favorisce la guarigione piu' veloce dopo una commozione cerebrale o altro trauma cranico. Sfruttando la preoccupazione del pubblico circa le commozioni cerebrali, alcune aziende stanno offrendo prodotti non provati e potenzialmente pericolosi che pretendono di prevenire, trattare o curare traumi e altre lesioni cerebrali traumatiche (TBI). Questi prodotti "miracolosi" sono integratori alimentari a base di curcuma (una spezia indiana della famiglia dello zenzero) e di acidi grassi omega-3 derivati ??da olio di pesce. Vengono venduti su internet.
L'allarme viene dalla FDA americana.
Non c'è alcuna prova scientifica per sostenere l'uso di qualsiasi integratore alimentare per la prevenzione di traumi o la riduzione dei sintomi post-commozione cerebrale.
Il consiglio e' quello di non credere a trattamenti mirabolanti, magari con qualche testimonianza, ma di rivolgersi alle appropriate strutture sanitarie.


Primo Mastrantoni, segretario Aduc




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


lunedì 25 agosto 2014

:Pesce. Mangiarne di piu'

Roma, 25 Agosto 2014. Le ultime ricerche dimostrano che mangiare pesce, a basso contenuto di mercurio, durante la gravidanza e nella prima infanzia puo' aiutare la la crescita e lo sviluppo neurologico. I pesci, come e' noto, contengono proteine di alta qualita', sali minerali e grassi omega 3. I pesci che contengono piu' mercurio sono i grandi predatori (es. pesce spada, tonno, verdesca) che accumulano questo elemento essendo ai vertici della catena alimentare, meglio, quindi, consumare pesci piccoli di cui, tra l'altro e' ricco il Mediterraneo, per esempio il pesce azzurro (acciughe, sardine, ecc.), che costa anche molto meno rispetto ad altre specie di pesce considerate pregiate. Al risparmio abbineremo un minor rischio. Non e' poco!

Primo Mastrantoni, segretario Aduc




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 22 agosto 2014

Ritirate bottiglie di Mars, Bounty e Snickers al latte per contaminazione batterica con Bacillus subtilis

La multinazionale americana Mars Chocolate Drinks a scopo precauzionale ha provveduto a ritirare dal mercato un ingente lotto di prodotti a causa della sospetta presenza del bacillus subtilis, un batterio a bassa carica virale ma potenzialmente nocivo. Si tratta delle bottiglie di Mars Milk, Bounty Milk, Starbust Strawberry Drink, Snickers Shake, Skittles Wildberry Drink, Galaxy Smooth Milk, Mars Caramel Milk, Skitties Fruits Drink e Milky Way Milk da 350 ml, in pratica di tutte quelle bottiglie di latte al sapore dei famosi snack, venduti soprattutto al Centro e al Sud nei bar e nelle cornetterie. Come ha spiegato la stessa azienda produttrice in una nota ufficiale, si tratta di un sequestro a scopo preventivo che non riguarda tutti gli altri formati di questi prodotti.Il batterio in questione causa la formazione di tossine che provocano vomito e diarrea, e si trova solitamente in tutti quei cibi che sono stati per troppo tempo a temperatura ambiente.I prodotti, che sono stati sottoposti a sequestro, sono quelli sopramenzionati con data di scadenza compresa tra il 19 dicembre 2014 e l'11 aprile 2015.E' bene specificare che si tratta di prodotti realizzati dall'azienda tedesca Milchwerke Mittelelbe GMBH e commercializzati in Italia, Belgio, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Paesi Bassi e Gran Bretagna.Dalla nota ufficiale diffusa dall'azienda si legge: "Il richiamo in corso è a scopo preventivo e gli altri formati di confezione e le bottiglie di diversa capacità di questi prodotti del marchio a base di latte non sono interessati".




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Un antibiotico sospettato di aumentare il rischio di infarto.

Ricercatori danesi mettono in guardia contro la claritromicina, un farmaco prescritto per il trattamento di tonsillite o bronchite.

