CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news di Salute, Sanità, Benessere e Medicina

Cerca nel blog

mercoledì 31 dicembre 2014

Nuovo servizio di rassegna stampa






La salute è il dovere primario di ogni paese civile e
il diritto inalienabile di ogni cittadino indipendentemente da ogni sua condizione sociale
.

     




NUOVO SERVIZIO DI RASSEGNA STAMPA
Da dicembre la rassegna stampa di ANSI su Mutue/Casse e Fondi sanitari.

Abbiamo istituito da Dicembre 2014 un servizio automatico di rilevamento delle notizie relative ai Fondi Sanitari, Casse di assistenza e Società di Mutuo Soccorso.
Con la speranza che il servizio sia apprezzato ed utile a tutti i lettori, vi alleghiamo la prima rassegna con l'articolo su MAA- Mutual Assistance Assoholding in uscita anche sul "Sole 24 Ore" Assoholding 24 e l'articolo su "Italia Oggi" che parla della Mutua MBA ed il contratto del CCNL.





Diamo oggi grande valore a due dei nostri importanti associati come la Mutua MBA e la Mutua MAA, presenti nel settore con grande forza e voce per offrire servizi di sanità integrativa ai propri assistiti. Ansi oggi vuole contribuire ad aumentare ciò che purtroppo danneggia per buona parte la Sanità integrativa, e cioè l'informazione, diffondendo le ultime novità ed aggiornare i nostri lettori nonchè associati, degli sviluppi e delle evoluzioni all'interno del panorama della sanità integrativa. 


 Links
ANSI Associazione Nazionale Sanità Integrativa
Via di Santa Cornelia 9, Formello,
00060 Roma.


martedì 30 dicembre 2014

Cerchi uno psicologo a Caserta? Affidati alla Dott.ssa Laura Vitagliano

Chi è in cerca di uno psicologo a Caserta può affidarsi alla professionalità e alla competenza della dott.ssa Laura Vitagliano, che si occupa di psicoterapia fornendo ai propri pazienti tutti gli strumenti cognitivi ed emotivi di cui hanno bisogno per vivere nel più completo benessere.

Colloqui psicologici individuali

Le attività e le aree di intervento sono molteplici. Si va dal sostegno psicologico, fornito nei casi di malattie gravi, perdita del lavoro, lutti o separazioni, al training autogeno, passando per il training assertivo, che può essere applicato in numerosi contesti della vita di tutti i giorni per risolvere le difficoltà di comunicazione in ambito sociale, affettivo o professionale. Attraverso il ricorso a colloqui psicologici individuali, chiunque - dal bambino all'adolescente all'adulto - riceve un ascolto empatico, così che il disagio comportamentale e psicologico possano essere approfonditi e conosciuti nel miglior modo possibile.
La dott.ssa Laura Vitagliano si occupa anche di psicoterapia, sia di coppia che individuale, allo scopo di permettere ai pazienti di ritrovare un benessere psicologico ottimale tramite la capacità di individuare i motivi dei disturbi, sulla base della terapia cognitivo comportamentale e delle sue varianti. Altra attività degna di nota è quella rappresentata da mindfulness e tecniche di rilassamento, che incidono in maniera specifica sui tratti psico-fisiologici della persona, al fine di incrementare l'abilità di far fronte alle circostanze complicate della quotidianità; si tratta, insomma, di insegnare a gestire lo stress, i problemi ordinari e i conflitti straordinari.

Consulenza psicologica

Ecco, dunque, che chi ha la necessità di avvalersi dei servizi di uno psicologo a Caserta ha la possibilità, rivolgendosi alla dott.ssa Laura Vitagliano, di vedere soddisfatte le proprie aspettative e di intraprendere un percorso che porta alla risoluzione dei problemi. Anche tramite una diagnosi psicologica, che consiste nella somministrazione di interviste strutturate, questionari e test di personalità. Non manca, poi, la possibilità di ottenere un orientamento professionale e scolastico, che si basa sul ricorso a prove attitudinali: un modo per permettere alle persone di sviluppare le proprie potenzialità da un punto di vista progettuale e motivazionale, e al tempo stesso di identificare il percorso di studi più in linea con le proprie potenzialità.
Grazie alla dott.ssa Vitagliano, insomma, si possono risolvere piccoli e grandi problemi della vita di tutti i giorni: chi lo desidera può richiedere una prima consulenza psicologica gratuita, che viene fornita online, così da decidere successivamente, in totale libertà, se iniziare un percorso di psicoterapia o di sostegno psicologico con una professionista affidabile e competente. La richiesta per la consulenza può essere inviata direttamente dal sito della dottoressa Vitagliano, compilando il form apposito.

Terapia Di Bella e libertà di cura. Una nuova importante sentenza del Giudice del Lavoro di di Foggia: "Asl paghi le cure".

Il Tribunale ha ordinato la distribuzione gratuita del multitrattamento alle ammalate e alla rifusione delle spese per le cure sostenute

Con un'importante ed innovativa sentenza del 27.12.2014 il Tribunale di Foggia in funzione del Giudice del Lavoro, ha autorizzato la somministrazione gratuita a carico dell'ASL di Foggia del multi trattamento conosciuto come "Terapia di Bella". Nel dispositivo, viene ripercorsa la 'battaglia' scientifica che ha portato alla bocciatura della sperimentazione del metodo Di Bella nel 1998, ma viene precisato che "l'efficacia terapeutica di un farmaco e la sua insostituibilità può essere sempre provata nel caso concreto. Il fatto riguarda due donne madre e figlia, rispettivamente di 65 e 37 anni, che a pochi mesi di distanza l'una dall'altra, avevano scoperto di avere un tumore al seno. La più giovane, dopo il fallimento delle chemioterapie, si è rivolta al figlio del medico modenese che ha iniziato a curarla.

Dopo un anno e mezzo i risultati sono stati visibili e alla fine dell'anno successivo le metastasi erano pressoché scomparse, lasciando solo una piccola cicatrice al fegato, così come hanno potuto constatare i medici dello Ieo di Milano che hanno dovuto prendere atto, nonostante le loro certezze, della nuova situazione. Entrambe si erano sottoposte alla cura con successo. Il magistrato del tribunale foggiano, con ampia e condivisibile motivazione ha rilevato che se nei casi specifici è provata l'efficacia terapeutica e l'insostituibilità della cura in questione a fronte della "palliatività" delle cure  tradizionali poste a carico del Servizio Sanitarie, il "MDB" potrà, pertanto, risultare terapia farmaceutica da porsi a carico del SSN. Pertanto, la Asl di Foggia è stata condannata a rimborsare le spese sostenute dalle due pazienti perché, per il giudice, su di loro: "I farmaci associati alla cura con il metodo Di Bella si sono rivelati efficaci e insostituibili, essendo fallite le prescrizioni terapeutiche offerte dalla medicina ufficiale". Inoltre una terapia farmacologica è indispensabile se è efficace ed è insostituibile se, per le particolari condizioni del soggetto, gli altri farmaci del prontuario dovessero risultare incompatibili o concretamente inefficaci".

La sentenza spazza via le obiezioni anche rispetto al giro d'affari dei ritrovati relativi alla terapia messa a punto dallo scienziato modenese: "La cura Di Bella, ribadisce il magistrato, risponde al principio dell'economicità poiché i farmaci di questa terapia hanno un costo inferiore rispetto a quelli del circuito oncologico ufficiale". Nella fattispecie, il giudice del lavoro ha, infatti, ritenuto documentata l'efficacia dei farmaci e dell'intera terapia producendo un miglioramento della patologia tumorale, mentre la terapia ufficialmente riconosciuta è risultata essere stata inefficacie.

La novità, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", non è solo l'annosa questione della libertà di cura ed il diritto all'assistenza da parte dello Stato, ma soprattutto che il giudice del lavoro sia intervenuto a sancire il diritto al rimborso delle spese sinora sostenute dalla paziente che risultano integralmente poste a carico dell'ASL di Foggia.



lunedì 29 dicembre 2014

Ebola. Ministero della Salute: presto dismesso il medico italiano

 

MEDICO ITALIANO AFFETTO DA EBOLA RICOVERATO IL 25 NOVEMBRE PRESSO L'ISTITUTO SPALLANZANI DI ROMA

 

 

 

Bollettino medico n. 23 del 29 dicembre 2014

 

 

Le condizioni cliniche del paziente sono buone.

 

Necessita di continuare la convalescenza in regime di isolamento ospedaliero.

 

Non prevediamo ulteriore bollettino medico ma convocheremo una conferenza stampa al momento della dimissione.

 

Il paziente ha comunicato che non intende rilasciare interviste fino alla dimissione.

 

 


mercoledì 24 dicembre 2014

Medici in Kansas. Scoperta nuova malattia da puntura di zecche soprannominato 'virus Bourbon'


Il CDC, l'Agenzia Federale Americana per il Controllo delle Malattie, ha lavorato in sinergia con l'ospedale dell'Università del Kansas dopo che un uomo è morto questa estate a seguito di una puntura di zecca.Un nuovo virus sarebbe responsabile del decesso di questo cittadino del Kansas questa estate, secondo quanto affermato dallo stesso Centro statunitense per il Controllo delle Malattie.John Seested, di Fort Scott, è morto per insufficienza organica dopo che è stato morso da una zecca. I test sulle malattia da zecche standard effettuati presso l'ospedale dell'Università del Kansas avevano dato risultato negativo, e Seested non ha risposto alle terapie tradizionali. "E 'stato molto frustrante. Questo è uno dei maggiori problemi con il mio lavoro, che adoro: quando noi non possiamo rispondere a queste domande, quando non possiamo aiutare i pazienti o le loro famiglie, " ha affermato il dottor Dana Hawkinson, un infettivologo presso l'ospedale universitario.Ma i ricercatori presso l'ospedale e il CDC ora hanno determinato che è stato un virus sinora sconosciuto ad uccidere Seested. Hanno soprannominato il "Bourbon"virus dal nome della contea in cui il paziente ha vissuto.  




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Proroga due anni privatizzazione Croce Rossa Italiana

 Ministero della Salute

 

Su proposta del Ministro della Salute Beatrice  Lorenzin, nel Decreto Legge cd. Milleproroghe approvato dall'odierno Consiglio dei Ministri è stata inserita la norma che proroga di due anni il termine per la privatizzazione dell'Ente pubblico Croce Rossa Italiana.  Tale proroga è funzionale all'esigenza di rinvenire ed attuare le soluzioni più adeguate anche in relazione al ricollocamento del personale che risultasse in esubero. Nonché ai tempi necessari all'approvazione della Delega Legislativa avente ad oggetto il riordino dell'Ente contenuta nel Ddl. Lorenzin attualmente all'esame del Senato.