La Claritromicina, antibiotico ampiamente prescritto per trattare le infezioni batteriche comuni come la tonsillite o la bronchite, potrebbe aumentare il rischio di morte cardiaca, secondo uno studio pubblicato mercoledì sul sito della rivista medica British Medical Journal (BMJ). Ricercatori danesi che hanno condotto lo studio invitano alla prudenza e a non destare allarmismi dato che il rischio assoluto rimane basso e che le prescrizioni non devono essere modificate fino a quando i risultati non sono stati confermati da un altro studio.Claritromicina (Biaxin o Zeclar statunitense Abbott Lab e generico) è un antibiotico macrolide relativo alla eritromicina, usato soprattutto per trattare le infezioni delle vie respiratorie e della pelle e per eradicare l'Helicobacter pylori, responsabile di ulcere gastriche.I ricercatori hanno anche studiato la roxitromicina (Rulid di Sanofi-Aventis e generici), un altro antibiotico macrolide utilizzato nel trattamento delle infezioni respiratorie e della pelle. Gli stessi scienziati hanno preso in esame le recensioni di quasi 5 milioni di trattamenti antibiotici somministrati tra il 1997 e il 2011 ad adulti danesi di età compresa tra 40-74 anni, 4,3 milioni con penicillina V, 588.000 e 160.000 rispettivamente con Roxithromycin e con claritromicina.  Confrontando i 285 decessi cardiaci che si sono verificati durante la somministrazione di questi trattamenti, i ricercatori hanno dimostrato che l'assunzione di claritromicina era associata ad un aumentato rischio di morte cardiaca del 76% rispetto all'utilizzo della penicillina V. Ma questo "eccesso di rischio" scompare quando il trattamento si conclude. Per la Roxithromycin, tuttavia, nessuna differenza è stata osservata durante o dopo il trattamento.I ricercatori danesi sottolineano che è il primo grande studio sulla sicurezza cardiaca dei macrolidi.  Essi aggiungono che, sebbene il rischio assoluto è "molto basso", il numero totale di morte per complicazioni cardiache potenzialmente evitabile "non è trascurabile" nella misura in cui la claritromicina è uno degli antibiotici "più comunemente utilizzati in molti paesi".  Altri ricercatori dal canto loro stati molto cauti circa l'interpretazione dei risultati."Dal momento che il tasso di mortalità è molto bassa, non credo che dovremmo essere preoccupati", ha detto Kevin McConway, professore di statistica applicata.Mike Knapton, della British Heart Foundation, da parte sua, ha indicato che il rischio della claritromicina per i pazienti con problemi cardiaci era già noto e ha ricordato che i medici devono comunque essere cauti prima di prescrivere un antibiotico.                                                            



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


giovedì 21 agosto 2014

Il caramello è nocivo per la salute

Il caramello è nocivo per la salute. Il colorante per cibi al caramello, il più diffuso e più utilizzato al mondo, può risultare essere nocivo per la salute. Confermati i risultati di uno studio pubblicato giovedì dall'Istituto scientifico della sanità pubblica belga (ISP). 

Dà al cibo un colore ambrato e per ricreare il gusto del grigliato, il caramello è usato nelle bevande analcoliche a base di cola, ma anche in molte materie prime come per esempio birre, salse, aceti, dadi, ghiaccio, ecc. La ricetta di base (E150a) è spesso modificata con l'aggiunta di ammoniaca (E150b), solfiti (E150c) o queste due sostanze combinate (E150d). Ottenuto per fusione, tra lo zucchero e l'acqua, il caramello per l'effetto del calore, produrrebbe queste sostanze chimiche. L'ISP ha rilevato quattro che avrebbero potenziale tossico: THI (sostanza che previene le reazioni immunitarie dell'organismo a funzionare correttamente), 5 - HMF (sostanza che presenta un alto potenziale tossicologico), 2 - MEI e il 4 - MEI (agenti che possono essere cancerogeni per gli esseri umani). In termini di normativa, l'Agenzia per la sicurezza alimentare europea basa il suo controllo "perché ha solo pochi dati relativi alle concentrazioni effettive delle sostanze nel prodotto alimentare finale neoformato. L'ISP inoltre ha segnalato che le concentrazioni delle sostanze sono solo controllate a livello della produzione del caramello". Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", rileva che l'Istituto sottolinea il rischio di esposizione a queste sostanze neoformate, soprattutto tra i bambini. Esso intende anche sensibilizzare i consumatori e li incoraggia a cambiare le loro abitudini alimentari tenendo conto della menzione  'fuorvianti'del 'caramello nell'elenco degli ingredienti.