 


Stella di natale: puo' essere nociva



Roma, 24 Dicembre 2014. La stella di Natale (Euforbia pulcherrima) puo' essere nociva. Sembra incredibile ma e' proprio cosi' perche' le foglie e il fusto della pianta, se lacerate, contengono  sostanze ad azione nociva, sia per contatto che per ingestione. Il lattice, proveniente dalla lacerazione delle foglie o dal taglio del fusto, a contatto con l'epidermide puo' provocare eritema, prurito, bruciore della congiuntiva e della mucosa orale e faringea; se ingerito da' luogo a nausea, vomito, diarrea e perdita di coscienza. E' proprio la colorazione rossa delle foglie a sollecitare l'attenzione dei bambini e costituire un pericolo: rompere le foglie e metterle in bocca e' un tutt'uno che puo' avere gravi conseguenze. Anche gli animali domestici possono essere attratti dalla Stella di Natale e mordere sia le foglie che il fusto, con relative conseguenze. L'Euphorbia pulcherrima ha avuto un notevole successo come pianta natalizia: il colore rosso delle foglie (esistono varieta' rosa o bianche) da' un tono di vivacita', di allegria e di luminosita' alle nostre case, ricorda climi piu' caldi e vegetazioni lussureggianti (e' originaria dell'America centrale), ha una combinazione di colori indovinata (rosso, verde e giallo). Insomma in casa ci sta proprio bene, meglio se posta in alto su un mobile per evitare spiacevoli incidenti.
D'altronde anche una comunissima pianta, molto diffusa nel nostro Paese, quale e' l'oleandro, e' nociva per ingestione.

Primo Mastrantoni, segretario dell'Aduc.

Studio allarmante. I movimenti delle dita su touchscreen modificano il cervello.


Il cervello delle persone che utilizzano smartphone e tablet viene quotidianamente modificato in particolare dall'uso dal rapido e frequente movimento delle dita sullo schermo. Questo è il risultato di un nuovo studio dell'Istituto di neuroinformatica dell'Università di Zurigo e del Politecnico federale di Zurigo che ha indagato l'impatto che la destrezza delle dita degli utenti di touchscreen ha sul cervello.

Secondo lo studio ogni regione del corpo ha, infatti, una corrispondenza con una zona della corteccia sensomotoria. Nel caso di violinisti, per esempio, l'area che rappresenta le dita che guidano lo strumento è maggiore rispetto ad altre persone.I ricercatori hanno studiato l'attività cerebrale corticale innescata da movimenti delle dita in 37 persone, di cui 26 erano utenti di smartphone touchscreen e 11 di cellulari tradizionali. Tramite elettroencefalografia hanno registrato i movimenti di pollice, indice e medio, rivelando che la rappresentazione corticale differiva notevolmente tra i due gruppi.

"La tecnologia digitale che usiamo quotidianamente plasma l'elaborazione sensoriale del cervello in misura sorprendente", spiega uno degli autori, Arko Ghosh.I ricercatori hanno ad esempio rilevato che l'attività corticale dipende dalla frequenza di utilizzo dello smartphone: più era stato usato nei precedenti dieci giorni, maggiore era il segnale nel cervello, in particolare nella zona corrispondente al pollice. Non è risultato rilevante per quanto tempo gli utenti di smartphone avessero posseduto e fatto uso del dispositivo.

Ovviamente, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti" occorrerebbe una seria e decisiva ricerca completamente indipendente per stabilire con certezza oggettiva i rischi connessi all'uso degli smartphone e tablet.In ogni caso, l'UE ed i singoli Stati europei dovrebbero lanciare campagne di sensibilizzazione su vasta scala sui rischi dell'uso intensivo di tali apparecchi se vogliono evitare un disastro per la salute enorme come per il tabacco o l'amianto.

martedì 23 dicembre 2014

HIV: infezione di massa in un villaggio della Cambogia. 90 persone compresi i bambini nello stesso villaggio infetti da HIV

Forse un medico ha diffuso il virus.

In un remoto villaggio della Cambogia, c'è un'infezione di massa da HIV. Circa 90 persone con età compresa tra i 5 e gli 80 anni risultano essere infettati con il virus. I risultati delle analisi sono affidabili, ha dichiarato il dott. Didier Fontenille, direttore dell'Istituto Pasteur nella capitale Phnom Penh. Un medico potrebbe essere responsabile dell'infezione. Secondo l'UNICEF la Cambogia è il paese asiatico con il più alto tasso di infezione di HIV. Pertanto, circa 120.000 persone vivono con il virus. Questo numero corrisponde a circa il due per cento della popolazione.

Nel mondo sono 42 milioni le persone colpite da Hiv/Aids. A detenere il triste primato di regione più colpita nel mondo sempre l'Africa subsahariana, con 29,4 milioni di persone che convivono con il virus o con la malattia conclamata, seguita dai paesi del Sud-est asiatico (6 milioni) e dall'America Latina (1,5 mln). Più bassi ma consistenti i numeri dell'Europa Occidentale, con 570 mila malati, del Nord America (980 mila), dell'Europa Orientale e l'Asia Centrale (1,2 mln). Questi gli ultimi dati aggiornati al 2002. Nel 2002 sono morti per Hiv/Aids 3,1 milioni di persone nel mondo, mentre le nuove infezioni sono state 5 milioni, 800 mila delle quali registrate fra bambini con meno di 15 anni.In Italia è la più alta prevalenza di persone affette da Hiv in Europa occidentale con oltre 1000 decessi l'anno. 

Complessivamente, sono circa 140mila gli italiani sieropositivi, il 15-25% dei quali non è al corrente della propria condizione. Circa l'80% dei contagi è attribuibile a rapporti sessuali non protetti, ma solo il 35% dei ragazzi e delle ragazze in Italia usa il preservativo.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Animali in ospedale: la massima esperta di pet therapy in Italia commenta la delibera della Toscana

Francesca Mugnai, esperta di pet therapy, commenta la delibera della Regione Toscana sulle visite degli animali in ospedale per trovare i padroni malati"Linee guida che riconoscono una relazione affettiva ed emotiva"

Intervento della dott. Francesca Mugnai, presidente di Antropozoa Onlus, massima esperta italiana di pet therapy, specialista in terapia assistita con gli animali, da 14 anni al lavoro con i cani nell ospedale pediatrico Meyer di Firenze e forma personale sanitario n questa delicata professione.


"Le linee guida della Regione Toscana per permettere ai cani di visitare i loro amici umani nei luoghi di cura, sono una risposta importante a una domanda sempre crescente tra la popolazione. Non si tratta di pet therapy: i cani o meglio il gruppo interdisciplinare che opera nelle terapie assistite, sono particolo professionisti allenati fin da cuccioli paino piano e che e lavorano al fianco di un operatore specializzato, con una formazione eccellente nella relazione di aiuto in un connubio imprescindibile.
Ma far entrare gli animali i in reparto è il riconoscimento dell'importanza della relazione affettiva tra la persona e l'animale quale sostegno emotivo nel corso della degenza.. e soprtautto di un legame di attaccammeto e cura fondamentale
La delibera della Regione è giustamente complessa a tutela della salute e della sicurezza negli ambienti sanitari, ma anche nel rispetto delle diverse sensibilità religiose e di pensiero e necessita di una opportuna formazione degli operatori sanitari.
La Toscana parte avvantaggiata rispetto ad altre regioni riconoscendo il valore dell'animale nella società e nelle famiglie. È una cultura della relazione non con un fine strumentale, ma come una continuità affettiva ed emotiva.
Questo pensiero delineato e fluido è stato costruito con anni di esperienze pratiche, in particolare all'ospedale pediatrico Meyer dove i nostri cani sono presenti in maniera fissa e con un protocollo specifico da ben 14 anni, grazie al sostegno economico della Fondazione Meyer e al continuo raccordo con i Reparti e la Direzioni Sanitaria e Infermieristica. Qui gli animali entrano in ogni reparto, inclusi i più delicati come l'oncoematologia e la rianimazione., e la terapia intensiva.

Il regolamento interno di
ogni struttura sanitaria, come previsto dal regolamento regionale, permetterà di studiare ad hoc all'interno di ogni azienda le modalità di accesso degli animali a tutela del paziente e del cucciolo stesso".


Francesca Mugnai
Ha compiuto studi universitari prima in Filosofia, e poi in Psicologia dell'età evolutiva a Firenze. Istruttrice abilitata Enci per cani per pet therapy, inizia la sua formazione specifica alla fine degli anni '90 sia in Italia che in Nord America. Nel 2002 partecipa alla creazione dell'Associazione Antropozoa Onlus, ente specializzato sia operativamente che in ambito formativo negli I.A.A., di cui di oggi è presidente. Dal 2002 ad oggi è responsabile per la AOU Meyer di Firenze del Progetto di pet therapy in ospedale. Opera come formatore, consulente e supervisore di progetti di I.A.A. e delle dinamiche complesse che da questi percorsi emergono. È Referente del Centro di Pet Therapy Antropozoa Farm di Castelfranco di Sopra (Ar) nel quale opera come libero professionista in collaborazione con i Servizi di salute mentale territoriali con bambini con patologie psichiatriche. È la massima esperta italiana di pet therapy in ambito pediatrico e dell'inserimento e valorizzazione del rapporto con l'animale nei contesti sanitari e di cura. Nel 2014 ha curato la traduzione italiana di "Attachment to pets" di Turner et al., il primo libro scientifico sulla pet therapy edito da Hogrefe, integrandolo con un capitolo sulla pet therapy in Italia.

Antropozoa
Antropozoa da oltre 15 anni collabora in maniera continuativa e costante con strutture pubbliche e private con progetti e interventi con l'ausilio degli animali.
È l'unica associazione in Italia a lavorare in modo costante e continuativo in una struttura sanitaria pubblica, ossia l'AOU pediatrica Meyer di Firenze.
Antropozoa opera con circa una ventina di cani, di diverse razze e molte altre specie animali, quali asini, caprette altri animali da fattoria e sta ultimando la realizzazione di una 'therapy farm" a Castelfranco di Sopra (Ar).
Si occupa di interventi di alta specializzazione negli ospedali pediatrici e nei reparti di pediatria; progetti per psicopatologie pediatriche (in particolare autismo); progetti per anziani (in particolare Alzheimer); interventi nelle scuole di ogni ordine; formazione professionale nei programmi assistiti con l'ausilio degli animali; giornate e incontri con i bambini ospedalizzati nelle aree rurali; organizzazione di gruppi di studio, di ricerca , seminari e convegni; incentivazione di studi e ricerche sulle attività e terapie assistite con l'ausilio degli animali.
L'associazione ha ricevuto in questi anni importanti riconoscimenti scientifici.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it

Occhio al “pesce palla”. Non va assolutamente mangiato

Dopo l'allerta dell'anno scorso lanciata dallo "Sportello dei Diritti" anche l'Istituto oceanografico di Spalato ha recentemente lanciato un vero e proprio allarme

Poco più di un anno fa, per la precisione il 16 novembre 2013, lo "Sportello dei Diritti", per la prima volta in Italia rilanciava un allerta alimentare a seguito della pesca nelle acque nostrane di un pesce apparentemente innocuo, ma le cui carni sono velenosissime e pericolose per l'uomo: il Lagocephalus sceleratus, una specie di pesce palla che si sta diffondendo anche nel mar Mediterraneo, che dopo essere passato dal Mar Rosso dov'è originario attraverso il canale di Suez, ha fatto capolino in Grecia, passando per Israele, Rodi, la Turchia ed è arrivato sino alle acque siciliane dove era stato pescato l'autunno dello scorso anno presso Lampedusa.Non appena rinvenuto dai pescatori siciliani, l'Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) ne ha dato notizia alle autorità sanitarie per il tramite di una nota con la quale ha segnalato alle Asl la presenza del vertebrato nelle acque nostrane.