Lecce, 21 agosto 2014



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


NAS nelle farmacie per il ritiro dal commercio di alcune medicine

Farmaci difettosi. NAS nelle farmacie per il ritiro dal commercio di alcuni lotti di medicine: DIAXONE della ditta EuroPharma, MEPISOLVER della ditta Piramal Critical Care Italia SpA, TETRAMIL MONODOSE collirio della ditta Teofarma Srl, MONOXAR della 

ditta Progefarm Srl, CEFOTAXIMA ABC della ditta ABC Farmaceutici SpA, Ve|cade della ditta Janssen - Cilag SpA,  VISUMETAZONE E DECONGESTIONANTE della ditta Visufarma, USTIOSAN crema della ditta Kelemata Srl e BUPICAIN della SIMS

Continua senza sosta l'attività di controllo sulla sicurezza dei farmaci dell'Agenzia Italiana per il Farmaco. Con l'ennesimo allarme l'AIFA ha allertato i Carabinieri del Nas che si sono presentati nei depositi farmaceutici e nelle farmacie di tutta Italia per verificare l'avvenuto ritiro dal mercato dei medicinali:

DIAXONE della ditta EuroPharma. Oggetto di ritiro perché ripartiti in locale non autorizzato e senza osservare le Norme di Buona Fabbricazione (GMP).

DIAXONE di uso elettivo e specifico in infezioni batteriche gravi di accertata o presunta origine da Gram-negativi "difficili" o da flora mista con presenza di Gram-negativi resistenti ai piu' comuni antibiotici. In pa rticolare il prodotto trova indicazione, nelle suddette infezioni, in pazienti defedati e/o immunodepressi. Profilassi delle infezioni chirurgiche.

MEPISOLVER della ditta Piramal Critical Care Italia SpA. Oggetto di ritiro perché etichetta esterna riportante composizione errata ovvero dosaggio dei principio attivo 10 mg/ml anziché di 20 mg/ml.

MEPIsolver è indicata in tutti gli interventi che riguardano: chirurgia generale (piccola chirurgia);

ostetricia e ginecologia; urologia; oculistica (blocco retrobulbare, ecc.); dermatologia (asportazione verruche, cisti, dermoidi, ecc.); otorinolaringoiatria (tonsillectomia, rinoplastica, interventi sull'orecchio medio, ecc.);ortopedia (riduzione fratture e lussazioni, ecc.);medicina generale (causalgie, nevralgie, ecc.);medicina sportiva (strappi muscolari, meniscopatie, ecc.).

 

TETRAMIL MONODOSE collirio della ditta Teofarma Srl. Oggetto di ritiro perché ripartiti in locale non autorizzato e senza osservare le Norme di Buona Fabbricazione (GMP). Collirio

Stati irritativi e congestizi della congiuntiva. TETRAMIL MONODOSE collirio è indicato per congiuntiviti di natura tossica e allergica ad andamento sub-acuto e cronico. Collirio Monodose 

Prevenzione e cura di stati irritativi, iperemici e congestizi del tratto anteriore dell'occhio anche se leso, o se presenti in portatori di lenti a contatto.

  

MONOXAR della  ditta Progefarm Srl in polvere e solvente per soluzione iniettabile per uso intramuscolare. Non è dato sapere l'oggetto del ritiro. MONOXAR  è utilizzato per  uso elettivo e specifico in infezioni batteriche gravi di accertata o presunta origine da Gram-negativi "difficili" o da flora mista con presenza di Gram-negativi resistenti ai più comuni antibiotici. In particolare il prodotto trova indicazione, nelle suddette infezioni, in pazienti defedati e/o immunodepressi. Profilassi delle infezioni chirurgiche.

 

CEFOTAXIMA ABC della ditta ABC Farmaceutici SpA. Oggetto di ritiro perché ripartiti in locale non autorizzato e senza osservare le Norme di Buona Fabbricazione (GMP). CEFOTAXIMA ABC è utilizzato per uso elettivo e specifico in infezioni batteriche gravi di accertata o presunta origine da germi Gram-negativi "difficili" o da flora mista con presenza di Gram-negativi resistenti ai più comuni antibiotici. In dette infezioni il prodotto trova indicazione, in particolare: nei pazienti defedati e/o immunodepressi. E' indicato, inoltre, nella profilassi delle infezioni chirurgiche.