Ora, anche l'Istituto oceanografico di Spalato ha recentemente lanciato un vero e proprio allarme: anche in Alto Adriatico è arrivato il "Lagocephalus sceleratus", detto anche pesce palla argenteo.Sono numerosi, infatti, i pescatori istriani che ne hanno catturato un esemplare. Il problema è che la carne del "Lagocephalus sceleratus" contiene una tossina mortale (tetradotossina) che porta alla paralisi del sistema respiratorio.

Si tratta quindi di una conferma, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", che la tropicalizzazione delle nostre acque sta favorendo la diffusione di numerose specie di pesci esotiche di cui alcune pericolose come quella in questione.Per tali ragioni, è doveroso mettere in guardia i cittadini e i pescatori a non mangiarlo in caso di eventuale cattura.Sottovalutare tale evento potrebbe portare, infatti, a conseguenze dannose per la salute, giacché le carni di questo tipo di pesce sono altamente tossiche anche dopo la cottura, e consumi occasionali hanno già causato alcuni decessi in altri Paesi del bacino del Mediterraneo.



Avvio di procedure concorsuali per i precari del SSN



Andrea Pietrarota
Cavaliere al merito della Repubblica Italiana

-----------------------------------------------------
sociologo della comunicazione, giornalista e consulente di comunicazione integrata
direttore responsabile di AlternativaSostenibile e fondatore del CorrieredelWeb.it
cell. +39 347 8271841
email: apietrarota@gmail.com e direttore@alternativasostenibile.it
skype: apietrarota
www.facebook.com/corrieredelweb
http://twitter.com/apietrarota
Il mio profilo su Linkedin
Il mio biglietto da visita


---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Ufficio Stampa <ufficiostampa@sanita.it>
Date: 22 dicembre 2014 19:52
Oggetto: comunicato n. 238 del 22 dicembre 2014 - avvio di procedure concorsuali per i precari del SSN
A:




 


Ministero della Salute


 

 

Avvio di procedure concorsuali per i precari del SSN

Il Ministro Lorenzin ha trasmesso, in data odierna, alla Conferenza Stato-Regioni lo schema di decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, con cui si dà attuazione a quanto disposto dall'articolo 4, comma 10, del decreto legge 31 agosto 2013 n. 101 "Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni" convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013 n. 125.  Il provvedimento, elaborato all'esito di un complesso iter che ha previsto l'interlocuzione con i Ministeri dell'economia e delle finanze e della semplificazione e pubblica amministrazione, una volta acquisita l'intesa della Conferenza, permetterà l'avvio di procedure concorsuali riservate al personale precario degli enti del Servizio sanitario nazionale. Si tratta del primo fondamentale passo per ridurre il precariato nel settore sanitario, ove il blocco del turn-over ha negli ultimi anni imposto il ricorso a forme di lavoro flessibile al fine di garantire l'erogazione dei Livelli essenziali di assistenza.

Grande la soddisfazione del Ministro della Salute, Lorenzin: "E' un primo passo molto importante, già concordato con le Regioni nell'ambito del Patto della Salute, per ricominciare a dare stabilità e sicurezza a chi opera negli ospedali italiani con fatica e sacrificio. Nei prossimi giorni sarò impegnata a studiare ulteriori interventi anche normativi, nell'ambito del riordino degli enti vigilati e nel settore della ricerca. Ridurre nelle aziende ospedaliere altre sacche di precariato deve essere un nostro obiettivo". 

 

 


Glutine: una nuova tecnica ne trova le tracce minime

Un sistema sviluppato dai ricercatori di alcuni Istituti Cnr consentirà di rilevare la presenza di questa sostanza negli alimenti con una sensibilità cento volte superiore a quella attuale. Importanti applicazioni sono previste in campo biomedico, ambientale e alimentare. La ricerca è pubblicata su Nature Communications

Una tecnica basata sull’effetto piroelettrico consentirà di rilevare tracce minime di glutine negli alimenti, con un’elevata sensibilità che potrà rendere più sicura l’assunzione di alimenti da parte delle persone affette da celiachia. L’innovativa tecnica è frutto della collaborazione tra diversi Istituti del Consiglio nazionale delle ricerche: Istituto nazionale di ottica (Ino-Cnr), Istituto di biochimica delle proteine (Ibp-Cnr), Istituto di scienze dell’alimentazione (Isa-Cnr), Istituto di microelettronica e microsistemi (Imm-Cnr), Istituto di cibernetica (Icib-Cnr). I risultati della ricerca sono pubblicati sulla rivista scientifica Nature Communications.

“La tecnica è basata sull’utilizzo dell’effetto piroelettrico, cioè la formazione temporanea di cariche elettriche di segno opposto, per accumulare su un supporto ad hoc molecole presenti in tracce, che divengono così rilevabili tramite uno strumento di lettura a scansione, ad esempio uno scanner in fluorescenza”, spiega Simonetta Grilli dell’Ino-Cnr. “Immaginando le proteine di gliadina, principali componenti del glutine, come delle piccole lampadine disperse in un liquido, il nostro metodo riesce ad accumularle su una superficie micrometrica (1 millesimo di millimetro), centuplicando il livello di luce rilevabile rispetto a quanto avviene con un dispensatore convenzionale”. 