 

VISUMETAZONE E DECONGESTIONANTE della ditta Visufarma. Oggetto di ritiro perché ripartiti in locale non autorizzato e senza osservare le Norme di Buona Fabbricazione (GMP). VISUMETAZONE E DECONGESTIONANTE è indicato per iperemie congiuntivali, congiuntiviti allergiche, congiuntiviti primaverili, episcleriti, scleriti e forme irritative oculari.

 

USTIOSAN crema della ditta Kelemata Srl. Oggetto di ritiro perché ripartiti in locale non autorizzato e senza osservare le Norme di Buona Fabbricazione (GMP). USTIOSAN crema è utilizzato per Ustioni minori, eritemi solari, irritazioni cutanee da vari agenti chimico–fisici, lesioni cutanee quali ferite superficiali, escoriazioni, punture di insetti.

 

BUPICAIN della SIMS. Non è dato sapere l'oggetto del ritiro. BUPICAIN si può utilizzare in ogni tipo di anestesia periferica: infiltrazione locale; blocco endovenoso retrogrado e blocco endoarterioso; tronculare; loco-regionale; peridurale sacrale; blocco simpatico; spinale sottoaracnoidea. Bupicain è quindi indicato in tutti gli interventi di chirurgia generale, ortopedia, oculistica, otorinolaringoiatria, stomatologia, ostetricia-ginecologia, dermatologia, impiegato sia da solo sia in associazione a narcosi.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


lunedì 18 agosto 2014

Euronova e Campagna Viva Campioni GP 2014

Kimiya Sato si è laureato campione dell’Auto GP. La collaborazione della task force forlivese, coordinata dal dottor Francesco Landi e composta da medici e infermieri del Dipartimento di Emergenza di Forlì (Rianimazione, Pronto Soccorso, Medicina d’Urgenza, 118, Cardiologia), diretto dal dottor Marcello Galvani, con Daniele Versari di Estados Cafè, viene coronata dal successo del campionato 2014 di Formula 3000 sulle auto del team Euronova, diretto da Vincenzo Sospiri. Kimiya Sato si è laureato campione dell’Auto GP. Il giovane pilota del team Euronova Racing si è assicurato lo scettro con un appuntamento di anticipo, grazie al secondo posto conquistato nella seconda gara del Nürburgring. Secondo nel 2013, sempre con la squadra diretta da Vincenzo Sospiri, il giapponese ha così coronato un cammino che fino ad ora lo aveva visto mettere a segno sei vittorie, sette giri veloci, una pole position ed un totale di dieci podi sulle 12 gare disputate. Con il team Euronova di Forlì la campagna Viva 2014 sfreccerà a 300 all'ora „Dopo la realizzazione a Forlì del video sulla campagna nazionale Viva 2014, la collaborazione della task force forlivese, coordinata dal dottor Francesco Landi e composta da medici e infermieri del Dipartimento di Emergenza di Forlì (Rianimazione, Pronto Soccorso, Medicina d’Urgenza, 118, Cardiologia), diretto dal dottor Marcello Galvani, con Daniele Versari di Estados Cafè, era proseguita con la partecipazione (con il logo di Viva) al campionato 2014 di Formula 3000 sulle auto del team Euronova, diretto da Vincenzo Sospiri. Una bellissima iniziativa di solidarietà quella tra la task forlivese di VIVA, Estados Cafè e il team Euronova, coronata ora anche dal successo del campione 2014 Kimi Sato. Vincenzo Sospiri: Sono molto felice per Kimi e per tutto il team che ha lavorato molto duramente per questo campionato. Questo è un risultato incredibile .... Tiziana Rambelli

Caffè in gravidanza: a rischio il feto. Minaccia di cancro per i bambini non ancora nati.

 
Minaccia di cancro per i bambini non ancora nati. Donne incinte che bevono più di due tazze di caffè al giorno aumentano il rischio di sviluppare nel loro bambino forme tumorali.