Il funzionamento basato sull’effetto piroelettrico consente quindi di prelevare e accumulare piccolissimi volumi di liquido. “I risultati ottenuti con la nuova tecnica presentano una sensibilità di rilevazione pari a 0.005 parti per milione (ppm) di gliadine, principali proteine responsabili della celiachia, rispetto ai 0.3 ppm delle migliori tecniche reperibili in commercio, ovvero con un miglioramento di circa cento volte. Quindi potrebbe essere di grande aiuto nella produzione di alimenti etichettati ‘gluten free’ per rilevare tracce minime di contaminazione non rilevabili con tecniche tradizionali, ma la cui ingestione può comportare danni anche gravi al soggetto celiaco”.

Il lavoro è stato sviluppato nell’ambito di un Progetto di ricerca nazionale finanziato dal ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca, nell’ambito del Fondo per gli investimenti della ricerca di base, con un coinvolgimento fortemente interdisciplinare. “Il nostro obiettivo ora è di miniaturizzare il sistema di accumulo piroelettrico per renderlo più compatto e fruibile da personale non specializzato, senza ricorrere a lunghe e dispendiose analisi in laboratorio”, conclude Pietro Ferraro, responsabile del gruppo di ricerca e neo-direttore dell’Icib-Cnr, “che si inserisce molto bene nella nuova missione dell’Istituto di cibernetica”.

Roma, 23 dicembre 2014

venerdì 19 dicembre 2014

HIV: sangue del lama potrebbe contenere la "chiave" per la produzione di un vaccino salva-vita.

HIV : sangue del lama potrebbe contenere la "chiave" per la produzione di un vaccino salva-vita. Verso la scoperta che potrebbe portare alla svolta definitiva nella lotta contro l'HIV e l'Aids. Lo sostiene una nuova ricerca scientifica.

Gli anticorpi del sistema immunitario dell'animale sudamericano facilmente sconfiggono il virus killer. Gli anticorpi del sistema immunitario dell'animale sudamericano hanno una sorprendente capacità di sconfiggere il virus. È un fatto nuovo e che dà speranza se può essere replicato in qualche modo con un'iniezione per gli esseri umani. La ricerca dimostra che gli anticorpi del lama sono efficaci contro almeno 60 ceppi del virus, che uccide più di 1 milione di persone ogni anno.Una dei ricercatori, la Dott. ssa Laura McCoy, ha dichiarato che questo dimostra che l'immunizzazione può indurre anticorpi potenti e ampiamente neutralizzanti in lama con caratteristiche simili agli anticorpi umani. A partire dal 2011, attualmente in tutto il mondo ci sono 33 milioni di persone che vivono con l'HIV e l'AIDS. Gli esperti hanno sinora ammesso che fino ad oggi i tentativi di sviluppare un vaccino efficace contro l'HIV sono stati "deludenti". La maggior parte delle ricerche precedenti di un vaccino si è concentrato sulla formazione del sistema immunitario umano per rilevare il virus e reagire contro di esso prima dell'infezione. I primi sintomi dell'HIV e AIDS si manifesta in alcuni casi attraverso sintomi di tipo influenzale quali febbre, linfoadenopatia (ingrossamento dei linfonodi), faringite (mal di gola), rash (manifestazioni cutanee), mialgia (dolore muscolare), malessere, piccole piaghe in bocca e nell'esofageo.Più raramente compaiono anche mal di testa, nausea e vomito, ingrossamento del fegato/milza, perdita di peso, mughetto, sintomi neurologici. Ma il nuovo studio, condotto dalla University College London (UCL), ha dimostrato che il lama, un grosso camelide originario del Sudamerica, produce "anticorpi neutralizzanti" non trovati in esseri umani che si sono dimostrati efficaci nel bloccare il virus mortale. L'approccio innovativo nell'esaminare la risposta del lama al virus è stato condotto dal ricercatore dell'UCL, la Dott. ssa Laura McCoy, la Prof. ssa Robin Weiss esperta del virus HIV e Theo Verrips, uno studioso esperto dell'anticorpo del lama. I tre scienziati hanno osservato che una combinazione di quattro anticorpi del lama può distruggere una vasta area del virus dell'HIV consentendo agli anticorpi di fissare il virus disarmandolo. Il team della Dr McCoy aveva precedentemente scoperto uno di questi anticorpi. Ma l'ultimo studio, pubblicato sulla rivista PLOS Pathogens, ha scoperto altri anticorpi destinati a diverse parti del virus ed è la combinazione degli anticorpi che lo rende così efficace. Ad evidenziarlo Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti". La scoperta migliora le probabilità che un vaccino diretto contro l'HIV sviluppato sulla base delle nuove scoperte sarebbe efficace.

Lecce, 19 dicembre 2014                                                                                                                                                                                            




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Farmaci difettosi. Aifa, stop all'uso del medicinale Ebixa 5 mg per un difetto della pompa erogatrice inclusa nella confezione

Farmaci difettosi. Aifa, stop all'uso del medicinale Ebixa 5 mg per un difetto della pompa erogatrice inclusa nella confezione del medicinale

L'Agenzia Italiana del Farmaco ha vietato in via precauzionale l'utilizzo del medicinale Ebixa 5 mg della ditta H. Lundbeck Italia SpA con decorrenza immediata. La soluzione è indicata per il trattamento di pazienti con malattia di Alzheimer da moderata a grave.Un comunicato dell'AIFA, l'Agenzia Italiana per il Farmaco è eloquente nel precisare che:

" Si fa seguito al provvedimento prot. AIFA/PQ/130556 del 12/12/2014 e alla successiva comunicazione della ditta H. Lundbeck Italia SpA, sita in Milano via Moscova 3, pervenuta in data 16/12/2014, concernente un difetto della pompa erogatrice inclusa nella confezione del

medicinale Ebixa 5 mg erogazione, soluzione orale flacone da 50 mi — AIC 035681055/E;

si comunica ai sensi dell'art. 70 del D. L.vo 219/2006 e perla motivazione sopra evidenziata, il ritiro volontario da parte della ditta dei Iotti n° 362619 - 362621 - 363160 con scadenza dicembre 2016. Resta inteso che, nelle more del ritiro, il lotto non potrà essere utilizzato.

La ditta H. Lundbeck Italia SpA dovrà assicurare l'immediata comunicazione del ritiro entro 48 ore dalla ricezione della presente comunicazione. Il Comando Carabinieri perla Tutela della Salute è invitato a verificare l'avvenuto ritiro e, in caso di mancato adempimento da parte della ditta interessata, procederà al sequestro dei lotti del medicinale.

In virtù di tale comunicazione, Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", raccomanda ai pazienti in trattamento con il medicinale di verificare il numero di lotto e, nel caso corrispondesse a quello ritirato, di sospenderne l'uso e di rivolgersi al proprio medico per una nuova prescrizione. Sempre al medico di famiglia gli assistiti potranno rivolgersi per ottenere qualunque tipo di chiarimento sul provvedimento e per avere maggiori informazioni sui motivi che hanno portato al ritiro dal mercato del Ebixa 5 mg .

Lecce, 19 dicembre 2014                                                                                                                                                                                         



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Malattie parodontali e diabete: incidenza più alta e maggior rischio di peggioramento



Malattie parodontali nei soggetti diabetici: incidenza più alta e maggiori rischi di aggravarsi a causa dei batteri Gram-negativi
In Italia oltre 3 milioni di persone soffrono di diabete, e rischiano di contrarre infezioni orali 2/3 volte di più, con un rischio di peggioramento del 37%


I pazienti affetti da diabete mellito sono 2/3 volte più a rischio di contrarre una malattia parodontale infettiva, soprattutto nella fasi di ipoglicemia e iperglicemia, quando, cioè, la glicemia non è tenuta sotto controllo, e rischiano di veder peggiorare la malattia nel 37% dei casi, contro un'incidenza dell'11% tra la popolazione non diabetica.

In Italia i pazienti diabetici sono oltre 3 milioni, senza considerare un ulteriore milione di persone che ha il diabete ancora non diagnosticato. L'incidenza della mortalità è di circa 27.000 morti ogni anno e il costo di questa malattia è decisamente elevato, sia in termini economici, sia sociali.

Per questi pazienti, contrarre parodontiti può comportare l'insorgere di complicazioni anche gravi. Nelle lesioni parodontali, infatti, si trovano elevate concentrazioni di batteri patogeni Gram-negativi in grado di penetrare i capillari delle gengive ed entrare in circolo nell'organismo, dando origine a episodi di batteriemia ed immissione in circolo di tossine.

"I pazienti che soffrono di parodontite, hanno la tendenza a sviluppare stati infiammatori nell'intero organismo, riscontrabili anche a livello ematico, tendenza che vediamo accentuata in chi soffre di diabete. - Ha commentato il dottor Marco Turco, dentista responsabile dei programmi di cura dei centri Samadent. - Avere un'infiammazione elevata costante costituisce una fonte di stress insostenibile per il nostro organismo, che è come se si trovasse sempre al centro di una guerriglia, e da questa situazione possono nascere disturbi ben più gravi come malattie aterosclerotiche o, addirittura, si può rischiare un infarto miocardico. Noi dentisti da sempre consigliamo di sottoporsi regolarmente a visite di controllo dal proprio odontoiatra di fiducia, ma per quanto riguarda i pazienti diabetici, questo invito diventa ancora più importante."

"Inserire un diabetico in un programma di controllo e cura dentale, può tradursi in una riduzione del costo delle cure del 20. - Prosegue il dottor Turco. - E' opportuno, però, che lo specialista faccia delle domande mirate a conoscere lo stile di vita del paziente, il suo andamento glicemico, se hanno perso denti, se alcuni dondolano, se le gengive sono infiammate o si ritirano. Credo che sarebbe opportuno, nel momento stesso in cui il medico diagnostica la patologia, informare il paziente della correlazione tra diabete e malattie parodontali, e delle conseguenze che queste possono comportare".

Le app per il diabete, e tu quale usi?

Il diabete è una delle malattie che più incide nella vita delle famiglie italiane, non solo dal punto di vista economico ma anche a livello d'impegno. Alcune stime hanno rilevato che circa un milione e mezzo di individui ne è affetto senza saperlo, questo a causa di controlli e prevenzioni non adeguate

La patologia inoltre ogni anno è in crescita e questo anche a causa di sempre più scorrette abitudini di vita e di alimentazione. Negli ultimi anni per facilitare la vita di coloro che sono affetti da questa malattia, sono stati rilasciate diverse applicazioni per smartphone, sia Android, Windows Phone che IOS, che aiutano a monitorare e a tener sotto controllo i valori del glucosio nel sangue...vediamo insieme quelle più diffuse. 