La carenza d'informazione specifica e la pressoché generale assenza di campagne d'informazione sono alla base di una questione sottovalutata da moltissime donne e che oggi Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" porta alla pubblica attenzione affinché gli organi deputati ed in particolare dal Ministero della Salute sino alle Aziende ospedaliere siano sensibilizzate: un nuovo studio ha rivelato che bere caffè durante la gravidanza è "significativamente associato" con la leucemia infantile. Un'esposizione eccessiva al caffè fin nel pancione della mamma comporterebbe dunque, secondo i risultati di sette studi diversi provenienti da tutto il mondo, problemi aumentando il rischio di sviluppare nel feto forme tumorali fino al 72 per cento per chi beve "alti livelli" di caffè rispetto a chi ne beve poco o nessuno. Ora il governo inglese sta intervenendo sotto il profilo informativo a segnalare un fenomeno fino a oggi sottovalutato mettendo in guardia le donne incinte circa i pericoli di bere il caffè. Denis Henshaw, professore emerito degli effetti delle radiazioni sull'uomo presso l'Università di Bristol, ha dichiarato ieri: "Questi sono risultati di un'associazione tra bere caffè in gravidanza a livelli relativamente bassi e un aumento misurato della leucemia nella tua prole." Lo studio è stato pubblicato sul giornale americano di ostetricia e ginecologia. Il Prof Henshaw ha stigmatizzato lo sviluppo della popolarità crescente del caffè e l'espansione globale dei coffee shop. E' sempre più chiara l'importanza di una vita fetale "igienica", non esposta ad agenti tossici che possano influire sullo sviluppo della nuova vita che nascerà. Questo comporta l'adozione di una condotta adeguatamente igienica da parte della madre come misura precauzionale perché bere caffè è diventato tanto di moda che sarebbe una buona idea evidenziare questi risultati. Ha aggiunto: "l'incidenza di leucemia infantile è aumentata costantemente negli ultimi decenni. Se sta aumentando da decine di anni significa che non è genetica. La nostra genetica non cambia su tale tipo di scala del tempo, ci vogliono decine di migliaia di anni per cambiare il nostro profilo genetico. "Così se le cose stanno cambiando nel corso di una breve scala del tempo, dobbiamo sospettare qualche fattore ambientale e se ci può essere più di uno"."Ci sono un sacco di cose là fuori che non ci piacciono; alimentazione per la linea, campi magnetici, inquinamento, ogni sorta di cose. Bere caffè è diventato popolare, con i ben noti negozi di caffè in espansione, quindi bere caffè è diventato molto di moda nel Regno Unito".Per questi motivi, lo "Sportello dei Diritti", si rivolge a tutti gli enti competenti – Asl in testa - e alle associazioni delle donne per rilanciare campagne d'informazione volte a sensibilizzare le neo-mamme e le donne tutte, sui rischi del consumo eccessivo di caffè, proponendo l'obbligo d'indicazione sulle etichette delle confezioni di appositi messaggi di dissuasione per le donne in stato di gravidanza sulla falsariga dei messaggi già inseriti sui pacchetti di sigarette.


 

 

 




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


I fumatori muoiono otto anni prima. Lo dice uno studio belga

 

"Il fumo uccide". Non è un eufemismo né un semplice slogan sui pacchetti di sigarette perchè ciò è confermato da un recente studio belga, pubblicato sulla rivista BMC Public Health che ha rilevato che i fumatori vivono in media otto anni in meno rispetto ai non fumatori. Questa è la conclusione di questo studio da parte del Dipartimento di Sanità Pubblica e monitoraggio WIV- IS, su uomini e donne di età superiore ai 30 anni.  I ricercatori sono partiti dalla seguente premessa: chi ha più di trent'anni, è improbabile che inizi a fumare.  Essi hanno quindi ritenuto che i soggetti studiati avevano fumato per molto tempo. Lo studio poi quantifica gli anni di aspettativa di vita tra i fumatori, ex-fumatori e non fumatori.  In maniera non sorprendente, i fumatori sono i grandi perdenti: la sigaretta è costata otto anni e due mesi di vita per le donne, contro i sette anni e dieci mesi per gli uomini.  I vecchi dipendenti da sigarette hanno nel frattempo perso due anni e mezzo. Inoltre, lo studio punta il dito contro la qualità della vita, minata dal tabacco. "Il fumo provoca insufficienza cardiaca tra gli altri, ictus, ecc" ha sottolineato lo specialista dipendenza dottor  Anguenot-Fiol Muriel al quotidiano Le Parisien.  Inoltre, un fumatore dovrebbe vivere in media sei anni in meno in buona salute e, quindi, avrebbe conosciuto prima lo "stato di disabilità". Vale a dire, difficoltà a svolgere attività quotidiane: sedersi, stare in piedi, vestirsi o mangiare. L'unico modo per fermare questo scenario da incubo: smettere di fumare. Gli autori dello studio insistono anche sulla "assoluta necessità di incoraggiare tutti i fumatori a svoltare finalmente per non tornare a fumare".  In Francia come in Italia, la scommessa è tutt'altro che vinta, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", perchè anche tuttora, nonostante i messaggi dissuasivi i tentativi di contrasto alle multinazionali del tabacco, tanti, tantissimi giovani incominciano a fumare ogni giorno, incuranti delle conseguenze nefaste del tabagismo. Le istituzioni, in particolare quelle europee ed il Nostro Ministero della Salute non abbassino la guardia perchè negli ultimi tempi si è assistito ad un allentamento percettibile della lotta al fumo forse eterodiretto dalla forza più che persuasiva della lobby del tabacco.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 16 agosto 2014

Febbre del Nilo occidentale. Primo caso di contagio segnalato nell'UE in questa stagione

Questa settimana è stato segnalato il primo caso di febbre del Nilo occidentale all'interno dell'Unione europea per la stagione di trasmissione della malattia 2014. Il caso, confermato dal centro greco per il controllo della malattia e prevenzione (KEELPNO), è stato riscontrato su di un anziano residente nella regione Attica orientale del paese. Il contagio è avvenuto nel paese dove è presente la malattia. Mentre se questo è il primo caso all'interno dell'UE, dai paesi confinanti sono stati segnalati altri casi. A partire dal 14/08/2014,  complessivamente i casi di febbre del Nilo occidentale dell'area interessata sono 28. I due casi che si sono verificati nel mese di luglio sono stati segnalati da Israele questa settimana. Nelle settimane precedenti, la Russia, Serbia e Bosnia-Erzegovina hanno segnalato 25 casi probabili e confermati. In Italia sino ad oggi non sono stati segnalati casi.Per Giovanni D'Agata, fondatore dello "Sportello dei Diritti", poiché per gli esperti vi sarà un aumento dell'attività del virus, sarà necessaria una sorveglianza più stretta. E' utile inoltre, per tali ragioni, tenere informati in modo chiaro i cittadini, senza creare allarmismi ingiustificati. Ricorda inoltre che il più efficace mezzo di prevenzione è l'utilizzo di rimedi repellenti contro gli insetti, in modo da prevenire un eventuale puntura da parte della zanzara portatrice del virus. Si raccomanda inoltre di evitare in zone a rischio il contatto con animali deceduti e di prevenire la proliferazione delle zanzare limitando le superfici umide come il classico esempio del sottovaso rende bene l'idea. Non esistono al momento vaccini o trattamenti specifici, vengono di norma usati farmaci per alleviare la sintomatologia tipica della malattia. Inoltre si ricorda che la segnalazione degli eventuali primi sintomi presso i pronto soccorsi può aiutare a prevenire le gravi conseguenze che il contagio può provocare specie nei soggetti più deboli ed esposti.In particolare, il virus in questione appare con febbre moderata dopo pochi giorni di incubazione, che dura da tre a sei giorni, accompagnata da malessere generalizzato, anoressia, nausea, mal di testa, dolore oculare, mal di schiena, mialgie (dolori muscolari), tosse, eruzioni cutanee, diarrea, linfadenopatia e difficoltà a respirare. In meno del 15% dei casi, negli anziani e nei soggetti più deboli, possono aggiungersi gravi complicazioni neurologiche quali meningite o encefalite. I sintomi più comunemente riportati da pazienti ospedalizzati con la forma più severa dell'infezione erano: febbre elevata, forte mal di testa, debolezza e paralisi flaccida, sintomi gastrointestinali, modificazione dello stato mentale con disorientamento, tremori, convulsioni e coma. Più rari casi di eruzione maculopapulare o morbilliforme sul tronco, collo, braccia o gambe; atassia, segni extrapiramidali come anormalità dei nervi cranici, mielite, neurite ottica, poliraciculite, attacchi epilettiformi. Generalmente il malato si rimette spontaneamente in 3-5 giorni, ma la malattia può essere anche mortale in individui anziani e immunodepressi.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.