MySugr Companion E' simile a un diario e aiuta l'utente a documentare quotidianamente i valori in modo giocoso e divertente.
Ti dà i feedback necessari e ti spinge a non perdere la motivazione per la gestione del tuo diabete tutto sotto forma di un gioco. Per ogni dato inserito ti regala dei punti, aiutandoti a stabilire degli obiettivi di gestione della terapia e vincere le tue sfide personali. Disponibile sia per Android che per IOS.
Glucose Buddy
L’applicazione è gratuita per Android e iOS, ma solo in lingua inglese. I dati dei livelli di glucosio, di assunzione di insulina e di consumo di carboidrati, inseriti a mano, vengono registrati nell’account gratuito. I dati sono sempre comodamente reperibili ed è facile avere un promemoria per tenere sotto controllo i livelli di glucosio.
La Dolce Vita 2.0
Una volta inseriti i propri dati, come altezza, peso, età e sesso, l’applicazione calcolerà automaticamente il fabbisogno nutrizionale quotidiano dell’utente, e terrà conto delle calorie che è opportuno consumare con l’attività fisica. Accanto a questo è possibile registrare l’andamento della glicemia e delle eventuali terapie, ma anche consultare la tabella degli alimenti, per visualizzare i valori nutrizionali dei singoli cibi.
iCookbook Diabetic
Solo su Apple Store. Questa applicazione contiene ricette gratis ogni mese, a cura di un team di dietisti ed esperti. Sono presenti alcuni comandi vocali per scorrere le istruzioni di preparazione senza dover toccare il proprio dispositivo, è possibile salvare le proprie ricette preferite, utilizzare la lista della spesa all’interno dell’app per acquistare gli ingredienti necessari e approfittare di utili strumenti durante la cottura, come il timer, liste di ingredienti sostitutivi e ricerche veloci in base ai tag.
Se conoscete altre app e vi va di suggerircele, lasciate un commento!


In Offerta per TE!


Ascensia Brio

STRUMENTO DIAGNOSTICO
Strumento miniaturizzato per la determinazione della glicemia su sangue intero capillaremediante le strisce reattive elettrodo-sensore Ascensia Easyfill. Intervallo di lettura30-550 mg/dL. Memoria per 10 risultati.

giovedì 18 dicembre 2014

General Electric lancia "Mind", app per i malati di Alzheimer e altri disturbi neurologici


GENERAL ELECTRIC HEALTHCARE LANCIA "MIND",

APP PER I MALATI DI ALZHEIMER E ALTRI DISTURBI NEUROLOGICI

 

Attraverso la musica e l'arte, la nuova app riesce a stimolare il cervello e favorire l'interazione sociale

 

MILANO, 17 dicembre 2014Un vero e proprio supporto mobile per le persone colpite da disturbi neurologici: GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, ha progettato "MIND", applicazione gratuita per iPad che favorisce la stimolazione del cervello per le persone con malattie neurologiche e offre consigli utili per chi fornisce assistenza ai malati. Creata e approvata da neurologi, la app MIND di GE Healthcare è progettata specificamente per le persone colpite da disturbi neurologici come il morbo di Alzheimer, Parkinson, ictus e trauma cranico.

 

La app utilizza la musica e l'arte per permettere ai pazienti di svolgere attività che coinvolgono sia il livello emotivo che quello fisico, offrendo un'esperienza sia stimolante che divertente. Diversi studi hanno dimostrato che la musica, in particolare, contribuisce a migliorare il recupero dei pazienti in aree specifiche. Ad esempio, un recente studio finlandese ha rilevato che se i pazienti con ictus ascoltano musica per due ore al giorno, possono recuperare le loro capacità di memoria verbale e attenzione, meglio di coloro che non la ascoltano mai. Lo studio ha anche dimostrato che i pazienti che ascoltano musica hanno un atteggiamento più positivo rispetto ai pazienti che non ne ascoltano o che ascoltano solo audiolibri. Anche la app MIND di GE Healthcare dimostra il grande potere della musica: i pazienti possono riacquisire controllo di sé e fiducia nelle proprie capacità suonando le loro canzoni preferite, cantando, e persino creando alcuni passi di danza. I pazienti possono anche creare la propria melodia, guardare video musicali e ascoltare composizioni di Paesi diversi.

 

"MIND" utilizza anche l'arte visiva per incoraggiare un coinvolgimento attivo tra il paziente e la persona che si prende cura di lui. L'applicazione coinvolge il paziente attraverso molteplici funzioni, tra cui una galleria d'arte virtuale, dove gli utenti possono osservare grandi opere d'arte e creare la propria versione di capolavori. Per le persone affette da disturbi neurologici, l'ascolto di musica e la visualizzazione di opere d'arte possono stimolare il cervello, scatenando risposte emotive e promuovendo l'interazione sociale. L'importanza dell'arte in questo ambito è sempre più riconosciuta: in tutto il mondo, infatti, si sta assistendo a un aumento di iniziative progettati per persone affette da disturbi neurologici e per chi fornisce assistenza.

 

Un prezioso vantaggio delle app è la possibilità che il legame tra il paziente e chi se ne prende cura possa essere rafforzata attraverso la condivisione delle caratteristiche dell'applicazione. Lo sviluppo della app MIND è parte integrante dell'impegno di GE Healthcare a livello mondiale per migliorare la previsione, il rilevamento e la diagnosi dei disturbi neurologici, nonché per migliorare l'assistenza fornita a chi ne è affetto. MIND è disponibile su iTunes Store o presso mindonlinecampaign.com.

 

 

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *